--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Sabato 4 luglio due appuntamenti nella chiesa di san Pancrazio

Torna il festival della complessità

Tarquinia---Chiesa-S.Pancrazio-(2)

Tarquinia – Riceviamo e pubblichiamo – Torna il festival della complessità, giunto alla sua sesta edizione.

Si svolgerà sabato 4 luglio nella la chiesa di san Pancrazio.

Il festival, nato a Tarquinia nel 2010, è ora presente in oltre 50 città italiane.

Con le sue manifestazioni diffuse su tutto il territorio, vuole contribuire a dare risposte a domande che si pongono ogni giorno nella vita e che si possono avere solo con un approccio sistemico. Quesiti quotidiani che vanno dalla biologia alla politica, dalla fisica alla scuola, dai rapporti umani nella famiglia e nella società al management nel lavoro.

L’appuntamento tarquiniese è intitolato “Tarquinia il mare che unisce” e sarà composto da due conversazioni intervallate da un aperitivo.

Il primo intervento sarà del presidente, ideatore e coordinatore del festival, Fulvio Forino. Impegnato nella ricerca, nell’insegnamento e nell’applicazione dei principi dell’approccio sistemico, parlerà del Mediterraneo, mare che ha diviso e unito popoli diversi. Gli etruschi, i fenici, i greci, i romani, finché l’impero romano riuscì a realizzare nello stesso mare la prima ed unica globalizzazione. Che con le sue modalità vincenti può aiutare a comprendere le caratteristiche dei sistemi complessi della nuova globalizzazione mondiale che stiamo vivendo.

La seconda conversazione sarà tenuta da Beatrice Casocavallo, archeologa specializzata in archeologia tardoantica e medioevale, attiva presso la soprintendenza archeologica del Lazio e dell’Etruria meridionale. La dottoressa parlerà delle attestazioni archeologiche sullo sfruttamento delle saline già dall’epoca proto-storica. E delle fonti storiche ed archeologiche che accompagnano il viaggio nel tempo sull’elemento fondamentale del sale per la vita umana. Dall’emporio greco del porto di Gravisca, attivo dal VII secolo aC, fino al pieno medioevo con l’importante porto di Corneto.

Comune di Tarquinia

1 luglio, 2015

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564