--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Diffida del prefetto al comune - L'assessora Ciambella sui quasi 7mila emendamenti presentati

“Discutiamo, ma il 31 il bilancio va approvato”

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Viterbo - La vicesindaca Luisa Ciambella

Viterbo – La vicesindaca Luisa Ciambella 

Viterbo – Il bilancio va approvato entro il 31 agosto.

Con la prefettura che ha dato dieci giorni di tempo per dare il via libera al documento economico, la domanda che sorge spontanea è per i 6.672 emendamenti presentati, in larghissima parte dall’opposizione. Che fine faranno? Si discutono, per l’assessora al Bilancio Luisa Ciambella. Con un occhio puntato all’orologio.

“Fino a quando è possibile si discutono, sono 6.672. Gli uffici ne hanno analizzato oltre la metà e di questi più del cinquanta per cento ha parere negativo. Noi faremo quello che c’è da fare, tenendo presente che la prefettura ci ha dato come termine ultimo per l’approvazione il 31 agosto”.

Sorpresa per la decisione dal palazzo del governo?
“Sono rimasta sorpresa. Di solito ci sono venti giorni di tempo. Avercene dati dieci secondo me facilita l’approvazione, nel contingentamento dei consigli. Con questa scelta si è omologata alla decisione presa da quella di Roma”.

Come si procede?
“Come già previsto dopo la seduta andata deserta, lunedì la conferenza dei capigruppo stabilirà la serie di sedute che immagino saranno serrate. Era già stato stabilito, prima che arrivasse la comunicazione dal prefetto, che i lavori si fermassero il 29 agosto, per riprendere il 7, una pausa per santa Rosa”.

Lo scenario è cambiato. Il bilancio va approvato prima di santa Rosa.
“Decideranno lunedì. Non sta a me stabilire la tabella di marcia. Immagino che però i capigruppo si orientino per sedute pomeridiane, visto che la mattina gli uffici devono lavorare proprio per santa Rosa e la riuscita dei festeggiamenti. Anche sull’orario finale la sera, se ne discuterà. Mi auguro che si possa ragionare pure con la minoranza. Essendoci un provvedimento da parte del rappresentante del governo, auspico che ci si possa sedere tutti insieme e stabilire un ordine dei lavori”.

Restano le migliaia d’emendamenti. Che fine faranno?
“C’è un termine perentorio da rispettare. Non tranceremo il dibattito, vedremo se si potrà rimanere in consiglio oltre l’orario, però ripeto, non spetta a me stabilire l’ordine dei lavori. Il documento che impone l’approvazione del bilancio entro il 31 agosto, il prefetto l’ha spedito a tutti i consiglieri comunali”.

Non teme che il dibattito possa portare l’approvazione oltre il tempo massimo consentito?
“In comune normali e magari anche più evoluti, il bilancio con quattro o cinque sedute è approvato. Si può migliorare, ragionando su quegli emendamenti che hanno un margine di fattibilità e a saldo zero. Se invece si vuol dare spettacolo o fare una propria battaglia con strumenti ostruzionistici è diverso. Avremo il primato in Italia per numero d’emendamenti presentati”.

La brutta figura rimediata nell’ultimo consiglio comunale non si poteva evitare?
“C’erano consiglieri assenti, lo sapevano tutti. Non è una giustificazione, ma trovo come dire, eccessivo, scandalizzarsi se il 20 di agosto, con tutti i cambiamenti che il governo ha apportato al decreto enti locali, ci siano pochi presenti. Anche la minoranza ha avuto le sue assenze, certo non ha responsabilità di governo. Non siamo fuggiti, ma non abbiamo ritenuto opportuno iniziare una seduta che non eravamo certi di poter governare. Se fosse partita, allora sì che si sarebbero viste le comiche”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
23 agosto, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR