--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Inchiesta rifiuti - Le intercettazioni di "Vento di maestrale" - Un funzionario di palazzo dei Priori: "Il problema è che semo circondati"

“Poi c’è la riccia che magari me fa ‘na foto…”

Condividi la notizia:

Una spazzatrice elettrica di Viterbo Ambiente

Una spazzatrice elettrica di Viterbo Ambiente

I mezzi di Viterbo Ambiente

I mezzi di Viterbo Ambiente

Ernesto Dello Vicario

Ernesto Dello Vicario, il dirigente comunale arrestato nell’operazione “Vento di maestrale”

Frontini con gli operai di Viterbo Ambiente la scorsa estate in occasione di "Aperti per Ferie" Estate 2013

Chiara Frontini accompagna gli operai di Viterbo Ambiente a stappare le caditoie – Nella foto: uno degli arrestati, Fulvio Santini 

Viterbo – “La riccia”. La Saraconi. La politica intransigente.

Sono tanti i ‘nemici’ del contratto per la nettezza urbana tra comune e Viterbo Ambiente. Talmente tanti da far dire a un funzionario di Palazzo dei Priori che “il problema è che semo circondati”.

Il problema reale, semmai, era che il servizio di pulizia delle strade, che Viterbo Ambiente doveva garantire in forza di un contratto con l’amministrazione, non funzionava. Tutti lo sapevano, ma nessuno interveniva. Perché? 

Aleggia, nelle intercettazioni dell’inchiesta “Vento di maestrale”, una sempiterna paura delle conseguenze civili, penali, amministrative. Il dirigente comunale arrestato Ernesto Dello Vicario, intercettato, teme di finire davanti al giudice civile per le penali applicate (“duecentomila euro di penale sicuro al 99 per cento si va davanti al giudice civile”, dice al telefono), davanti alla Corte dei conti per quelle non applicate (“perché sennò rimane il danno erariale… cioè se tu potevi farti pagare mille euro e poi non hai portato in fondo il procedimento, quello è un danno erariale”, dichiara ancora, intercettato). L’inerzia non gli porterà maggior fortuna, anzi: proprio con l’accusa di non aver mosso un dito, di fronte a un’evidente valanga di disservizi, Dello Vicario si fa due giorni di domiciliari, per poi tornare libero e sospeso dal settore ambiente.

La stessa paura delle conseguenze ce l’hanno i funzionari del suo ufficio. E hanno anche la consapevolezza che Viterbo Ambiente non sta lavorando bene. Neppure un servizio apparentemente semplice, come quello di pulitura delle strade con le spazzatrici  automatiche, funziona a dovere. I gps dovrebbero monitorare il percorso delle macchine. Non lo fanno. 

Dalle intercettazioni, spunta una metafora sessuale calzante, per definire l’attività delle spazzatrici e il monitoraggio coi gps: “Alcune volte dà che questo è mandrillo: scopa… oppure certe volte non ce la fa manco con l’aiutino…”.

E’ il caos. E lavorare diventa impossibile anche per gli addetti ai lavori.

“Io non la vedo… per me non ce state spazzando, cazzo – dice un funzionario del comune, preoccupato, al telefono -. Dopo a me c’è quello de Cinque stelle che hai visto che ha detto a me se io dico vabbè mi ha detto… ma poi ce vo de mezzo io, ma io che cazzo me frega, hai capito che te voglio dì… Te pigli il cazziatone, a me me denunciano alla Corte dei conti…”. E ancora, parlando del caos dei gps sulle spazzatrici: “Quella vecchia da sei metri prima non me evidenziava dove spazzava, adesso me spazza dappertutto, so due volte… l’una e l’altra cosa sono frodi, se a me mi appare che tu spazzi dove non spazzi, te rendi conto… Poi c’è testa de… la riccia… c’è la riccia che magari me fa e hai capito a chi me… me fa ‘na foto… ce semo capiti… e il problema è che semo circondati…”.

Ci sono buone probabilità che “la riccia” sia Chiara Frontini. La leader di Viterbo 2020, sempre ferma nel sottolineare i disservizi, aveva fotografato gli operai della ditta al lavoro con lo svuotamento delle caditoie. Un altro capolavoro firmato Viterbo Ambiente, per il quale la Frontini invitava ad applicare le penali previste dal contratto: 100 euro di sanzione per ogni caditoia ostruita.

Per il dirigente Dello Vicario, quello delle caditoie, in certi casi, è un vero e proprio “macello”. Come quando chiese l’intervento di Viterbo Ambiente per il cortile di Palazzo dei Priori perché c’erano venti centimetri d’acqua. Ma al tempo stesso, quello delle penali per le caditoie “è un problema serio, perché a cento euro a caditoia gli posso fa 6mila, 10mila, 11mila (euro di sanzioni, ndr)… che senso c’ha?”. 

E non sanzionare, invece, che senso c’ha?


Condividi la notizia:
8 giugno, 2015

Inchiesta "Vento di maestrale" ... Gli articoli

  1. Casale Bussi, 78 parti civili contro la malagestione della discarica
  2. Vento di maestrale - Viterbo Ambiente, prima udienza lampo
  3. Maxinchiesta sui rifiuti, un solo processo per otto imputati
  4. Inchiesta Viterbo Ambiente, parte il processo a Dello Vicario, Bonfiglio e Tonnetti
  5. Truffa rifiuti, al via il processo al dirigente comunale Dello Vicario
  6. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via anche per il direttore tecnico di Casale Bussi
  7. Maxinchiesta sui rifiuti, record di oltre cento parti civili contro Ecologia Viterbo
  8. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via per sette imputati
  9. Inchiesta rifiuti, sette rinvii a giudizio
  10. Truffa milionaria sui rifiuti, cinque avvisi di fine indagine
  11. Inchiesta rifiuti, gli atti tornano in procura
  12. "Ecologia Viterbo, il Comune si costituirà parte civile"
  13. Inchiesta rifiuti, la procura vuole il processo
  14. "Viterbo Ambiente, pericolo di condizionamento mafioso"
  15. "Nessun collegamento con Mafia capitale"
  16. Inchiesta rifiuti, sette avvisi di garanzia
  17. Rifiuti, il comune consegna documenti alla procura
  18. "Ordinanza d'arresto appiattita sull'accusa"
  19. Libero anche l'ultimo uomo di Ecologia Viterbo
  20. Liberi Zadotti, Rizzo e Sacchetti
  21. Zadotti fuori dalla Ternana Calcio
  22. Revocati i domiciliari a Francesco Bonfiglio
  23. Tonnetti torna libero, annullati i domiciliari
  24. Inchiesta rifiuti, è corsa al tribunale del riesame
  25. Viterbo Ambiente, Bonfiglio interrogato per tre ore
  26. Rifiuti, ascoltato il segretario generale del comune
  27. La difesa di Dello Vicario: "Viterbo Ambiente sanzionata per 96mila euro"
  28. Revocati i domiciliari al presidente di Viterbo Ambiente
  29. Tutti i soldi che Viterbo Ambiente voleva
  30. Revocati i domiciliari a Dello Vicario
  31. Maxi interrogatori per Dello Vicario e Quintarelli
  32. "La ditta sta giocando sporco..."
  33. "Dovete spazzà, svuotà le isole e pulì per terra"
  34. Una frode da più di un milione di euro
  35. Gestione dei rifiuti, nove arresti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR