- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Fatture taroccate, Fiorito a processo per diffamazione

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Franco Fiorito esce dalla procura di Viterbo [3]

Franco Fiorito

Roma – Fatture taroccate, Fiorito rinviato a giudizio per diffamazione.

Nuovo capitolo nella vicenda delle fatture gonfiate da Franco Fiorito per screditare Francesco Battistoni.

Il “federale di Anagni”, già noto alle cronache per la distrazione dei fondi dalle casse del gruppo regionale Pdl che gli è costata la condanna per peculato, risponderà anche di diffamazione davanti al tribunale di Roma. L’udienza è fissata al 28 settembre 2016. 

Il gup lo ha rinviato a giudizio, insieme a un giornalista e al direttore responsabile di un quotidiano romano che aveva pubblicato articoli sulla vicenda, riportando gli importi delle fatture taroccate, appositamente gonfiate e fatte circolare nel 2012 solo per distruggere l’avversario politico Francesco Battistoni, successore di Fiorito alla guida del gruppo regionale Pdl.

L’obiettivo, secondo le indagini, sarebbe stato quello di far credere che il gruppo Pdl, coordinato da Battistoni, aveva percepito rimborsi illegittimi per maxi-investimenti in cene di lusso, comunicazione e pubblicità.

Della vicenda, Fiorito è chiamato a rispondere anche davanti al tribunale di Viterbo: la procura lo accusa di falso. “Er Batman”, nome con cui divenne noto alle cronache, si difese puntando il dito contro l’allora coordinatore regionale Pdl Vincenzo Piso. Disse di avergli consegnato la contabilità del gruppo regionale Pdl per consultarla. “Al suo ritorno – ha spiegato Fiorito, interrogato in procura a Viterbo – mi ha consegnato gli originali e quella che io ritenevo fosse una copia di essi”. Invece era il dossier taroccato, è l’ideale prosecuzione del ragionamento di “Francone”, che proprio per questa sua velata e implicita accusa, è indagato anche per calunnia a Piso e alla sua segretaria Maria Ludovica Nasonte.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [4]
  • [1]
  • [2]