Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Madre accusata di maltrattamenti in famiglia - A scatenare la violenza i brutti voti in pagella - Ascoltati un poliziotto, assistenti sociali e maestre - A maggio parlerà il ragazzino

Bambino di 9 anni frustato col filo elettrico e bastonato

Condividi la notizia:

Viterbo - Tribunale

Viterbo – Tribunale 

Viterbo – Frustato con il filo di una lampada. Bastonato con la scopa. Calci e pugni per il minimo sgarro, anche involontario. Troppo da sopportare per un bambino di 9 anni, che si era aperto prima con i compagni di scuola, poi in un tema svolto in classe.

A giudizio è finita la madre, accusata di maltrattamenti in famiglia. 

Quel tema del ragazzino, fatto fare appositamente dalle maestre che avevano fiutato che qualcosa non andava, mette in moto gli insegnanti e fa partire la segnalazione della scuola di un paese della provincia. I servizi sociali e i poliziotti della squadra mobile si interessano al caso e interrogano il bambino. Per la mamma viene chiesto l’arresto, che il tribunale non concede.

Ieri, davanti al giudice Silvia Mattei, hanno parlato l’ispettore Fortunati, sezione reati su minori della mobile, le assistenti sociali e le maestre. Tutti testimoni dell’accusa che, seppur con i ricordi un po’ appannati (i fatti sono del 2009) hanno confermato di aver raccolto le confidenze del bambino.

L’episodio più eclatante sarebbe stato quello delle frustate: la madre del bambino, in un momento di rabbia, staccò una lampada e si mise a picchiare il ragazzo con il cavo della corrente. Lui andò a scuola con segni rossi che fece vedere agli amichetti. A scatenare la reazione della donna, alcuni brutti voti nella pagella del figlio. Metodi praticamente normali per la signora, che avrebbe ricevuto un’educazione molto rigida da bambina.

Raccontato l’episodio agli amichetti e sparsasi la voce a scuola, le maestre fanno svolgere un compito in classe. Tema: come hanno reagito i tuoi genitori alla pagella? Il bambino racconta delle frustate e delle botte per qualunque cosa, anche se una merendina gli si apriva dentro la cartella e la sporcava. Anche se suonava il campanello invece di bussare quando tornava a casa. 

Alla prossima udienza parlerà il ragazzo.


Condividi la notizia:
8 ottobre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR