--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Maxiprocesso sanità - Aloisio accusato di concussione, chiesta la trasmissione degli atti in procura per un ex dirigente

Asl, i pm: “Falsa testimonianza”

Condividi la notizia:

Giuseppe Maria Aloisio, ex direttore generale della Asl di Viterbo

Giuseppe Maria Aloisio, ex direttore generale della Asl di Viterbo 

Il maxiprocesso Asl

Il maxiprocesso Asl 

Viterbo – Tutto e il contrario di tutto.
Tra le indagini e il processo c’è un abisso sul fronte delle accuse di concussione all’ex direttore generale della Asl Giuseppe Aloisio.

Due gli atti nel mirino degli inquirenti: da un lato, il nulla osta igienico-sanitario alla Nuova clinica Santa Teresa; dall’altro, la delibera che riattivava la convenzione con la casa di cura di Nepi, cui la Regione aveva revocato un finanziamento in assenza di requisiti. Atti che, secondo i pm Fabrizio Tucci e Stefano D’Arma, favorivano apertamente i proprietari delle due cliniche Roberto e Fabio Angelucci, tra i 29 imputati del maxiprocesso Asl.

Per l’accusa, Aloisio avrebbe obbligato i suoi dirigenti a sottoscrivere quegli atti, fatto pressioni, esercitato la sua autorità di numero uno della Asl facendo capire che uno sgarro poteva costare caro ai dirigenti “dissidenti”. Ma ieri, i diretti interessati, dirigenti presunte vittime della concussione e, quindi, dell’atteggiamento autoritario di Aloisio, hanno confermato poco o nulla dei vecchi interrogatori, un po’ attenuando, un po’ ritrattando. Le stesse pressioni che ieri erano si traducevano in “ordini perentori del direttore generale” ed erano oggetto di sfoghi tra i dirigenti, oggi diventano ordinarie al punto da non conservarne più traccia nella memoria.

“Non ricordo pressioni specifiche”, ha spiegato per circa un’ora l’ex dirigente del Servizio Igiene pubblica della Asl Giandomenico Spera che, in fase di indagini, si era spinto fino ad ammettere che mai avrebbe rilasciato quel nulla osta, se non per l’ordine perentorio del direttore generale. Spera descriveva Aloisio come “persona molto autoritaria, cui non piaceva essere contraddetto, per cui temevo che, in caso di dissenso, il direttore potesse ostacolarmi sul lavoro”. Oggi smentisce: “Timori sul lavoro? E perché?”.

I pm chiedono la trasmissione degli atti in procura per falsa testimonianza. Perché per rilasciare due versioni così diverse Spera mente senza soluzione di continuità: o ha parlato troppo all’epoca, o troppo poco oggi, ma le parole hanno un peso. Sulle sue dichiarazioni l’accusa ha costruito un’ipotesi di concussione a danno di Aloisio. Concussione polverizzata dalle testimonianze di ieri, secondo l’avvocato dell’ex dg, Alessandro Diddi.

Con il nulla osta di Spera e un successivo parere favorevole della Asl, la Santa Teresa avrebbe ottenuto l’autorizzazione per tutta una serie di attività sanitarie. Ma tanto Spera quanto Renato Leoncini, altro dirigente presunta vittima di concussione, dicono che Aloisio aveva fretta semplicemente perché la vicenda Santa Teresa si trascinava da troppo tempo e, inoltre, “vista la carenza di posti letto di Belcolle e l’alto tasso di mobilità, l’apporto dei privati diventava irrinunciabile”, secondo Leoncini.

Le esigenze degli utenti prima dei privati, insomma. Come per la casa di cura di Nepi: la struttura, riconosciuta accreditata per la riabilitazione, si vede revocare le sovvenzioni regionali nel 2008, quando si scopre che, in realtà, i 40 posti letto per la riabilitazione non erano accreditati.

Per scongiurarne il taglio, si muovono prefettura, assemblea dei sindaci e la stessa Asl, imponendo a Leoncini – e sarebbe qui la presunta concussione – una delibera molto incisiva per riattivare la convenzione con la casa di cura. Strategia che Leoncini non condivide. Non si oppone agli ordini di Aloisio perché, anche se non se lo sente dire esplicitamente, “poteva anche perdere il posto, considerando che c’era già pronto il nome di un sostituto”.

Ma si trova così in disaccordo con i modi dell’ex dg, “autoritario per carattere”, e le politiche dell’azienda che, alla fine, si dimette nel 2009, per poi vedersi piovere addosso il maxiprocesso Asl, dov’è da un lato vittima del dispotismo di Aloisio, dall’altro imputato. “Una pagina dolorosa per me, che ho sempre lavorato nell’interesse della sanità e che mi sono dovuto allontanare dal mio posto pur potendo restare il servizio – conclude Leoncini -. Tutto quello che ho potuto, l’ho cancellato dalla mia mente”.


Condividi la notizia:
24 ottobre, 2015

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti"
  6. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  7. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  8. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  9. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  10. "Gianlorenzo favoriva o danneggiava 'su richiesta' il politico o il manager di turno..."
  11. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  12. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  13. "Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo..."
  14. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  15. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  16. "Aloisio, non fu concussione"
  17. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  18. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  19. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  20. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  21. "Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno"
  22. Aloisio interrogato per tre ore
  23. "Trentamila euro in tre anni al partito"
  24. "Bisogna sostenere il partito"
  25. La morte lenta del processo Asl
  26. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  27. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  28. "La tessera della Margherita? Non ce l'avevo nemmeno io..."
  29. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  30. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  31. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  32. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  33. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  34. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  35. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  36. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  37. Quintarelli: "Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio"
  38. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  39. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  40. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  41. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  42. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  43. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  44. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  45. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  46. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  47. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  48. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  49. Asl, una notifica ingolfa il processo
  50. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  51. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  52. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  53. "Aloisio non ha preso un euro"
  54. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  55. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  56. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  57. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  58. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  59. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  60. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  61. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  62. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  63. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  64. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  65. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  66. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  67. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  68. Sì all'immobile al posto dei conti
  69. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  70. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  71. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  72. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  73. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  74. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  75. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  76. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  77. Oltre quattro ore di interrogatorio
  78. Aloisio di nuovo dai pm
  79. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  80. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  81. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  82. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  83. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  84. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  85. Selvaggini cambia avvocato
  86. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  87. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  88. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  89. Paoloni chiede di essere interrogato
  90. Un immobile al posto dei conti
  91. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  92. "I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR