--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Trasporti – Lo rende noto il gruppo Fs italiane – Nei primi cinque mesi del 2015 già 140 episodi in tutta Italia

Ferrovie, nel Lazio il maggior numero di aggressioni al personale

Condividi la notizia:

La polizia ferroviaria

Polizia ferroviaria 

Roma – Sono state 140 le aggressioni al personale del Gruppo Fs italiane nei primi 5 mesi del 2015. Il Lazio Tra le regioni più interessate dal fenomeno.

Lo rende noto il gruppo Ferrovie dello stato, che in una nota spega come “La quasi totalità dei casi (117) interessa i dipendenti di Trenitalia, più a contatto con il pubblico e pertanto maggiormente esposti a situazioni di rischio. Seppur in leggero calo rispetto ai primi 5 mesi del 2014 (140), il dato rimane comunque alto e degno di attenzione e specifiche contromisure”.

Per la maggior parte delle aggressioni sono state previste prognosi di un periodo massimo di 20 giorni. Seguono, per incidenza, gli episodi di minaccia, le ingiurie e infine le aggressioni che richiedono permanenze in ospedale per periodi più lunghi.

Poca differenza, invece, tra aggressori italiani e stranieri. Il numero degli aggressori stranieri è 54, che sono di poco superiori a quelli di nazionalità italiana, 41. I casi rimanenti hanno come protagonisti coloro che eseguono attività abusive a bordo dei treni.

Assieme al Lazio, le regioni più interessate dal fenomeno sono Emilia Romagna, Veneto, Campania e Toscana.

La nota del Gruppo Fs italiane conclude evidenziando come Trenitalia abbia “Messo in campo numerose azioni per cercare di limitare il numero di questi episodi: dalla formazione specifica per gestire le situazioni critiche dedicato ai capitreno e al personale di protezione aziendale, all’aumento del numero di telecamere a circuito chiuso a bordo treno, dai filtri in stazione fino all’installazione di gate nei principali scali ferroviari. Senza dimenticare la tutela legale e il supporto psicologico per i dipendenti aggrediti”.


Condividi la notizia:
15 giugno, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR