Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Aosta - Avevano vinto un appalto da oltre un milione - Ora la Regione non vuole più costruirle

Revocate elisuperfici, aziende viterbesi ricorrono al Tar

Condividi la notizia:

Val d'Aosta - Un elicottero del 118

Val d’Aosta – Un elicottero del 118 

Viterbo –  La regione Valle d’Aosta non costruirà più le aree di atterraggio notturno e le ditte viterbesi che avevano vinto il bando ricorrono al Tar di Aosta.

L impresa Tekno Consulting, la cooperativa edile Careca, entrambe di Viterbo e la società romana Molajoni ad agosto 2014 parteciparono e vinsero il bando della regione per la costruzione di cinque aree di atterraggio per il volo notturno degli elicotteri. Bando da un milione e duecentomila euro.

Ora la giunta con una delibera, come riporta Aostacronaca, non ha più intenzione di realizzarle e con una delibera ha revocato alle ditte l’incarico chiedendone l’annullamento.

Le strutture dovevano essere costruite a Champorcher, Cogne, Gressoney-St-Jean, Valgrisenche e Valsavarenche.

La giunta regione avrebbe revocato il bando perché alcuni funzionari non si erano accorti di un regolamento europeo del 2012 che consente di utilizzare per l’atterraggio e il decollo notturno, anche campi sportivi o piazzali di grandi dimensioni. Sarebbe questo il motivo che ha fatto revocare l’incarico alle due ditte.

La regione avrebbe sanato il danno con 50mila euro, cifra ritenuta non idea e quindi è stato presentato un ricorso al Tar.

 


Condividi la notizia:
25 maggio, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR