--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il 22enne arrestato in attesa dell'interrogatorio a Mammagialla

Omicidio del Riello, Battaglia figlio di un pentito di camorra

di Stefania Moretti

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Sabato Louis Francesco Battaglia

Sabato Louis Francesco Battaglia 

Sabato Louis Francesco Battaglia

Sabato Louis Francesco Battaglia, il 22enne fermato per omicidio volontario

Martino Galasso

Martino Galasso, pentito di camorra, padre di Sabato Battaglia

Federico Venzi

Federico Venzi, la vittima

Omicidio del Riello - La conferenza stampa

Omicidio del Riello – La conferenza stampa

Viterbo Omicidio del Riello - Il luogo dell'aggressione

Viterbo Omicidio del Riello – Il luogo dell’aggressione

Viterbo Omicidio del Riello - Il luogo dell'aggressione

Viterbo Omicidio del Riello – Il luogo dell’aggressione 

Viterbo – Sabato Battaglia era il figlio di un pentito di camorra.

Il ventiduenne arrestato per l’omicidio del Riello (fotocronaca – slide – video), all’alba del 27 settembre, ha origini campane.

Una storia di profonda sofferenza alle spalle: il padre, Martino Galasso, si è impiccato nel 2011. Il primo pensiero degli inquirenti fu l’omicidio camuffato da suicidio, ma l’indagine sarebbe stata archiviata come morte autoindotta. 

Lo sapevano tutti, a Viterbo. In serata su Facebook non si parlava d’altro, ma nessuno ha ritenuto di dirlo subito agli investigatori che, non a caso, hanno parlato di “omertà” oggi, in conferenza stampa: da parte di chi è stato ascoltato bocche cucite su Battaglia, sulla sua vita, sulla sua famiglia. Non hanno collaborato i suoi amici, né quelli della fidanzata Lorella Colman, studentessa vetrallese 22enne denunciata per favoreggiamento per non aver mosso un dito mentre Sabato riduceva in fin di vita Federico Venzi, 43 anni, romano residente a Caprarola. Piccoli precedenti di polizia alle spalle per vari reati.

Nessuno – neanche Battaglia, probabilmente – si aspettava un omicidio. Venzi ha incrociato la coppia verso le 4,45 di domenica mattina in via della Palazzina, con un amico di origini marocchine. Ubriachi, hanno detto qualcosa alla coppietta. Venzi li avrebbe importunati, così avrebbe riferito Battaglia nel lungo interrogatorio davanti al pm Massimiliano Siddi domenica pomeriggio.

La coppietta ha camminato verso via Aldo Moro inseguita dai due che, a malapena, si reggevano in piedi. Paura? Rabbia? Spavalderia o istinto di protezione nei confronti della fidanzata? Nessuno lo sa. Battaglia ha sferrato un pugno in bocca a Venzi spaccandogli i denti e poi almeno un altro cazzotto altrettanto violento. Ma a giudicare da com’era ridotta la vittima deve aver continuato ancora a pestarlo, anche mentre era a terra: il volto di Venzi era irriconoscibile. In quelle condizioni è arrivato all’ospedale Belcolle, con l’amico sbronzo accanto a lui che non è riuscito neppure a chiamare i soccorsi. 118 e carabinieri sono stati avvertiti dagli amici di una vittima del triplo incidente mortale sulla Tuscanese. Venzi è morto nel giro di un paio d’ore.

Già domani, forse, sarà affidato l’incarico al medico legale per l’autopsia. Dopodomani, probabilmente, l’interrogatorio di garanzia, per la convalida del fermo per omicidio volontario.

Intanto, l’arresto di Battaglia fa discutere e divide. Sul ragazzo, pende un precedente di polizia per lesioni. Un episodio per il quale Battaglia non è stato condannato con sentenza definitiva, ma che suggerisce come il 22enne non sia nuovo ad alzare le mani: non è un caso che in certi ambienti giovanili sia conosciuto come violento e attaccabrighe. Sui social network, c’è anche chi è disposto a scagionare Sabato: un bravo ragazzo, bello come un attore, amante degli animali, che lavorava sodo e che ha punito chi se l’è cercata. Dalle indagini dei carabinieri del colonnello Mauro Conte, però, risulta una difesa sproporzionata all’offesa: Venzi e l’amico, provenienti da un locale in via De Lellis, barcollavano in preda ai fumi dell’alcol. Tant’è che l’amico della vittima non è stato in condizioni neppure di chiamare i soccorsi. E forse la sua sola testimonianza, scarsamente lucida, non sarebbe stata sufficiente senza quella dei passanti che hanno allertato le forze dell’ordine. 

Negli investigatori e in parte dell’opinione pubblica prende corpo l’idea di una tragedia inutile perché evitabile. Un eccesso di forza che, adesso, si ritorce come un boomerang contro chi non ha saputo dosarla e si ritrova in carcere.

Sarebbe bastato poco per avere ragione di un molestatore come quello. Sarebbe bastato meno dei pugni. Dei denti spaccati. Del volto maciullato. Forse bastava una corsa. Sicuramente bastava meno di un omicidio.

Stefania Moretti


Condividi la notizia:
28 settembre, 2015

Omicidio del Riello ... Gli articoli

  1. Battaglia di nuovo in carcere, il difensore: "Ce lo aspettavamo"
  2. Omicidio del Riello, Battaglia torna in carcere
  3. "Non auguro a nessuno di incontrare per strada l'omicida del figlio"
  4. Omicidio del Riello, Battaglia chiede i domiciliari a casa della madre
  5. "Sarebbe un'attenuante risarcire la mamma e i fratelli di Federico"
  6. Pena troppo alta, Battaglia chiede l'annullamento
  7. "Perché si vuole riabilitare un ragazzo violento?"
  8. Omicidio del Riello, Battaglia fuori dal carcere
  9. "Sarebbero poco rassicuranti per tutti i domiciliari a Battaglia"
  10. "E ora Battaglia fuori dal carcere..."
  11. Omicidio del Riello, 9 anni e 10 mesi a Battaglia
  12. Omicidio del Riello, si torna in aula
  13. Sabato Battaglia non è un mostro
  14. "Per la morte di Venzi chiederemo i soldi allo stato"
  15. "Un totale disprezzo della vita"
  16. Sabato Battaglia condannato a 12 anni
  17. Omicidio del Riello, conto alla rovescia per la sentenza
  18. "Una tragedia che ha distrutto due famiglie"
  19. Chiesti 12 anni per Battaglia
  20. Omicidio del Riello, oggi la sentenza
  21. Omicidio del Riello, udienza lampo
  22. Omicidio del Riello, processo a Battaglia
  23. Omicidio del Riello, a giugno il processo
  24. Omicidio del Riello, Battaglia chiede l'abbreviato
  25. Omicidio del Riello, la procura vuole il processo subito
  26. La difesa in Cassazione: "Battaglia non voleva uccidere"
  27. Venzi soffocato dal suo stesso sangue
  28. Omicidio del Riello, chiesto un mese per l'autopsia
  29. Omicidio del Riello, si allungano i tempi per l'autopsia
  30. Omicidio del Riello, Battaglia ricorre in Cassazione
  31. Sabato Battaglia resta in carcere
  32. Il Riesame prende tempo su Sabato Battaglia
  33. Oggi il Riesame per Sabato Battaglia
  34. Omicidio del Riello, ascoltata la fidanzata di Battaglia
  35. Sabato Battaglia via da Mammagialla
  36. Omicidio del Riello, slitta l'udienza per Sabato Battaglia
  37. Omicidio del Riello, Battaglia davanti al Riesame lunedì
  38. Omicidio del Riello, Battaglia davanti al Riesame
  39. Venzi voleva chiamare i carabinieri
  40. Raccolta fondi per l'omicida
  41. Venzi voleva difendere la ragazza
  42. Omicidio del Riello, denunciati due amici di Battaglia
  43. Omicidio del Riello, Battaglia resta in carcere
  44. Omicidio del Riello, chiesti i domiciliari per Battaglia
  45. "Battaglia si sente vittima di un'aggressione"
  46. Pugni letali al viso e alla trachea
  47. L'omicida del Riello è un ventiduenne
  48. Pestato a morte, un fermo per omicidio
  49. Pestato e ucciso al Riello
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR