Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Nove arresti e due filoni d'inchiesta - Contestata anche l'associazione a delinquere - Nel mirino il servizio di raccolta e trasporto rifiuti e l'impianto tmb di Casale Bussi

Una frode da più di un milione di euro

Condividi la notizia:

Operazione "Vento di maestrale" - La conferenza per illustrare i dettagli

Operazione “Vento di maestrale” – La conferenza per illustrare i dettagli

Ernesto Dello Vicario

Ernesto Dello Vicario

Francesco Zadotti

Francesco Zadotti, responsabile dell’impianto tmb dell’Ecologia Viterbo

Carlo Rosario Noto La Diega, presidente del cda di Viterbo Ambiente e governatore del Rotary

Carlo Rosario Noto La Diega, presidente del cda di Viterbo Ambiente e governatore del Rotary

Francesco Bonfiglio, responsabile di Viterbo Ambiente

Francesco Bonfiglio, responsabile di Viterbo Ambiente

Fulvio Santini, responsabile di servizio rifiuti di Viterbo Ambiente

Fulvio Santini, responsabile di servizio rifiuti di Viterbo Ambiente

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Il blitz di carabinieri e polstrada in comune in via Garbini

Viterbo – Operazione “Vento di maestrale” – Il blitz di carabinieri e polstrada in comune in via Garbini

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Il blitz di carabinieri e polstrada in comune in via Garbini

Viterbo – Operazione “Vento di maestrale” – Il blitz di carabinieri e polstrada in comune in via Garbini

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Il blitz di carabinieri e polstrada in comune in via Garbini

Viterbo – Operazione “Vento di maestrale” – Il blitz di carabinieri e polstrada in comune in via Garbini

Viterbo – Un fiume di denaro per servizi inesistenti o tutt’altro che a regola d’arte. Pagava il comune. Quindi, i cittadini.

Lo hanno scoperto gli inquirenti nell’inchiesta “Vento di maestrale” (I blitz: video  –  fotocronaca  –  slide  – fotocronaca2   –  slide): da una prima stima, ammonterebbe almeno a un milione e duecentomila euro la frode ai danni di Palazzo dei Priori su nettezza urbana, raccolta e trasporto dei rifiuti. La cifra è provvisoria; le indagini in corso, finalizzate proprio a quantificare l’importo dei presunti guadagni illeciti e sproporzionati, rispetto alla quantità e qualità delle prestazioni. 

Nove arresti, nove perquisizioni e due diversi filoni d’indagine: uno sulla gestione dell’impianto di trattamento meccanico biologico di Casale Bussi; l’altro relativo alla truffa ai danni del comune sul contratto per il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti, affidato alla società Viterbo Ambiente. Un bando datato marzo 2011, della durata di sei anni. Valore: cinquanta milioni di euro (la conferenza: video  – fotocronaca  –  slide).

Per la gestione dell’impianto di Casale Bussi sono finiti ai domiciliari il responsabile dell’impianto di trattamento meccanico biologico (tmb) di Casale Bussi Francesco Zadotti, considerato braccio destro del patron di Malagrotta Manlio Cerroni e presidente della Ternana Calcio, non coinvolta in alcun modo nell’inchiesta, così come Cerroni; l’altro responsabile dell’impianto tmb Daniele Narcisi; il direttore tecnico della discarica Massimiliano Sacchetti e il responsabile della pesa Massimo Rizzo.

L’altro filone della truffa al comune riguarda, invece, altri cinque arrestati: il dirigente comunale Ernesto Dello Vicario e i responsabili di Viterbo Ambiente Francesco Bonfiglio, Fulvio Santini, Maurizio TonnettiCarlo Rosario Noto La Diega, governatore del Rotary di Lazio e Sardegna, tutti ai domiciliari.

Due capitoli diversi che hanno finito per intersecarsi nella stessa indagine. Con un unico denominatore comune: soldi pagati per servizi scadenti.

“Per quanto riguarda l’impianto, attività particolari di trattamento non venivano svolte, come la produzione di combustibile da rifiuti e frazione organica stabilizzata – spiega il pm Massimiliano Siddi, titolare dell’inchiesta -. Per quelle stesse attività, i gestori dell’impianto sarebbero stati comunque pagati. Allo stesso modo per lo spazzamento delle strade del comune di Viterbo: a fronte di lucrosi guadagni, il servizio risultava carente”. Strade sporche a prezzo pieno. E un impianto che si credeva funzionasse a pieno regime, lavorava invece al minimo delle sue possibilità. “Fino al 2012 non è stata svolta alcuna produzione di combustibile da rifiuto e negli anni successivi ne è stato prodotto in quantità minime”, spiega, ancora, il magistrato, mentre la società titolare avrebbe preso un tantum in via di quantificazione per ogni singola tonnellata. Anche se ne produceva poco, affatto o di scarsa qualità. 

In qualche caso, i rifiuti sarebbero stati trattati aggiungendo calce, in barba ad autorizzazioni e prescrizioni.

L’indagine non riguarda il servizio di raccolta differenziata, ma la pulitura delle strade che, come da contratto tra comune e Viterbo Ambiente, doveva avvenire con spazzatrici meccaniche. In realtà si usavano mezzi tradizionali: ramazza e paletta, mentre le moderne spazzatrici restavano in garage. “I macchinari erano inattivi – spiega il colonnello Mauro Conte -. Il gps installato sulle spazzatrici era stato appositamente disattivato, per nascondere le inadempienze”.

Emergerebbe un ruolo di spicco del dirigente comunale Dello Vicario, accusato dagli inquirenti di essere praticamente al servizio di Viterbo Ambiente, cercando di favorire l’azienda in ogni modo. Compreso chiudere gli occhi sulle penali da applicare in caso di disservizi. Da quanto risulta agli investigatori, l’avvocato consultato da Dello Vicario per riconoscere adeguamenti economici non dovuti a Viterbo Ambiente sarebbe stato lo stesso dell’azienda. Un’anomalia non di poco conto.

Gli inquirenti hanno in mano una corposa mole di documenti e intercettazioni.

Per entrambi i filoni, la procura ha contestato l’associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode in pubblica fornitura. Un’accusa grave, confermata dal gip Franca Marinelli solo per il filone Casale Bussi. Contestati a vario titolo anche falso materiale, falso ideologico, abuso d’ufficio e una serie di reati ambientali. 

Un lavoro di squadra che ha visto impegnati i carabinieri del colonnello Mauro Conte e la polizia stradale del vicequestore aggiunto Gianluca Porroni, insieme agli uomini del Nucleo operativo ecologico del colonnello “Ultimo” Sergio De Caprio e con il contributo dei carabinieri di Tuscania, tra il nucleo operativo radiomobile e la compagnia, coordinata dal maggiore Pietro Rajola Pescarini, già capitano del Noe.

Un maxi blitz scattato a Viterbo, Roma, Terni e Latina, che, da stamattina all’alba, ha visto impegnati oltre cento uomini, tra le perquisizioni in comune, alle sedi di Viterbo Ambiente ed Ecologia Viterbo, gestore di Casale Bussi, e in alcuni laboratori analisi. All’impianto tmb sono stati messi i sigilli, ma gli inquirenti rassicurano: “Il sequestro preventivo non comprometterà le funzionalità della discarica”.


Condividi la notizia:
3 giugno, 2015

Inchiesta "Vento di maestrale" ... Gli articoli

  1. Maxinchiesta sui rifiuti, un solo processo per otto imputati
  2. Inchiesta Viterbo Ambiente, parte il processo a Dello Vicario, Bonfiglio e Tonnetti
  3. Truffa rifiuti, al via il processo al dirigente comunale Dello Vicario
  4. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via anche per il direttore tecnico di Casale Bussi
  5. Maxinchiesta sui rifiuti, record di oltre cento parti civili contro Ecologia Viterbo
  6. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via per sette imputati
  7. Inchiesta rifiuti, sette rinvii a giudizio
  8. Truffa milionaria sui rifiuti, cinque avvisi di fine indagine
  9. Inchiesta rifiuti, gli atti tornano in procura
  10. "Ecologia Viterbo, il Comune si costituirà parte civile"
  11. Inchiesta rifiuti, la procura vuole il processo
  12. "Viterbo Ambiente, pericolo di condizionamento mafioso"
  13. "Nessun collegamento con Mafia capitale"
  14. Inchiesta rifiuti, sette avvisi di garanzia
  15. Rifiuti, il comune consegna documenti alla procura
  16. "Ordinanza d'arresto appiattita sull'accusa"
  17. Libero anche l'ultimo uomo di Ecologia Viterbo
  18. Liberi Zadotti, Rizzo e Sacchetti
  19. Zadotti fuori dalla Ternana Calcio
  20. Revocati i domiciliari a Francesco Bonfiglio
  21. Tonnetti torna libero, annullati i domiciliari
  22. Inchiesta rifiuti, è corsa al tribunale del riesame
  23. Viterbo Ambiente, Bonfiglio interrogato per tre ore
  24. Rifiuti, ascoltato il segretario generale del comune
  25. La difesa di Dello Vicario: "Viterbo Ambiente sanzionata per 96mila euro"
  26. "Poi c'è la riccia che magari me fa 'na foto..."
  27. Revocati i domiciliari al presidente di Viterbo Ambiente
  28. Tutti i soldi che Viterbo Ambiente voleva
  29. Revocati i domiciliari a Dello Vicario
  30. Maxi interrogatori per Dello Vicario e Quintarelli
  31. "La ditta sta giocando sporco..."
  32. "Dovete spazzà, svuotà le isole e pulì per terra"
  33. Gestione dei rifiuti, nove arresti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR