--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Cultura - Paolo Giannini fa un bilancio della manifestazione

Il Festival degli etruschi ha unito la Tuscia

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Festival degli Etruschi - Paolo Giannini

Festival degli Etruschi – Paolo Giannini 

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo –  A dirla tutta io non ci credevo. O meglio ci credevo a metà. Pensavo che fosse una delle solite manifestazioni, tutto fumo e niente arrosto alle quali ci ha abituati la “cultura viterbese “ in questi ultimi anni.

Vi ho comunque partecipato, sia come relatore sia come spettatore ricredendomi non poco.

Certo ci sono stati difetti e più di uno, ma quale manifestazione al suo primo apparire non ne ha! Il rodaggio è una regola per tutti. Sono lacune delle quali si è preso nota e che, se ci saranno repliche, come ben di auguro,saranno colmate.

Ma complessivamente il Festival degli etruschi è riuscito. Si è dimostrato qualcosa  capace di  unire un po’ tutta la Tuscia  in nome di un antico popolo, di una antica gente.

Si è potuto notare un sentimento comune, una comune volontà di operare in diverso modo e in diversi contest con il solo fine di conoscere più approfonditamente la propria piccola storia, le proprie radici ed inserire il tutto nel grande quadro della civiltà e delle cultura etrusca della nostra terra.

E’ stato un momento di creazione di un nuovo e più particolareggiato mosaico  dove ogni paese, ogni luogo, ogni associazione, prima di tutti l’Università ha portato una tessera di valore unico e soprattutto nuovo.

Si è rivelato un fermento diverso nelle nostre terre, un fermento, una mentalità che negli anni  ’60 l’allora Soprintendente dell’Etruria Meridionale, il compianto dr. Mario Moretti, auspicava nel momento in cui si dissacrava la Storia e la cultura etrusca con una quotidiana bramosia di scavi clandestini.

 Nel corso del festival ho potuto constatare una diffusa coscienza  archeologico-storica  tradotta in una articolata ricerca e difesa del territorio che in altri tempi era limitata a poche persone e gruppi  di volontariato.

Erano decenni che la Tuscia non si riuniva  alla luce di un denominatore comune.

E ciò non può che far piacere ad uno come me che, solo, nel 1964  prese a riunire persone interessate ai problemi archeologici e alla conseguente conoscenza e difesa del territorio. Però a pensarci non ero solo, c’era con me l’amico e compianto Ludovico Magrini con il quale fondammo i Gruppi Archeologici che si diffusero prima nella nostra Provincia e poi in  tutta Italia.

Da allora molte primavere hanno rinverdito le terre delle nostre necropoli e dei nostri centri ma il tutto era come macchie sulla pelle di un leopardo.

Il Festival degli etruschi mi sembra abbia riunito le macchie e ne abbia fatto un giusto colore e sentimento comune.

Ora mi aspetto che il lievito diffuso nell’occasione muova e rinnovi   tutta una massa fino ad oggi amorfa e tanto insensibile.

Ora mi aspetto che ciò che è stato portato alla luce, alla luce rimanga  e oltre ad essere motivo di ritrovate radici e di orgoglio  divenga fattore e motivo di uno sviluppo articolato e vivibile che si traduca cioè  in un veicolato turismo capace di  recare anche frutti economici  più che mai necessari a tutto il territorio della nostra amata Tuscia.

Paolo Giannini

 


Condividi la notizia:
21 ottobre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR