--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lettere - Viterbo - Luigi Torquati segnala i disagi da affrontare per richiedere un servizio alla Asl

“Più di un’ora e mezza per prenotare un’urgenza”

Condividi la notizia:

Viterbo - L'ospedale di Belcolle

Viterbo – L’ospedale di Belcolle 

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Avendo bisogno di effettuare una angio tac urgente, mi sono recato al cup, dove mi è stato riferito che le urgenze non sono di loro competenza e che potevano prenotarmi in via normale per il 23 ottobre ad Acquapendente.

Ho domandato quale fosse la procedura delle urgenze e mi è stato riferito che, proprio da pochi giorni, era stato stabilito che fosse il medico di base a dover telefonare in radiologia.

Sono andato dal mio medico, il quale mi ha confermato la nuova procedura, che però non avrebbe seguito, in quanto i medici non erano stati interpellati e tale prassi era stata decisa unilateralmente dalla Asl, con nota dell’11 giugno scorso, alla quale immediatamente aveva risposto il sindacato medici, per un incontro atto a stabilire una procedura di comune accordo.

In più, il mio medico mi ha riferito che, eccezionalmente, aveva rispettato la procedura prevista per un’altra urgenza, non riuscendo a trovare libero il numero indicato per l’intera ora e mezza stabilita per la prenotazione.

La procedura è la seguente:

“L’accesso alla Diagnostica per Immagini del p.o. di Viterbo per la erogazione di prestazioni ambulatoriali ‘U” di Ecografia, TC e Mammografia sarà regolata dalla seguente procedura:

• II Medico Prescrittore per prenotare le richieste ambulatoriali “U” di Ecografia, TC e Mammografia potrà contattare il n. telefonico 0761 339445 nei giorni di Lunedì, Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle ore 09.30 alle ore 11.00

• Un Medico Radiologo valuterà telefonicamente, in collaborazione con il Medico richiedente, il livello di appropriatezza prescrittiva e se la richiesta sarà condivisa verranno presi i riferimenti del Paziente.

•Successivamente il personale della Accettazione della Radiologia comunicherà al Paziente l’appuntamento a lui fissato e l’eventuale preparazione necessaria.”

Una procedura pensata per snellire il lavoro? Basti pensare che sono solo quattro giorni alla settimana per un’ora e mezza, pari a sei ore alla settimana, un unico numero telefonico e decine di medici di libera scelta che potrebbero telefonare.

Tenuto conto che i medici non hanno aderito alla procedura, come mai il telefono è risultato occupato per tutto il tempo previsto dalla normativa?

Questa è la nostra Asl.

Luigi Torquati


Condividi la notizia:
8 luglio, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR