--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Inchiesta raccolta rifiuti - Dello Vicario prevede guai per se e i suoi collaboratori - Nelle intercettazioni si parla anche di un non meglio identificato "collettore delle tangenti"

“La ditta sta giocando sporco…”

Condividi la notizia:

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Il blitz di carabinieri e polstrada in comune in via Garbini

Viterbo – Operazione “Vento di maestrale” – Il blitz di carabinieri e polstrada in comune in via Garbini

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Il blitz di carabinieri e polstrada a Casale Bussi

Viterbo – Operazione “Vento di maestrale” – Il blitz di carabinieri e polstrada a Casale Bussi

Ernesto Dello Vicario

Ernesto Dello Vicario, dirigente comunale

Francesco Bonfiglio, responsabile di Viterbo Ambiente

Francesco Bonfiglio, responsabile di Viterbo Ambiente

Fulvio Santini, responsabile di servizio rifiuti di Viterbo Ambiente

Fulvio Santini, responsabile di servizio rifiuti di Viterbo Ambiente

Stefano Quintarelli

Stefano Quintarelli 

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Il blitz di carabinieri e polstrada a Casale Bussi

Viterbo – Operazione “Vento di maestrale” – Blitz a Casale Bussi – Il maggiore Rajola, già capitano del Noe, e il comandante del Norm di Tuscania Clementucci

Viterbo – Disservizi di ogni genere alla luce del sole. Eppure Viterbo Ambiente poteva permettersi di continuare indisturbata a lavorare male o a non lavorare affatto.

L’indagine “Vento di maestrale”, di carabinieri, Noe e polstrada, è la fotografia dell’inefficienza della ditta incaricata della raccolta e del trasporto dei rifiuti solidi urbani. Un pianto, tra caditoie costantemente piene, strade non spazzate, isole di prossimità stracolme.


Previsione di un disastro

A Ernesto Dello Vicario, il dirigente comunale arrestato insieme ai vertici di Viterbo Ambiente ed Ecologia Viterbo, non sfugge affatto la gravità del problema. Né tantomeno le conseguenze di eventuali comportamenti poco trasparenti. Conseguenze che Dello Vicario non vuole pagare.

“Tanto in galera ce vado sempre per primo io, poi dopo c’annamo tutti gli altri… o in Corte dei conti – dice intercettato nel suo ufficio -. Però mi preoccupo… siccome non ce voglio annà, io non ce voglio annà, non so voi…”. Il problema (uno dei tanti) è l’importo delle penali da applicare a Viterbo Ambiente per i disservizi. La procura contesta 400mila euro di mancate sanzioni che il comune avrebbe dovuto richiedere. Colpa di quello che, per Dello Vicario, è “un malfunzionamento dell’ufficio”, che racconta nella sua stanza a un interlocutore sconosciuto:

“Ho chiamato Sara (Palombi, funzionaria comunale indagata, ndr) e gli ho detto ma noi le penali le abbiamo fatte? E Sara fa: ‘Ao io ce l’ho ma non l’ho applicate…’, ‘Ma perché non l’hai applicate?’, ‘Perché io c’ho da fare, perché…’… Gli ho detto: ‘Sara, così ci facciamo male… Perché sennò rimane il danno erariale, cioè se tu potevi farti pagare mille euro e poi non hai portato a fondo il procedimento, quello è un danno erariale perché era un credito esigibile cui tu hai rinunciato… insomma: pesante!”.

Stilando la lista dei disservizi, il conto sarebbe stellare. Ma Dello Vicario è contrario a sparare penali da centinaia di migliaia di euro. Preferisce procedere a piccoli passi: “Piuttosto che applicare una sanzione da un milione poi dopo davanti al giudice ci va io, Ernesto Dello Vicario, e se per caso m’ero sbagliato li devo dà di tasca mia… però le penali vanno fatte perché comunque rappresentano un serbatoio, trenta, cinquanta, settantamila euro l’anno che poi uno utilizza…”.


La filosofia del bastone e la carota

Il dirigente si sente tra l’incudine e il martello: da un lato il comune, con “una parte dei Sel e del Pd che spinge per la riduzione contrattuale”, dall’altro la ditta, poco aperta a concessioni. “Quindi io non posso andare a litigare con la ditta se poi non posso… la riduzione contrattuale. Quindi io devo riuscire a mantenere una partita un po’ no… Il bastone e la carota, insomma“. Bastone soltanto a parole. Perché nei fatti, secondo gli inquirenti, Dello Vicario non fa nulla per opporsi a quello stato di cose. Pur sapendo e riconoscendo lui stesso che “la ditta sta giocando sporco”, che “non si può gestire un appalto in questo modo”, che “le risposte le devi dare, non possono essere sempre alla volemose bene…”.

Troverà una nemica nell’unica vera detrattrice di quel contratto: l’assessore Raffaela Saraconi, che non si fiderà più di Dello Vicario, né di Sara Palombi, arrivando a estrometterli dalle riunioni e a volere fortemente una nuova figura di direttore esterno del contratto per vigilare. Il rimpasto di giunta le impedirà di proseguire su quella direzione.


Tangenti a chi…?

L’ordinanza di custodia cautelare del gip Franca Marinelli è un mondo. In un passaggio, due uomini di Viterbo Ambiente arrestati nel blitz, Francesco Bonfiglio e Fulvio Santini parlano di un “collettore delle tangenti” senza nome, che qualcuno avrebbe interesse a proteggere.


Casale Bussi, dove tutto può succedere

E poi c’è il caos Casale Bussi. Il combustibile da rifiuto (cdr) al centro delle contestazioni della procura, che doveva provenire almeno dal 35 per cento delle tonnellate di rifiuti in entrata all’impianto di Ecologia Viterbo, non viene prodotto affatto nel 2012, solo per il 9 per cento nel 2013 e solo per il 19 per cento nel 2014. L’impianto viterbese aveva fortissime criticità, per gli investigatori, “legate al surplus di rifiuti urbani in ingresso senza l’uscita dagli impianti finali di recupero del cdr a causa di svariati e simultanei fermi per manutenzioni”. 

Secondo le indagini succedeva che “si spacciasse per cdr quello che nella realtà era un semplice prodotto di scarto produttivo, trattato in modo superficiale”. Con “plurime doglianze degli impianti di destinazione finale” e gli operai che si lamentavano della puzza. Una “frode di tutta evidenza”, secondo il gip Franca Marinelli che conferma il quadro tracciato dal pm Massimiliano Siddi: “a fronte di una quasi inesistente attività di recupero” la società percepiva “rilevanti somme di denaro”.


Via agli interrogatori

Oggi sarà giornata di interrogatori. Ieri Sara Palombi si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Oltre agli arrestati, in giornata, sarà ascoltato anche l’altro dirigente comunale indagato a piede libero, Stefano Quintarelli.


Condividi la notizia:
5 giugno, 2015

Inchiesta "Vento di maestrale" ... Gli articoli

  1. Casale Bussi, 78 parti civili contro la malagestione della discarica
  2. Vento di maestrale - Viterbo Ambiente, prima udienza lampo
  3. Maxinchiesta sui rifiuti, un solo processo per otto imputati
  4. Inchiesta Viterbo Ambiente, parte il processo a Dello Vicario, Bonfiglio e Tonnetti
  5. Truffa rifiuti, al via il processo al dirigente comunale Dello Vicario
  6. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via anche per il direttore tecnico di Casale Bussi
  7. Maxinchiesta sui rifiuti, record di oltre cento parti civili contro Ecologia Viterbo
  8. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via per sette imputati
  9. Inchiesta rifiuti, sette rinvii a giudizio
  10. Truffa milionaria sui rifiuti, cinque avvisi di fine indagine
  11. Inchiesta rifiuti, gli atti tornano in procura
  12. "Ecologia Viterbo, il Comune si costituirà parte civile"
  13. Inchiesta rifiuti, la procura vuole il processo
  14. "Viterbo Ambiente, pericolo di condizionamento mafioso"
  15. "Nessun collegamento con Mafia capitale"
  16. Inchiesta rifiuti, sette avvisi di garanzia
  17. Rifiuti, il comune consegna documenti alla procura
  18. "Ordinanza d'arresto appiattita sull'accusa"
  19. Libero anche l'ultimo uomo di Ecologia Viterbo
  20. Liberi Zadotti, Rizzo e Sacchetti
  21. Zadotti fuori dalla Ternana Calcio
  22. Revocati i domiciliari a Francesco Bonfiglio
  23. Tonnetti torna libero, annullati i domiciliari
  24. Inchiesta rifiuti, è corsa al tribunale del riesame
  25. Viterbo Ambiente, Bonfiglio interrogato per tre ore
  26. Rifiuti, ascoltato il segretario generale del comune
  27. La difesa di Dello Vicario: "Viterbo Ambiente sanzionata per 96mila euro"
  28. "Poi c'è la riccia che magari me fa 'na foto..."
  29. Revocati i domiciliari al presidente di Viterbo Ambiente
  30. Tutti i soldi che Viterbo Ambiente voleva
  31. Revocati i domiciliari a Dello Vicario
  32. Maxi interrogatori per Dello Vicario e Quintarelli
  33. "Dovete spazzà, svuotà le isole e pulì per terra"
  34. Una frode da più di un milione di euro
  35. Gestione dei rifiuti, nove arresti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR