Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Sulla presidenza del consiglio il sindaco chiede di decidere bene e presto - In lizza i civici Tofani e Ciorba

“Basta tensioni nella maggioranza”

di Paola Pierdomenico

Condividi la notizia:

Leonardo Michelini

Leonardo Michelini 

Viterbo – “E’ ora di finirla con le tensioni nella maggioranza”.

Leonardo Michelini dice basta a quelle che definisce “situazioni vivaci” – tanto per usare un eufemismo – che di tanto in tanto si manifestano nella sua squadra. Superato lo scoglio della giunta, a otto al costo di sette, è il momento di pensare alla nomina del presidente del consiglio.

Maurizio Tofani, attuale capogruppo Oltre le Mura e Marco Ciorba sono i due nomi in pole.

“C’è un documento del Pd – dice Michelini – che rimette ai civici la scelta del presidente. Spetta al consiglio decidere e mi auguro si trovi presto un accordo da annunciare nella prima seduta di palazzo dei Priori che sarà convocata dopo la riunione dei capigruppo di martedì prossimo.

Vorrei che si stabilizzassero alcune tensioni, che hanno caratterizzato la maggioranza, in cui, a ripetizione, si verificano delle situazioni che, con un eufemismo, definirei vivaci“.

Il primo cittadino spera che la quadra raggiunta con la scelta degli otto assessori possa essere un esempio. “La giunta sembra aver trovato un equilibrio e spero che lo stesso possa accadere per la presidenza del consiglio. Ho accettato una presenza in più, rispetto a quelle annunciate, per accordare una necessità di rappresentanza delle componenti del Pd e dare spazio alle varie sensibilità del partito. Allo stesso tempo, ho tagliato le spese con otto assessori al prezzo di sette. Credo sia stato un segnale positivo che spero faccia ragionare i consiglieri nell’esprimersi sul presidente. Inoltre, le vicende sull’igiene urbana, emerse nell’ultima settimana, devono spingerci a prendere una decisione rapida per fare bene, mettendo da parte personalismi e ripicche. Sulla soluzione, sono moderatamente ottimista e spero di chiudere in fretta”.

Michelini vuole tornare a lavorare. “Abbiamo presentato Experience Etruria e altre iniziative importanti per cui mi pare che, da parte dell’amministrazione, ci sia la volontà di raggiungere risultati anche a livello nazionale. Siamo subentrati a venti anni di governo del centrodestra ed è normale che si fatichi un po’ ad avviare la macchina. Ora, però, ci restano tre anni, che sono pochi, e, nei quali dobbiamo portare a termine i progetti avviati. Abbiamo tracciato un modello di città su cui c’è da lavorare, ma che rappresenta vero un cambiamento rispetto al passato. Non possiamo permetterci di perdere nemmeno un mese. Gli impegni sono tanti, a partire dalla macchina di santa Rosa, per passare all’Expo, il Giubileo e l’anno degli etruschi. Non dimentico igiene urbana e pubblica illuminazione.

Spesso Marini dice che stiamo portando a termine il lavoro della sua amministrazione, ma in realtà, stiamo facendo anche altre cose. Dobbiamo solo sbrigarci e la presidenza del consiglio, che è l’epilogo della verifica, si deve concludere prima possibile, senza lasciare feriti o conseguenze dolorose – conclude Michelini -. Deve essere il segno che la maggioranza ha deciso e vuole andare avanti costruendo progetti validi per la città”.

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
14 giugno, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR