--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Crisi in comune - Michelini prova a stringere i tempi - Restano i problemi nel Pd - Malumori per lo stallo tra le civiche

“Una soluzione tra oggi e domani”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Leonardo Michelini

Leonardo Michelini 

Viterbo – Crisi in comune, diamoci un taglio.

Passata la festa, il sindaco Leonardo Michelini prova a tirare le somme.

“Tra oggi e domani – spiega Michelini – penso di risolvere”.

Come, difficile dirlo. Giunta a sette? Oppure ci si allargherà a otto con un esponente proposto dalla sinistra del Pd?

“Io ho presentato la mia ipotesi di giunta che è a sette – continua Michelini – dal Pd mi sono state avanzate tre ipotesi, a sei, a sette e quindi ora si dice a otto. Servirebbe un po’ di chiarezza”.

Si è parlato pure di un cambio per la carica di vice sindaco. Da Luisa Ciambella a qualcuno più vicino a Serra e ai suoi. In questo modo la squadra potrebbe rimanere a sette e la presidenza del consiglio andare al capogruppo Pd. Un riequilibrio che farebbe sciogliere la riserva anche ad Alessandra Troncarelli che al momento non ha ancora firmato l’accettazione della delega ai Servizi sociali.

Ma che l’ufficio del vice sindaco possa cambiare inquilino, appare molto difficile.

“Solo qualche voce – osserva Michelini – il vice è un incarico di fiducia del sindaco. Non credo che mi si possa condizionare nella scelta di un mio sostituto. Se non posso nemmeno scegliere questo, che ci sto a fare?”.

Confermando Luisa Ciambella, riaffiora l’ipotesi giunta a otto, con un altro esterno espresso dal Pd.

Nel balletto di quelli che rischiano in giunta, nel frattempo è entrato anche Antonio Delli Iaconi.

Sfiduciare un assessore al quale lo scorso giovedì Michelini ha rinnovato la sua fiducia addirittura aumentandogli le deleghe, appare un’impresa ai confini della politica.

Qualcuno dalle parti del Popolari ha pensato pure a questo. Il problema si risolve se il diretto interessato si dimette. In modo spontaneo, come Valeri e Zucchi… Così entra un altro esterno più filodemocratico.

Impresa ancora più spericolata e improbabile. E che soprattutto al sindaco non sembra piacere molto.

“Delli Iaconi ritengo che sia un elemento utile per la giunta – dice Michelini – risponde al sindaco, in quanto è un esterno, una figura tecnica seppure indicata da un partito.

Si tratta di persone che devono dare sicurezza al primo cittadino, esperti.

Delli Iaconi ritengo che abbia lavorato bene e che quindi possa continuare a lavorare nell’interesse dell’amministrazione comunale”.

Matassa non facile da sbrogliare.

Oggi intanto, i rappresentanti in maggioranza delle liste civiche s’incontrano. A quanto pare, diversi esponenti sarebbero tutt’altro che entusiasti dello stallo venutosi a creare, tutto per ragioni politiche interne al Pd. Qualcuno potrebbe suonare la sveglia agli alleati.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
3 giugno, 2015

Crisi in comune 2015 ... Gli articoli

  1. Sono otto, lavorano per nove, saranno pagati per sette
  2. "Subito al lavoro, ci sono situazioni in arretrato"
  3. "Era l'ultima verifica? Mai dire mai..."
  4. Perà a Sviluppo economico e affari amministrativi
  5. "Taborri sarebbe un presidente di garanzia"
  6. "Evitino un teatrino anche per l’elezione del presidente del consiglio"
  7. Sonia Perà allo Sviluppo economico
  8. "Esco, vado all'opposizione"
  9. "Continuano i giochi di prestigio del sindaco Michelini"
  10. Giunta, l'ottavo assessore sarà una donna
  11. Giunta, si chiude a otto
  12. Giunta a sette solo se cambia il vice sindaco
  13. "In due anni non mi aspettavo questo disastro"
  14. "Se un assessore non firma, si va avanti in sei"
  15. "Il comune non può cadere per una questione di poltrone..."
  16. "Se c'è un nuovo gruppo che venga formalizzato…"
  17. L'uragano Michelini si abbatte sulla maggioranza
  18. "La presidenza ora non m'interessa"
  19. De Alexandris si è dimessa
  20. Alessandra Troncarelli non entra in giunta
  21. "Giunta a sette senza alternative, o mi dimetto"
  22. Giunta prendere o lasciare, maggioranza spaccata
  23. "Faccio una scelta di responsabilità"
  24. Varata la giunta a sette
  25. Zucchi si è ufficialmente dimessa
  26. De Alexandris verso le dimissioni
  27. "No a un presidente del consiglio Pd"
  28. Insogna e Moltoni da Michelini
  29. Balla anche la presidenza del consiglio
  30. “Sarà una giunta a sette”
  31. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  32. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  33. I Democratici sette alla corte di Michelini
  34. "Ascolterò i consiglieri e poi chiuderò la partita"
  35. Giunta a sette e presidenza al Pd
  36. "Michelini faccia lui il sindaco e lo faccia bene..."
  37. "Una scelta consapevole per tutelare la propria dignità"
  38. Michelini vedrà Insogna...
  39. Si è dimessa anche Raffaella Valeri
  40. "La giunta Michelini ha bisogno di una ripartenza"
  41. Giunta a sei, ma anche a sette, otto o nove assessori
  42. Il rimpasto? Dopo santa Rosa...
  43. Il Pd ribadisce: giunta a 7 e ora tocca a Serra
  44. "Ma il sindaco sa contare?"
  45. Oggi tocca al Pd, ma Serra andrà da solo
  46. Tre assessorati alle liste civiche
  47. Surreale che un organo di partito censuri un consigliere...
  48. "Non stiamo navigando a vista"
  49. "Imbarazzanti le affermazioni di Serra..."
  50. "Se non sa gestire la crisi, figuriamoci la città"
  51. "Con i 7 del Pd ci siamo anche noi"
  52. "Perché Serra fino a dieci giorni fa condivideva Michelini?"
  53. "Città devastata per le faide tra Fioroni e Panunzi"
  54. Subito il bilancio consuntivo o tutti a casa
  55. "Comune senza obiettivi, si vive alla giornata"
  56. "Con quale diritto Sel chiede le mie dimissioni?"
  57. Minchella (Pd): "Dissensi legittimi, ma sostegno al sindaco non in discussione"
  58. Verifica, Michelini prende tempo
  59. Cartellino rosso per Taborri
  60. Michelini o fa sette o sballa
  61. Boco: "Abbiamo peccato di presunzione, ritorniamo all'ordine"
  62. "Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché"
  63. "Ci vuole coraggio, Serra faccia l'assessore"
  64. La situazione è grave ma non è seria
  65. "Siamo in maggioranza, se vogliono andare altrove facciano pure"
  66. Ncd scomunica Taborri
  67. "Serra, un improbabile pubblico ministero"
  68. "Non vado bene? Sfiduciatemi"
  69. Moricoli: "Non mi dimetto..."
  70. Sel a Paolo Moricoli: dimettiti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR