Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il 3 settembre all’interno della basilica di San Francesco

L’inno a santa Rosa cantato al giro delle 7 chiese

Condividi la notizia:

Padre Agostino Mallucci

Padre Agostino Mallucci 

Silvio Cappelli

Silvio Cappelli 

Padre Tarcisio Auda Inno a Santa Rosa

Padre Tarcisio Auda Inno a Santa Rosa 

L'inno a Santa Rosa

L’inno a Santa Rosa 

Viterbo – Sarà cantato anche dai Facchini di Santa Rosa, all’interno della basilica di San Francesco alla Rocca a Viterbo per la prima volta il 3 settembre pomeriggio durante il giro delle chiese, l’inno a Santa Rosa recuperato dall’oblio e fino a pochi mesi fa sconosciuto.

Per l’occasione saranno accompagnati dalla soprano Luisa Stella e dall’organista maestra Barbara Bastianini.

E’ stato realizzato prima del 1968, parole e musica di padre Tarcisio Auda dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali di San Francesco alla Rocca.

Il ritrovamento è stato fatto, casualmente, da Silvio Cappelli, all’interno di un fascicolo di vecchie carte destinate al macero. L’inno alla Santa Patrona della città di Viterbo, terziaria francescana e “Protettrice della gioventù cattolica femminile”, è stato dedicato, al tempo, da padre Tarcisio, a “Sua Eccellenza Reverendissima Arcivescovo Adelchi Albanesi Vescovo di Viterbo”.

Si tratta di quattro pagine, compreso il frontespizio, probabilmente pubblicate dal fratello di Tarcisio, padre Giovanni Auda, a ricordo della sua esistenza. “L’autore – è scritto sulla prima pagina – dallo spirito semplice ed elevato come testimonia questa composizione è volato al cielo il 7-2-1968. A ricordo edificante”.

Una bella e dolcissima melodia, molto orecchiabile, dall’andamento moderato e rallentato, destinata a diventare l’inno ufficiale “francescano” tra i diversi dedicati a Santa Rosa da Viterbo.

Si compone di quattro strofe, seguite da quattro ritornelli, all’interno delle quali sono esaltate le virtù della Santa Patrona di Viterbo, con alcuni flash della sua vita: “… Fosti coi grandi prudente e forte, fino all’esilio, fino alla morte…”.

Di questa iniziativa ne è stata data conferma durante la conferenza stampa del Sodalizio Facchini di Santa Rosa.

L’Associazione culturale Take Off, che è promotrice dell’iniziativa insieme al Sodalizio e al parroco Agostino Mallucci ofm, ha già preparato degli eleganti volantini con il testo che verranno distribuiti il pomeriggio del 3 settembre a tutti i Facchini.

La pubblicazione ritrovata è stata realizzata dalle “Arti Grafiche Mignani Bandettini – Firenze – Via delle Ruote, 27 – 1963” per conto delle “Attività Francescane Basilica S. Francesco – Viterbo” e venduta al prezzo di: “Un’offerta”.

 S. C.


Condividi la notizia:
30 agosto, 2015

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR