Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Bilancio - L'opposizione respinge al mittente le accuse dell'assessora Ciambella

“L’ostruzionismo se lo sono fatto da soli”

Condividi la notizia:

Viterbo - Alcuni consiglieri di minoranza escono dalla prefettura

Viterbo – Alcuni consiglieri di minoranza escono dalla prefettura 

Viterbo – (g.f.) – “L’ostruzionismo se lo sono fatti da soli”.

Alle accuse dell’assessora Luisa Ciambella, Giulio Marini (FI) risponde con un netto no. I seimila emendamenti prima, la scelta d’abbandonare i lavori del consiglio poi, per la responsabile al Bilancio sono la prova che l’opposizione era mossa da ragioni d’ostruzionismo e strumentali.

“Ma qualche ostruzionismo? – prosegue Marini – Noi siamo usciti, domenica in modo definitivo, ma già da sabato sera eravamo fuori dai banchi.

Sono loro che hanno portato avanti i lavori a tempo di lumaca”.

Ieri sono stati ricevuti dal prefetto. Il prossimo passaggio sarà il ricorso al Tar. Le procedure stabilite dal centrosinistra, stando a Marini & co, hanno messo il bavaglio alla minoranza. Con la chiusura alle 22 del 31 luglio.

Ieri in prefettura, dopo santa Rosa al Tar.

“Eravamo consapevoli – continua Marini – che a mezzanotte il bilancio doveva essere approvato. Le istituzioni avevano dato indicazioni e noi ci saremmo adeguati, anche in base al rapporto istituzionale che si è instaurato con la prefettura.

Invece hanno voluto dare un calcio all’opposizione”. Un calcio che avrà le sue conseguenze.

“E’ la prova che è inutile – dice Buzzi (FdI) – andare alle riunioni dei capigruppo, tanto decidono sempre come vogliono e poi si rimangiano le decisioni prese”.

Qualche problema la tornata di consigli comunali sul bilancio l’ha prodotto anche nei rapporti all’interno della minoranza.

Niente fronte comune. Il Movimento 5 stelle è rimasto in aula, adottando una linea diversa. Leggere gli emendamenti per poi ritirarli.

“Di sicuro – osserva Buzzi (FdI) – d’ora in poi non si aspettino per quanto ci riguarda, trattamenti di favore.

La nostra disponibilità verso le loro proposte non sarà scontata”.


Articoli: Ciambella: “Solo ostruzionismo e demagogia” –  Opposizione dal prefetto – Chiara Frontini: “Dovete andare a casa” –  La minoranza abbandona i lavori –  Santucci (Fondazione): “Intervenga la prefettura” – Bilancio, il consiglio si trasforma in un pollaio –  Taglio ai compensi, no grazie – Tagliola sugli emendamenti, stop alle 22 del 31 – De Dominicis (M5s): “I nostri duemila emendamenti li discuteremo tutti”


Condividi la notizia:
1 settembre, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR