--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Dall'Unione al campo di atletica, l'assessore Ricci ribatte: non è un documento vuoto

“In bilancio opere per 15 milioni”

di Giuseppe Ferlicca

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Alvaro Ricci

Alvaro Ricci 

Viterbo – Trecentomila euro per la pista di atletica a santa Barbara, ma ci sono anche il recupero delle ex scuderie a Sallupara, l’Unione, la scuola materna e la palestra a santa Barbara e non solo. Interventi liquidati per quindici milioni di euro.

Tutto quello che in sei giorni di consiglio comunale dedicato al bilancio non è stato detto, ma che nel bilancio c’è. Parola di Alvaro Ricci. L’assessore ai Lavori pubblici bypassa le polemiche e punta ai progetti.

“Nel bilancio che è stato approvato non c’è solo spesa corrente, progetti ce ne sono e pure interessanti, nonostante la crisi”.

Quali?
“Per il settore di cui mi occupo, i Lavori pubblici, in un anno abbiamo pagato opere per 15 milioni di euro. Una cifra non trascurabile. Solo sei interessano il Plus”.

E il resto?
“Ci sono le ex scuderie Sallupara, il recupero delle mura, la palestra a santa Barbara, e la scuola materna sempre a santa Barbara, 500mila euro sulle strade e altri 700mila entro l’anno. Poi il secondo lotto per il completamento del teatro Unione e ci auguriamo di poter mettere anche il terzo”.

Elenco finito?
“No, abbiamo anche la messa in sicurezza del parcheggio a Grotte santo Stefano, entro l’anno l’appalto per il completamento di piazza Buratti a San Martino al Cimino e 300mila euro per la pista d’atletica a santa Barbara”.

C’è altro in cantiere?
“Finora abbiamo parlato di progetti che sono un dato di fatto, altri sono in programma. Appalteremo il parco a san Martino, abbiamo progetti per quattro milioni di euro sulle scuole, almeno due dovrebbero essere finanziati. C’è la progettazione sul museo civico, la riqualificazione dei portici a palazzo dei Priori, la passeggiata di san Clemente, il recupero dell’area interna ed esterna alle Fortezze, la riapertura di via del Ganfione. Tutte iniziative programmate con progetti predisposti per aderire a finanziamenti. Partendo da Destinazione Italia, ma cogliendo tutte le occasioni che si presenteranno”.

Che ne sarà dei soldi tolti dalla manutenzione strade per realizzare la nuova Macchina di santa Rosa?
“In assestamento di bilancio recupereremo quantomeno mezzo milione di euro che abbiamo impegnato per quella che comunque è un’altra opera importante. Un’operazione portata a compimento non senza fatica. Come si vede, progetti ce ne sono. Ma le sedute di bilancio, per come è stata portata avanti la discussione, con l’infinito dibattito sugli emendamenti che nella sostanza hanno portato ben poco,  non ha permesso di presentarli in modo adeguato. Lavori pubblici e Ragioneria, attraverso un’azione sui residui vecchi e inutilizzati, sono riusciti inoltre a recuperare due milioni e mezzo di fondi. Un milione è destinato all’Unione, restano un altro milione e 400mila euro per altri interventi”.

Il bilancio è stato bocciato senza riserve dall’opposizione, si poteva fare di più?
“Certo, si poteva fare di più, ma non si può dire che in questo bilancio non ci sia niente”.

Più che altro si è parlato di tassazione aumentata.
“Ma tutte le opere che ho elencato nulla hanno a che vedere con la tassazione, si reggono in piedi con finanziamenti che avevamo e attraverso residui di bilancio. Un’operazione tecnica e politica che porterà a risultati. Certo, dobbiamo fare i conti con i limiti imposti dal patto di stabilità, ma contiamo d’agire in modo intelligente, contrattualizzando opere entro l’anno e calendarizzando pagamenti nel 2016”.

Non c’erano anche tre milioni di euro legati alla viabilità aeroportuale e non utilizzati?
“Non abbiamo perso di vista l’obiettivo. Quei soldi li abbiamo in cassa. E’ un paradosso, ma non possiamo utilizzarli. Li abbiamo destinati al rifacimento della Cassia, un progetto importante. Stiamo aspettando l’autorizzazione da parte della commissione bilancio della Camera. C’è stato un primo nulla osta dalla Ragioneria generale di stato”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
3 settembre, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR