Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Canoni non pagati e locale chiuso - In commissione l'assessore Barelli conferma la linea di palazzo dei Priori

Il comune si riprende il cinema Genio

Condividi la notizia:

Giulio Marini

Giulio Marini 

L'assessore Giacomo Barelli

L’assessore Giacomo Barelli 

Viterbo – (g.f.) – Cinema Genio, del futuro non v’è certezza. Almeno fino a quando non ritornerà nella disponibilità del comune.

Ieri in seconda commissione l’argomento è tornato in scena, dopo le polemiche delle scorse settimane fra l’amministrazione Michelini e la società Teatro Genio dei Ferretti che attualmente ha la gestione.

Canoni di locazione non versati e tasse non pagate per oltre centomila euro, lamentano da palazzo dei Priori, mentre l’altra parte sostiene come ci siano stati contatti, senza esito, per un piano di rientro e anche di rilancio.

Da qui le incertezze sul futuro, secondo l’assessore Giacomo Barelli, che ieri mattina in commissione ha risposto a Giulio Marini (FI).

“Finché l’amministrazione – anticipa Barelli – non rientrerà in possesso della struttura, non può fare nulla in concreto.

Ma immaginiamo che non ci saranno cambiamenti rispetto alla naturale destinazione dei locali, ovvero cinema”.

Il Genio è la sala più grande, con ottocento posti a sedere. “Abbiamo dato incarico a un legale – osserva Barelli – per rientrare in possesso del Genio. La società che attualmente lo ha in gestione lo sta tenendo chiuso, non paga i canoni di locazione e non lo restituisce”.

Si va tramite giudici.

Una vicenda che parte da lontano, ricorda Barelli, mentre Marini incalza l’assessore per capire come mai in comune solo dopo due anni dall’insediamento si sono accorti dei canoni arretrati e di tutto il resto. Mentre al Genio si sono svolte pure iniziative da parte dell’amministrazione.

“Trovandoci nella curiosa situazione – sottolinea Barelli – di non vedere pagati i canoni, mentre all’amministrazione, che è il proprietario, sono stati richiesti soldi per l’utilizzo”.

Il presidente della commissione Livio Treta ha il suo punto di vista: “In cinque anni la società non ha pagato il canone e gli investimenti non si sono visti. Non vi viene qualche dubbio?”.

Più di uno e ognuno ha i propri.

“Il comune – conclude Barelli – deve rientrare in possesso della proprietà e mettere in atto le procedure per il recupero delle somme dovute”.


Condividi la notizia:
28 ottobre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR