--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Tre sono i partenariati che vedranno protagonista la scuola

Erasmus plus, l’istituto Egidi in giro per l’Europa

Condividi la notizia:

Viterbo - La scuola Pietro Egidi

Viterbo – La scuola Pietro Egidi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Grande successo in Europa per l’Istituto Egidi. Con ben tre progetti Erasmus Plus approvati, alunni e docenti potranno vivere irripetibili esperienze in tutto il continente.

Dalla Germania alla Romania, dalla Svezia alla Turchia, dall’Inghilterra alla Slovacchia.

No, non si tratta di un’improbabile rilettura di una celebre ode manzoniana, ma di alcune delle direttrici che studenti e insegnanti dell’istituto comprensivo “Pietro Egidi” di Viterbo avranno l’onore di percorrere grazie ai progetti Erasmus, finanziati dall’Unione Europea, nei quali la scuola sarà coinvolta.

Il plurale è d’obbligo poiché non uno, non due, ma, udite udite, ben tre sono  i partenariati che vedranno l’Egidi protagonista.

Tempi di saldi dalle parti di Bruxelles? Non proprio, anche se di vere e proprie occasioni speciali si sta parlando. Per i docenti della scuola, gli alunni e le loro famiglie e anche per la città di Viterbo.

Infatti i tre progetti rispondono ad esigenze didattiche forti, che partono non solo dalle vocazioni e dalle esperienze di eccellenza della scuola, ma anche da una attenta lettura del territorio: si spazia infatti dall’inclusione alla musica, dallo sport alla storia, dal turismo alla formazione.

Il progetto principale, di durata triennale e del quale il nostro istituto è capofila, parte proprio dal desiderio di creare una figura innovativa di “docente inclusivo” per le discipline di educazione fisica e musica, capace di interagire con gli alunni con particolari bisogni educativi. Un’idea originale, capace di legare non solo le Istituzioni scolastiche di cinque paesi europei, ma anche di coinvolgere partner scientifici di alto livello nazionali come “Special Olympics” e internazionali.

Persino gli studenti, con particolare riguardo a quelli con bisogni educativi speciali, parteciperanno alle mobilità in tutti i paesi coinvolti. Un’occasione importante, che porta a compimento un percorso che ha visto spesso musica e sport dare ad alunni con percorsi difficili non tanto una semplice possibilità di esprimersi in modo alternativo, bensì una vera e propria occasione di eccellere in un ambito di prestigio. D’altronde, è bene ricordare che l’istituto Egidi è l’unica scuola del primo ciclo del capoluogo ad accogliere l’indirizzo musicale, promuovendo lo studio (gratuito e di alto livello) di ben quattro strumenti.

Il dirigente della scuola, Loretta Bucciotti, e i docenti hanno risposto con un entusiasmo talmente forte che l’istituto viterbese si è inserito in altri due progetti, uno a guida inglese e a forte carattere scientifico (la nostra è la sola scuola coinvolta) sul tentativo di coinvolgere in un proficuo dialogo istituzionale le famiglie più refrattarie e meno “raggiungibili”.

L’altro, con una scuola slovacca a fare da capofila, incentrato sulla promozione dei territori dei paesi partecipanti. All’orizzonte una (ulteriore) guida turistica di Viterbo?

“Nulla di convenzionale – assicura la dirigente -: saremo ben lontani dal classico libretto… Anzi, il progetto strizza l’occhio anche alle nuove tecnologie e all’autoimprenditorialità, quindi aspettatevi delle sorprese dai nostri studenti e dai loro insegnanti. Di più, per ora, preferisco non dire, ma probabilmente sarà una bella occasione di promozione per la nostra città”.

Un appassionante percorso lungo tre anni e tutto da vivere.

Istituto comprensivo Pietro Egidi


Condividi la notizia:
5 ottobre, 2015

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR