--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Crisi in comune - Michelini perde un pezzo - Goffredo Taborri passa al gruppo misto

“Esco, vado all’opposizione”

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Alfredo Taborri

Goffredo Taborri

Viterbo – “Io esco. Tolgo la fiducia all’amministrazione”. Nel giorno in cui Leonardo Michelini chiude la verifica, arriva la brutta notizia. Perde un pezzo della sua maggioranza. Goffredo Taborri annuncia la sua uscita, passa nel gruppo misto. All’opposizione.

“Io esco. Questo è chiaro. Ho già detto al sindaco che non ha più la mia fiducia, in quanto non può alzarsi in piedi ufficialmente in consiglio comunale e annunciare la giunta a sette, addirittura avendo predisposto l’elenco delle deleghe e poi rimangiarsi quanto detto. Adesso si passa a otto. Non lo accetto più. Non ha fatto una bella figura alzandosi per dire sette e ora si piega a otto”.

Cosa avrebbe voluto?
“Io desideravo che la giunta fosse come doveva essere due anni e mezzo fa, a sei e la presidenza del consiglio mai a un esponente del Pd”.

 Non sarà così a quanto pare.
“Mancando queste condizioni io tolgo la fiducia all’amministrazione. Non avendo più fiducia soprattutto nel sindaco che si rimangia le parole che nessuno lo ha obbligato a dire. Io ho spiegato le mie posizioni, lui fa scelte diverse e io mi comporto di conseguenza. Vado all’opposizione nel gruppo misto”.

Perché è così contrario a un presidente del consiglio Pd?
“Dobbiamo essere seri. Tre mesi fa e non tre anni fa, tutti insieme i gruppi civici, avevamo deciso che quella posizione non era giusto darla a un esponente Democratico, ma doveva rimanere nell’area chiamiamola civica. All’unanimità abbiamo votato Maria Rita De Alexandris e dopo tre mesi cosa facciamo? Ci rimangiamo tutto e diamo la presidenza al Pd? Non è un problema di nomi, non ce l’ho con Serra. Vado anche oltre. Sono arrivati a politicizzare pure la presidenza del consiglio e non lo è. Si tratta di una figura di garanzia e la scelta va fatta tra i consiglieri comunali. Non Pd. Per me può essere anche uno dell’opposizione, se ha determinate caratteristiche d’esperienza e carisma. Abbiamo avuto Gabbianelli, per me può farlo anche Marini. Non ho problemi”.

Come mai una giunta a sei sarebbe meglio di otto?
“Con una giunta a sei il Pd nella sua totalità sarebbe comunque sovradimensionato. Avrebbero quattro assessori Pd e due sarebbero non Pd. Che vogliono di più? Perché tirano fuori i panunziani che sono sotto o i fioroniani sovrastimati? Affari loro. Non è un problema nostro. Hanno quattro assessori, poi se due sono di Fioroni e altri due sono di Panunzi, fatti loro. Non m’interessa. Non lo voglio nemmeno sapere”.

 E’ la posizione del consigliere Taborri dell’Ncd?
“Non parlo a nome dell’Ncd, anche se al momento nessuno mi ha comunicato nulla. Io sono ancora capogruppo del Nuovo centrodestra. Parlo a nome mio. Goffredo Taborri”.

 Perché una presa di posizione così drastica?
“Non sono più disposto a partecipare a questo squallido teatrino della politica viterbese degli ultimi giorni. Purtroppo in consiglio comunale manca una presenza di partiti nazionali, l’ho già detto più volte. Abbiamo solo un monocolore Pd. Il resto è fuffa”.

 Quindi il Partito democratico fa il bello e il cattivo tempo?
“La colpa di questo teatrino è tutta del Pd. Non m’importa se sono quelli di Fioroni o di Panunzi. Stanno facendo tutto loro e non riesco proprio a seguirli. Sostengono d’essere dodici consiglieri e per questo rivendicano cinque assessori”.

 Perché è il gruppo più numeroso in maggioranza. O no?
“Ma il consiglio è composto da 22 consiglieri. Lasciamo da parte il sindaco. Dodici sono del Pd, ma dieci sono del non Pd. Se parto da questi numeri, vuol dire che i due gruppi quasi si equivalgono. Stiamo lì. Tutte queste richieste d’assessorati non hanno fondamento”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
5 giugno, 2015

Crisi in comune 2015 ... Gli articoli

  1. Sono otto, lavorano per nove, saranno pagati per sette
  2. "Subito al lavoro, ci sono situazioni in arretrato"
  3. "Era l'ultima verifica? Mai dire mai..."
  4. Perà a Sviluppo economico e affari amministrativi
  5. "Taborri sarebbe un presidente di garanzia"
  6. "Evitino un teatrino anche per l’elezione del presidente del consiglio"
  7. Sonia Perà allo Sviluppo economico
  8. "Continuano i giochi di prestigio del sindaco Michelini"
  9. Giunta, l'ottavo assessore sarà una donna
  10. Giunta, si chiude a otto
  11. "Una soluzione tra oggi e domani"
  12. Giunta a sette solo se cambia il vice sindaco
  13. "In due anni non mi aspettavo questo disastro"
  14. "Se un assessore non firma, si va avanti in sei"
  15. "Il comune non può cadere per una questione di poltrone..."
  16. "Se c'è un nuovo gruppo che venga formalizzato…"
  17. L'uragano Michelini si abbatte sulla maggioranza
  18. "La presidenza ora non m'interessa"
  19. De Alexandris si è dimessa
  20. Alessandra Troncarelli non entra in giunta
  21. "Giunta a sette senza alternative, o mi dimetto"
  22. Giunta prendere o lasciare, maggioranza spaccata
  23. "Faccio una scelta di responsabilità"
  24. Varata la giunta a sette
  25. Zucchi si è ufficialmente dimessa
  26. De Alexandris verso le dimissioni
  27. "No a un presidente del consiglio Pd"
  28. Insogna e Moltoni da Michelini
  29. Balla anche la presidenza del consiglio
  30. “Sarà una giunta a sette”
  31. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  32. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  33. I Democratici sette alla corte di Michelini
  34. "Ascolterò i consiglieri e poi chiuderò la partita"
  35. Giunta a sette e presidenza al Pd
  36. "Michelini faccia lui il sindaco e lo faccia bene..."
  37. "Una scelta consapevole per tutelare la propria dignità"
  38. Michelini vedrà Insogna...
  39. Si è dimessa anche Raffaella Valeri
  40. "La giunta Michelini ha bisogno di una ripartenza"
  41. Giunta a sei, ma anche a sette, otto o nove assessori
  42. Il rimpasto? Dopo santa Rosa...
  43. Il Pd ribadisce: giunta a 7 e ora tocca a Serra
  44. "Ma il sindaco sa contare?"
  45. Oggi tocca al Pd, ma Serra andrà da solo
  46. Tre assessorati alle liste civiche
  47. Surreale che un organo di partito censuri un consigliere...
  48. "Non stiamo navigando a vista"
  49. "Imbarazzanti le affermazioni di Serra..."
  50. "Se non sa gestire la crisi, figuriamoci la città"
  51. "Con i 7 del Pd ci siamo anche noi"
  52. "Perché Serra fino a dieci giorni fa condivideva Michelini?"
  53. "Città devastata per le faide tra Fioroni e Panunzi"
  54. Subito il bilancio consuntivo o tutti a casa
  55. "Comune senza obiettivi, si vive alla giornata"
  56. "Con quale diritto Sel chiede le mie dimissioni?"
  57. Minchella (Pd): "Dissensi legittimi, ma sostegno al sindaco non in discussione"
  58. Verifica, Michelini prende tempo
  59. Cartellino rosso per Taborri
  60. Michelini o fa sette o sballa
  61. Boco: "Abbiamo peccato di presunzione, ritorniamo all'ordine"
  62. "Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché"
  63. "Ci vuole coraggio, Serra faccia l'assessore"
  64. La situazione è grave ma non è seria
  65. "Siamo in maggioranza, se vogliono andare altrove facciano pure"
  66. Ncd scomunica Taborri
  67. "Serra, un improbabile pubblico ministero"
  68. "Non vado bene? Sfiduciatemi"
  69. Moricoli: "Non mi dimetto..."
  70. Sel a Paolo Moricoli: dimettiti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR