Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Salute - L’acqua solfurea del “Bullicame” ha una chiara attività terapeutica

Cure termali per le malattie del cavo orale

di Roberto Conigliaro - Specialista in Idrologia medica

Condividi la notizia:

Viterbo - Inalazioni alle Terme dei papi

Viterbo – Inalazioni alle Terme dei papi

Viterbo – Le patologie a carico del cavo orale sono sempre più frequenti.

I principali fattori causali sono: alimentazione ricca in carboidrati, scarsa igiene, immunodeficienze, malattie sistemiche, traumi, displasie e infiammazioni.

L’aspetto della gengiva sana è rosa pallido con superficie a buccia d’arancia e un solco di circa 2mm di profondità. Il primo sintomo evidente della malattia parodontale è il sanguinamento; in seguito, l’azione progressiva dei batteri conduce fino al vacillamento del dente con perdita del sostegno osseo e, talvolta, comparsa di ascessi. I batteri più frequentemente responsabili sono spesso molto resistenti agli antibiotici.

Per intervenire efficacemente sulla progressione della patologia parodontale, bisogna curare l’aspetto prevenzione; una terapia preventiva adeguata è in grado di interrompere la progressione della patologia parodontale e spesso consente una completa guarigione.

L’acqua solfurea “Bullicame”, somministrata per via locale, ha una chiara attività terapeutica sugli epiteli di rivestimento. Tale attività, a livello della mucosa orale, è di tipo detergente, eutrofica, anti-edemigena, immuno-modulatrice, antisettica e complessivamente antiflogistica. Tale acqua viene utilizzata presso le Terme dei Papi per il trattamento di flogosi croniche o recidivanti dell’epitelio e della mucosa oro-gengivale.

L’acqua termale è somministrata con una specifica modalità di irrigazione gengivale, alla temperatura di 320C e alla pressione regolabile di 0.3/0.4 bar, a ritmo quotidiano, per 12 sedute consecutive con 1 giorno di pausa a metà ciclo.

Un ciclo d’irrigazioni oro-gengivali con acqua sulfureo-solfato-bicarbonato-alcalino-terrosa “Bullicame” determina un rapido e significativo miglioramento dei parametri clinici soggettivi ed oggettivi.

Il trattamento con tale acqua termale può essere considerato una valida scelta nella cura delle patologie infiammatorie del cavo orale, in particolar modo nei soggetti che presentano ipersensibilità o scarsi risultati farmacologici e in quelli che, nonostante una corretta igiene e la terapia odontoiatrica, hanno lenta risoluzione con tendenza alle recidive.

Roberto Conigliaro
Specialista in Idrologia Medica
Direttore sanitario delle Terme dei Papi di Viterbo


Informazione pubblicitaria


Condividi la notizia:
5 luglio, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR