Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Castiglione in Teverina - A dicembre il processo

Violenza sessuale, giudizio immediato per il brigadiere

Condividi la notizia:

La caserma dei carabinieri di Castiglione in Teverina

La caserma dei carabinieri di Castiglione in Teverina 

Castiglione in Teverina – Sarà processo subito per il carabiniere arrestato per violenza sessuale su un 20enne.

Per G.O., brigadiere alla caserma di Castiglione in Teverina, la prima udienza è fissata a dicembre.

Così ha voluto il pm Franco Pacifici, titolare delle indagini sugli abusi sessuali denunciati da un giovane, che punta il dito contro il brigadiere. Il magistrato ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato: un processo dalla straordinaria velocità perché senza udienza preliminare. Strategia che l’accusa utilizza quando l’indagato è ancora agli arresti o le prove sono schiaccianti. 

In questo caso, il brigadiere è recluso in casa da agosto. Il tribunale del Riesame non ha voluto saperne di revocare i domiciliari.

Gli abusi, secondo le indagini, sarebbero stati commessi su un ragazzo poco più che ventenne, che ha sporto denuncia per fatti iniziati nel 2011. Ai carabinieri ha raccontato di una valanga di sms e telefonate per ottenere incontri intimi. Ma anche convocazioni in caserma con pretesti di ogni tipo e al di fuori da qualunque motivazione ufficiale o di servizio. Da qui, l’accusa di abuso d’ufficio per avere, secondo gli inquirenti, approfittato del suo ruolo di militare dell’Arma per incutere timore nel giovane e poi quella di stalking vista la frequenza e l’ossessività dei contatti. 

Quattro anni di violenze, secondo gli investigatori, avvenute anche dentro le camerate della caserma di Castiglione, dove G.O. prestava servizio.

All’interrogatorio di garanzia, rispondendo alle domande del gip, il brigadiere aveva respinto ogni addebito. Soprattutto quello di violenza sessuale.


Condividi la notizia:
22 settembre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR