--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - A novembre il processo per maltrattamenti

Bimbo picchiato fuori da scuola, a giudizio la mamma e il compagno

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Un'aula di tribunale

Un’aula di tribunale 

Terni – Picchiato fuori da scuola dalla mamma e dal compagno.

Partì da una telefonata anonima in questura che raccontava di quelle botte davanti a genitori e compagni di classe l’indagine per maltrattamenti su una donna, madre di tre figli, e il suo convivente.

Il gup del tribunale di Terni li ha rinviati a giudizio: il 13 novembre inizierà il processo a loro carico, con l’accusa di aver malmenato e maltrattato uno dei tre figli della donna, oggi 14enne, in più occasioni.

Gli episodi di violenza sul ragazzino, maggiore di tre fratelli, figli di stessa madre e padri diversi, inizierebbero nel 2007, quando il bambino comincia ad avere i primi lividi e a manifestare segni di disagio a scuola. Il tribunale dei minori era intervenuto già anni prima, togliendo i figli alla madre.

La donna avrebbe sofferto di crisi depressive così forti da tentare più volte il suicidio. Il bambino era stato temporaneamente affidato al padre è ripreso dalla madre dopo le cure. Ma nel 2007, interrotta la terapia farmacologica, la donna avrebbe iniziato a manifestare atteggiamenti aggressivi e violenti contro il figlio maggiore nella loro casa a Terni.

Per questo il processo si tiene davanti all’autorità giudiziaria umbra, anche se il bambino oggi vive nel Viterbese con il papà.

Le indagini si concludono nel 2012. L’udienza preliminare, dopo vari rinvii, si è chiusa pochi giorni fa.

Il padre del bambino si è costituito parte civile anche per il figlio, tramite l’avvocato Giuseppe Picchiarelli. Roberto Migno, invece, è il difensore della madre e del convivente.


Condividi la notizia:
8 giugno, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR