--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Cultura - Appello dei soci fondatori alla città - Baffo e Rossi lanciano il "referendum": un euro di contributo volontario per salvare il festival

“Se non ci aiutate, questa è l’ultima Caffeina”

di Stefania Moretti
Condividi la notizia:

Andrea Baffo e Filippo Rossi

Andrea Baffo e Filippo Rossi

Filippo Rossi

Filippo Rossi

Andrea Baffo

Andrea Baffo

Filippo Rossi

Filippo Rossi

Andrea Baffo mostra i dati di "Pordenone legge"

Andrea Baffo mostra i dati di “Pordenone legge”

Viterbo – Viterbo deve fare la sua parte. O Caffeina morirà.

C’è solo un modo per evitare di suonare il de profundis al festival: il biglietto d’ingresso facoltativo. Un euro per entrare nella cittadella di Caffeina, come contributo volontario dei visitatori.

Non è un ricatto né tantomeno una polemica, quella dei due soci fondatori Andrea Baffo e Filippo Rossi. Piuttosto, la richiesta d’aiuto di chi non ce la fa più: “Con 250mila euro Caffeina non può andare avanti – spiega Rossi -. In queste condizioni, è l’ultima edizione. Abbiamo impegni con i fornitori che vogliamo onorare. E soprattutto, mi sono rotto i coglioni di non poter pagare chi se lo merita. Se non lo capiscono, vaffanculo”. 

Dai volontari al direttore artistico Giorgio Nisini, fino al gruppo logistica, Caffeina si regge sull’impegno di uno staff che lavora gratis. Cultura distribuita  alla città a costo zero. Un festival che è un fiore nel cemento, “cresciuto negli anni della crisi – continua Baffo -. Cresciuto mentre tutto decresceva”. Ma adesso, gli organizzatori annunciano la fine di un’epoca. La fine di Caffeina “raffazzonata e per grazia ricevuta”, fatta con le risorse racimolabili come e dove si può. O Caffeina si fa bene o non si fa, perché dicono Baffo e Rossi, “a farla così, con soldi pochi e incerti, siamo dei pazzi incoscienti”.

Paragonate alle risorse di “Pordenone legge”, il secondo festival letterario italiano per anzianità, i fondi per Caffeina sono un’inezia. Precisamente un quarto: 868mila euro contro i 250mila del festival viterbese. Cinque giorni contro dieci. E dei 250mila euro di Caffeina, 80mila sono in forse. “30mila sono quelli del bando per lo spettacolo ricorrente della Regione Lazio – spiega Baffo -. Un bando cui abbiamo sempre partecipato ma che, quest’anno, non è uscito. Gli altri 50mila euro sarebbero quelli del comune che, però, non sono stati deliberati perché il comune non ha un bilancio approvato”. Quindi? Quindi c’è da portare avanti una macchina in cui si può risparmiare e ridurre all’osso quanto si vuole. Ma gli imprevisti non mancano mai. E hanno costi per migliaia di euro. Come la chitarra chiesta da Vinicio Capossela, “noleggiabile a 1000 euro”, spiega Baffo. “O il Corriere della Sera che ne avrebbe voluti 15mila per due pagine di pubblicità, ma non ce l’abbiamo – continua Rossi -. Il nostro budget di comunicazione è appena di 4mila euro”.

Per non parlare della mensa per i volontari che, se non pagati, avrebbero almeno diritto a mangiare. E mangiano. Ma solo con la colletta alimentare: “Siamo arrivati a festeggiare perché abbiamo avuto 30 salsicce o per aver trovato un prosciutto – racconta Rossi -. Ringraziamo dal profondo del cuore chi fa questo per noi, ma non ce la sentiamo più di “rubare” energie ai volontari e cibo a chi ce lo offre. Vogliamo poter pagare chi spende e si spende per noi. Altrimenti questa sarà l’ultima edizione di Caffeina”. 

La ciambella di salvataggio può arrivare solo dai viterbesi. Ed è a loro che Caffeina suona la sveglia. “Il nostro è un appello alla città, che o c’è o non c’è”. Oltre alla lotteria, 1000 euro di libri in palio con un biglietto da 2 euro, Baffo e Rossi lanciano quello che chiamano il “referendum”: il biglietto facoltativo. Un euro, da aggiungere ai 3,50 degli spettacoli a pagamento, per avere accesso all’intero festival. Con tanto di “porta della fortuna” simbolicamente collocata all’ingresso di via San Lorenzo, a doppia entrata, con l’insegna: “Chi mi passa attraverso avrà la fortuna, chi mi passa a fianco non ne avrà nessuna”. E infatti “Chi non vorrà, non pagherà – precisa Rossi – ma mentre abbasserà lo sguardo passando per venire a vedere il festival, io lo guarderò negli occhi e mi farà schifo. Perché non posso credere che un euro sia considerata una spesa esagerata. E perché, anche solo con un euro di diecimila visitatori per dieci giorni, arriveremmo a 100mila euro per la prossima edizione“.

E’ la fine di un’epoca, insomma. O è la fine di Caffeina. Dipende solo dai viterbesi.

Stefania Moretti


Condividi la notizia:
25 giugno, 2015

Caffeina 2015 ... Gli articoli

  1. Francesco, il papa rivoluzionario della misericordia
  2. “Teniamoci e conserviamoci i nostri blasfemi”
  3. “Sei la mia vita, lo dico continuamente al mio compagno"
  4. A Caffeina si parla dell'"anatra zoppa" Obama
  5. Il profeta che guarda al cielo...
  6. “Viva santa Rosa e forza Viterbese!”
  7. “Non sai mai quanti segreti può nascondere l'Egitto”
  8. Tav, che lo facimm a fa?
  9. “Merkel e Tsipras? Finiranno per trombare...”
  10. Un pianista “fuori posto”...
  11. La strage di Portella della Ginestra rivive a Caffeina
  12. "Faccio le cose come faccio il pesto"
  13. Slow Food Village tra incontri a tema e cibo di strada
  14. Caffeina, a sorpresa arriva Travaglio
  15. "Caffeina, giusto chiedere contributi, grave insultare i viterbesi"
  16. “E’ sempre un’emozione tornare a casa”
  17. "E' la storia di chi ha il coraggio di sorridere ancora alla vita"
  18. "Caffeina è dal calcinculo a Ozpetek"
  19. "L'€™Italia deve scommettere sulla cultura"
  20. "Vi farete un culo pazzesco ma sarete protagonisti... "
  21. Il Jazzup dedicato a Sergio Coppi
  22. Enomagnoteca, arriva l'osteria a cielo aperto
  23. Ozpetek, Mannoia, Capossela, Vecchioni a Caffeina festival
  24. Caffeina 2015 - Gli eventi del 5 luglio
  25. Caffeina 2015 - Gli eventi del 4 luglio
  26. Caffeina 2015 - Gli eventi del 3 luglio
  27. Caffeina 2015 - Gli eventi del 2 luglio
  28. Caffeina 2015 - Gli eventi del 30 giugno
  29. Caffeina 2015 - Gli eventi del 29 giugno
  30. Caffeina 2015 - Gli eventi del 28 giugno
  31. Caffeina 2015 - Gli eventi del 27 giugno
  32. Caffeina 2015 - Gli eventi del 25 e del 26 giugno
  33. Caffeina 2015 - Gli eventi del primo luglio
  34. Antonio Poli e la banda della polizia aprono Caffeina
  35. Moni Ovadia e Roberto Vecchioni a Mammagialla
  36. Slow food village diventa social
  37. Leonardo Bonucci apre Senza Caffeina
  38. La ministra Giannini e Mogol al festival dell'Educazione
  39. "I figli sono un'opera d'arte da preparare alla vita"
  40. "La Germania condiziona l'Europa e Renzi è destinato a durare"
  41. Vinicio Capossela a Caffeina
  42. Giocolieri, mangiafuoco e le percussioni di Dario Rossi
  43. Trapizzini, granite, lampredotto, formazione e Oscar Farinetti
  44. Senza Caffeina con Bonucci, Giusy Versace e... i Cugini di campagna
  45. Un calcinculo a... Caffeina
  46. Gherardo Colombo e Gianni Minoli a Caffeina
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR