--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Palazzo dei Priori - Giulio Marini (FI) interviene sulla crisi in comune

“In due anni non mi aspettavo questo disastro”

di Paola Pierdomenico

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Giulio Marini

Giulio Marini 

Viterbo – “In due anni non mi aspettavo questo disastro”.

Un fallimento che è andato ben oltre le aspettative dell’opposizione con un sindaco che ha portato a casa pochissimi risultati e una giunta in balia delle lotte per le poltrone.

Giulio Marini (FI) descrive così l’esperienza amministrativa di Leonardo Michelini e attacca il modo di gestire la città che definisce “casalingo”. I proclami della campagna elettorale del centrosinistra si sono, per lui, rivelati solo parole al vento.

“Il comportamento dell’amministrazione – dice Marini – è indecifrabile. Quello che è successo giovedì scorso, in consiglio comunale, è abbastanza inusuale. Ne abbiamo viste di tutti i colori, col presidente del consiglio che ha rimesso il mandato, la maggioranza che le ha manifestato il sostegno e, nonostante ciò, le sue dimissioni, arrivate il giorno dopo. Il sindaco poi che annuncia i nomi e le deleghe della giunta, senza essersi accertato che tutti fossero d’accordo e ritrovandosi così con un consigliere che ha deciso di non firmare. Si stanno comportando come se il comune fosse casa loro. A concludere il quadretto, l’ultimatum di Michelini che ha annunciato le dimissioni se qualcuno non fosse stato d’accordo con le sue decisioni e che, invece, è ancora lì”.

Nel corso dell’ultima seduta di consiglio, M5s ha presentato una mozione di sfiducia per Michelini da far firmare ai consiglieri. “Non sono intenzionato a sottoscriverla, perché voglio che sia l’amministrazione a dare prova del suo fallimento, senza accampare scuse sul fatto che, non avendo concluso il mandato, non hanno avuto modo di dimostrare quello che avrebbero potuto fare. La gente deve rendersi conto che tutte le promesse fatte in campagna elettorale, poi, non si sono concretizzate. Michelini e Zingaretti hanno firmato un patto che devono portare a compimento. Non so se ci riusciranno”.

Per il consigliere forzista, la colpa più grande dell’amministrazione è di aver preso in giro i viterbesi. “Giorno dopo giorno crescono i demeriti di questa squadra che non ha fatto altro che occupare il potere, illudendo i cittadini. Hanno sostenuto che, dopo anni di dominio del centrodestra, avrebbero modificato le sorti della città, ma, dopo due anni, l’unica cosa che il sindaco annovera tra i suoi successi è il bando per la macchina di Santa Rosa o la riapertura del museo civico. Nulla di fantascientifico. In campagna elettorale, hanno fatto credere che, con l’appoggio della Regione di centrosinistra, avrebbe trasformato Viterbo in un capoluogo di serie A. Non mi pare sia così”.

Michelini avrebbe fatto delle scelte sbagliate in balia della politica. “In due anni ha minacciato più volte le dimissioni e questo può capitare, anche per dare uno scossone, ma, nonostante tutto, ci ritroviamo alla seconda dimissione del presidente del consiglio, a tre assessori dimissionari e a lunghe liti interne al partito di maggioranza. Anche io, nel mio mandato, ho avuto non poche difficoltà e pensavo di essermela vista brutta. Invece, non è stato niente in confronto a quello che sta accadendo ora”.

Si è parlato di giunta a sette, poi si è ribassato a sei e forse si rilancerà a otto. Se ne uscirà? “Il sindaco ha messo in campo una strategia inusuale e anche scorretta, annunciando la nuova giunta alla fine del consiglio e non all’inizio. Così facendo ha strozzato il dibattito che ne sarebbe potuto emergere e, noi della minoranza, apprendiamo le conseguenze di tutto questo il giorno dopo, sui giornali. E non è la prima volta che capita. In questo modo, non si riesce a fare un’analisi politica e si prende solo atto delle decisioni assunte. Questa amministrazione lotta per gli scranni e non riesce a produrre risultati. Lo ammette anche il capogruppo del Pd Serra che non è certo un estraneo. Devono mettersi in testa di lavorare per la città, altrimenti se ne vadano a casa. Da soli, senza che qualcuno ce li mandi”.

La minoranza, intanto, va avanti compatta. “Continueremo a rendere pubblico e trasparente ciò che accade all’interno di Palazzo dei Priori per dare alla città la possibilità di rendersi conto da chi sono governati, ossia un’amministrazione che non ha prodotto nulla dal punto di vista programmatico e che, da quello politico, la sta devastando. Ammetto che non ci aspettavamo questo disastro in soli due anni. Sono mesi e mesi, infatti, che stiamo discutendo sulla presidenza del consiglio, sulla giunta, per non parlare poi delle due assessore Zucchi e Valeri, che non si sono mai viste, e soprattutto dello scandalo che i Servizi sociali siano ancora privi di una guida”.

Michelini starebbe facilitando le cose all’opposizione. “Dimostrano da soli le loro mancanze – conclude Marini -. Il contenitore politico del centrosinistra, in definitiva, ha preso in giro i cittadini, nonostante le promesse e le belle parole. La mia amministrazione, pur nelle difficoltà politiche ed economiche della crisi, i tagli del governo Monti, che ci hanno massacrato, e la caduta della Regione, ha sempre dato delle risposte. Lo stesso non posso dire per chi ora è al governo”.

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
1 giugno, 2015

Crisi in comune 2015 ... Gli articoli

  1. Sono otto, lavorano per nove, saranno pagati per sette
  2. "Subito al lavoro, ci sono situazioni in arretrato"
  3. "Era l'ultima verifica? Mai dire mai..."
  4. Perà a Sviluppo economico e affari amministrativi
  5. "Taborri sarebbe un presidente di garanzia"
  6. "Evitino un teatrino anche per l’elezione del presidente del consiglio"
  7. Sonia Perà allo Sviluppo economico
  8. "Esco, vado all'opposizione"
  9. "Continuano i giochi di prestigio del sindaco Michelini"
  10. Giunta, l'ottavo assessore sarà una donna
  11. Giunta, si chiude a otto
  12. "Una soluzione tra oggi e domani"
  13. Giunta a sette solo se cambia il vice sindaco
  14. "Se un assessore non firma, si va avanti in sei"
  15. "Il comune non può cadere per una questione di poltrone..."
  16. "Se c'è un nuovo gruppo che venga formalizzato…"
  17. L'uragano Michelini si abbatte sulla maggioranza
  18. "La presidenza ora non m'interessa"
  19. De Alexandris si è dimessa
  20. Alessandra Troncarelli non entra in giunta
  21. "Giunta a sette senza alternative, o mi dimetto"
  22. Giunta prendere o lasciare, maggioranza spaccata
  23. "Faccio una scelta di responsabilità"
  24. Varata la giunta a sette
  25. Zucchi si è ufficialmente dimessa
  26. De Alexandris verso le dimissioni
  27. "No a un presidente del consiglio Pd"
  28. Insogna e Moltoni da Michelini
  29. Balla anche la presidenza del consiglio
  30. “Sarà una giunta a sette”
  31. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  32. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  33. I Democratici sette alla corte di Michelini
  34. "Ascolterò i consiglieri e poi chiuderò la partita"
  35. Giunta a sette e presidenza al Pd
  36. "Michelini faccia lui il sindaco e lo faccia bene..."
  37. "Una scelta consapevole per tutelare la propria dignità"
  38. Michelini vedrà Insogna...
  39. Si è dimessa anche Raffaella Valeri
  40. "La giunta Michelini ha bisogno di una ripartenza"
  41. Giunta a sei, ma anche a sette, otto o nove assessori
  42. Il rimpasto? Dopo santa Rosa...
  43. Il Pd ribadisce: giunta a 7 e ora tocca a Serra
  44. "Ma il sindaco sa contare?"
  45. Oggi tocca al Pd, ma Serra andrà da solo
  46. Tre assessorati alle liste civiche
  47. Surreale che un organo di partito censuri un consigliere...
  48. "Non stiamo navigando a vista"
  49. "Imbarazzanti le affermazioni di Serra..."
  50. "Se non sa gestire la crisi, figuriamoci la città"
  51. "Con i 7 del Pd ci siamo anche noi"
  52. "Perché Serra fino a dieci giorni fa condivideva Michelini?"
  53. "Città devastata per le faide tra Fioroni e Panunzi"
  54. Subito il bilancio consuntivo o tutti a casa
  55. "Comune senza obiettivi, si vive alla giornata"
  56. "Con quale diritto Sel chiede le mie dimissioni?"
  57. Minchella (Pd): "Dissensi legittimi, ma sostegno al sindaco non in discussione"
  58. Verifica, Michelini prende tempo
  59. Cartellino rosso per Taborri
  60. Michelini o fa sette o sballa
  61. Boco: "Abbiamo peccato di presunzione, ritorniamo all'ordine"
  62. "Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché"
  63. "Ci vuole coraggio, Serra faccia l'assessore"
  64. La situazione è grave ma non è seria
  65. "Siamo in maggioranza, se vogliono andare altrove facciano pure"
  66. Ncd scomunica Taborri
  67. "Serra, un improbabile pubblico ministero"
  68. "Non vado bene? Sfiduciatemi"
  69. Moricoli: "Non mi dimetto..."
  70. Sel a Paolo Moricoli: dimettiti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR