Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vetralla - Si svolgerà dal 19 al 25 ottobre

Al via Melting cook, il meeting sull’enogastronomia

Condividi la notizia:

Vetralla

Vetralla

Vetralla – Riceviamo e pubblichiamo – Al via Melting cook, confronto su qualità enogastronomica.

“Benessere e sana alimentazione. Tipicità ed eccellenza dei prodotti. Al via Melting cook, il confronto sui temi della qualità enogastronomica e sui suoi aspetti economico, politico e sociale realizzato grazie al progetto di scambio finanziato dal programma Erasmus plus. Il confronto si svolgerà a Vetralla dal 19 al 25 ottobre”. A renderlo noto è Bruna Rossetti, presidente di Confcooperative Viterbo e Rieti.

Capofila del progetto è Aisec, l’associazione italiana socio-educatori per la cooperazione di Confcooperative, che per l’Italia ha selezionato 5 partecipanti, dai 18 ai 25 anni, della provincia di Viterbo.

“Lo scambio – prosegue Rossetti – che coinvolge 20 giovani provenienti da Italia, Croazia, Francia e Turchia, punta a promuovere cibi e comportamenti sani, così come le diverse culture europee conoscendone gusti, ricette, ingredienti e tradizioni legate al cibo.

Tra gli altri obiettivi, anche la sensibilizzazione dei ragazzi sulle tematiche europee e l’inserimento di giovani con minori opportunità culturali, geografiche ed educative. I partecipanti – continua – si confronteranno sul tema della cucina, affrontandone l’aspetto economico, politico e sociale. La gastronomia come luogo di integrazione e al tempo stesso scoperta delle differenze”.

“Il progetto si svolgerà all’agriturismo Villa Ione di Vetralla, in un territorio – sottolinea il presidente di Aisec, Stefano Cerioni – che dal punto di vista ambientale, storico ed economico si presenta articolato e variegato. Gli ultimi dati rilevano la provincia di Viterbo come un’area a elevata ruralità dove il settore agroalimentare è quello trainante sia in termini di imprese che di occupazione e fatturato.

La provincia vanta oltre 34 prodotti tipici, alcuni dei quali si fregiano di riconoscimenti quali doc, igp, igt. Un’agricoltura di qualità che produce ricchezza, alimenta imprenditorialità, e dove c’è un’antica tradizione legata al cibo e alle tradizioni che si tramandano di generazione in generazione”.

“In quest’ottica – conclude Rossetti – il progetto di scambio ha valore di conoscenza del territorio, dei suoi prodotti, delle sue tradizioni culturali e culinarie. Ai partecipanti verrà chiesto infine di far conoscere il proprio territorio e le peculiarità che lo contraddistinguono attraverso immagini e testimonianze”.

Confcooperative Viterbo e Rieti


Condividi la notizia:
18 ottobre, 2015

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR