--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Aigues-Mortes - 16enne annegato in piscina - Il padre di Giuseppe racconta la tragedia: "Non si può morire così"

“Ho visto le lacrime dei soccorritori…”

di Stefania Moretti

Condividi la notizia:

Giuseppe Centamore

Giuseppe Centamore

La piscina del camping La Petite Camargue

La piscina del camping La Petite Camargue

La piscina del camping La Petite Camargue

La piscina del camping La Petite Camargue

La piscina del camping La Petite Camargue

La piscina del camping La Petite Camargue 

Aigues-Mortes – “Ho visto le lacrime degli operatori, addolorati per non aver potuto salvare Giuseppe. Vigili del fuoco, polizia e medici hanno fatto veramente di tutto”.

Salvatore Centamore è grato a chi si è dato da fare per suo figlio, risucchiato dalle grate di quella piscina al Camping La Petite Camargue di Aigues-Mortes, Francia.

Giuseppe, 16 anni appena, è stato estratto a forza. La forza della disperazione che, purtroppo, non è bastata.

Il dramma in pochi istanti, il 30 giugno. Un pomeriggio che sembrava il contrario della tragedia: sole, divertimento e un’immensa piscina in cui giocare. Giuseppe, i genitori e la sorellina erano arrivati tre giorni prima. Avevano un’intera vacanza davanti. Adesso c’è solo dolore.

“Mio figlio è rimasto troppo tempo sott’acqua”, spiega il padre, con una determinazione nel voler chiarire ogni dettaglio che sa dargli solo l’amore per Giuseppe. “Quel giorno, mio figlio non galleggiava affatto sulla piscina: è stato estratto a forza dalle griglia posta sulla parete verticale della piscina da più persone, non so ancora chi… e dopo diversi tentativi, tanto era la forza di aspirazione dell’impianto, che lo ha bloccato. Quattro persone hanno cercato di tirarlo fuori senza riuscirci. Quando finalmente è stato estratto hanno provato a rianimarlo ma era già tardi”.

L’autopsia è stata eseguita l’altro giorno. La famiglia Centamore non sa quando arriveranno i risultati. Né tantomeno quando torneranno a casa. “Ci sono tempi tecnici e amministrativi per tornare in Italia con Giuseppe – spiega il padre -. Non sappiamo quanto saranno lunghi. Spero di essere a Viterbo con la mia famiglia mercoledì e di fare i funerali giovedì. Ma sinceramente non lo so…”.

L’esito dell’autopsia sarà probabilmente annegamento, ma sulla dinamica dell’incidente è stata aperta un’inchiesta per omicidio colposo. La gendarmeria di Grau du Roi cercherà di capire com’è stato possibile che il sistema di depurazione della piscina abbia letteralmente trascinato Giuseppe fino alle griglie di aspirazione con quella violenza. Se c’è stato – com’è probabile – un funzionamento anomalo. Una tragedia che, al momento, è tutta da ricostruire.

“La prima ad accorgersi di tutto è stata mia figlia – continua Salvatore Centamore -. Ha cercato di trascinare via il fratello, ma non ci riusciva, è piccola, ha solo 12 anni”.

Subito dopo, è iniziata la corsa contro il tempo per salvare Giuseppe. La sorellina ha chiamato il bagnino. Sono accorse altre persone ad aiutarla. Ma le speranze diminuivano a ogni secondo che Giuseppe passava sott’acqua. “Era un nuotatore provetto – racconta il papà -. Due mesi fa, aveva preso l’ultimo riconoscimento dalla Larus, che frequentava assiduamente. Non so se serviva un bagnino, due, tre… – continua il padre -. Non so dire se ci sia stata omissione di soccorso. Se sì, c’è stata solo in una prima fase, ma non posso dire proprio nulla con certezza, tantomeno accusare qualcuno. C’è un’inchiesta aperta che verificherà ogni cosa. Il trasporto all’ospedale di Nimes, le cure dei medici, l’intervento dei pompieri e della polizia sono stati impeccabili. Da quando Giuseppe è stato estratto dall’acqua abbiamo avuto la massima assistenza. Per portarlo in ospedale sono arrivati due elicotteri, è stata bloccata un’intera strada statale. Ho visto le lacrime dei soccorritori, che si sentivano smarriti come me. Quando il personale dell’unità di rianimazione ha capito che non c’era più niente da fare, ha gentilmente concesso oltre che a me, a mia moglie Paola e a mia figlia Elisabetta di stare insieme a Giuseppe fino a quando non ce l’ha fatta più, intorno alle 3 del primo luglio”.

I ringraziamenti di Salvatore Centamore vanno ai soccorritori che hanno pianto con lui, ma anche alle all’autorità francesi e italiana. “Ringrazio gli amici e i conoscenti viterbesi delle manifestazioni di cordoglio che ci hanno fatto sentire quanto Giuseppe si era integrato e conosciuto ad appena sei anni dal nostro insediamento a Viterbo – conclude -. E’ successo a mio figlio, ma al suo posto poteva esserci chiunque. Non si può morire così. In piscina. In vacanza”.

Stefania Moretti


Condividi la notizia:
5 luglio, 2015

Francia, 16enne viterbese annegato in piscina ... Gli articoli

  1. "La morte di mio figlio ha finalmente dei responsabili"
  2. "Per la morte di mio figlio rinviate a giudizio due società e il presidente del cda del campeggio"
  3. 16enne annegato in vacanza, attesa per gli eventuali rinvii a giudizio
  4. "Società e persone fisiche indagate per la morte di mio figlio"
  5. Un calcio al pallone nel nome di Giuseppe, al via il terzo memorial Centamore
  6. "La felicità? L'ho cancellata anche come parola"
  7. "Quel giorno Giuseppe mi disse: Ciao mamma, ci vediamo dopo..."
  8. I genitori del viterbese morto in piscina: "Abbiamo rivissuto la nostra tragedia"
  9. Tre anni senza verità
  10. Caparezza canta per Giuseppe Centamore
  11. Una messa in ricordo di Giuseppe Centamore
  12. Un calcio al pallone nel nome di Giuseppe
  13. Una borsa di studio in memoria di Giuseppe Centamore
  14. "Giuseppe continua a vivere nei nostri cuori"
  15. L'avvocato dei Centamore: "Dolore e collera"
  16. "Sopravvivo per dare giustizia a mio figlio"
  17. Fiaccolata per Giuseppe Centamore
  18. "Giuseppe ucciso dal depuratore troppo potente"
  19. “Giuseppe, questo concerto è per te”
  20. 16enne morto in Francia, due le perizie sulla piscina
  21. "Buon compleanno Giuseppe..."
  22. I funerali di Giuseppe Centamore
  23. Giuseppe su "una scala per il paradiso"
  24. Petali di rosa bianca sulla bara di Giuseppe
  25. "Sarà la festa di Giuseppe"
  26. Camera ardente al cimitero di San Lazzaro per Giuseppe
  27. La salma di Giuseppe in viaggio verso l'Italia
  28. "Continuerò a parlarti come fossi qui con me"
  29. Giovedì alla Quercia i funerali di Giuseppe
  30. Oggi il ricordo dei compagni di Giuseppe
  31. "Giuseppe estratto a forza dalla griglia dell'impianto di scarico..."
  32. "Parlate sempre di Giuseppe come fosse tra voi"
  33. "Annichiliti dall'incolmabile perdita"
  34. "Un eroe buono con la passione per Guccini"
  35. Una veglia sotto scuola per Giuseppe Centamore
  36. "Alla famiglia le più sentite condoglianze"
  37. 16enne morto in Francia, si indaga per omicidio colposo
  38. Sedicenne muore in Francia risucchiato da un depuratore

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR