Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lazio - Il presidente Zingaretti ha annunciato l'accordo raggiunto con la Procura - Saranno dirottati su Roma, Viterbo, Frosinone, Latina, Rieti, Velletri, Cassino, Tivoli e Civitavecchia

I dipendenti della Regione a lavoro nei tribunali

Condividi la notizia:

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti 

Viterbo – I dipendenti della Regione in soccorso ai tribunali.

Lo ha annunciato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

“Abbiamo firmato un protocollo con la Procura: 350 dipendenti – annuncia il presidente Nicola Zingaretti – della Regione Lazio andranno a lavoro nei tribunali. Un modo concreto e inedito per affermare la legalità. Entro novembre – partiranno i bandi rivolti ai dipendenti. Il periodo di sperimentazione sarà di un anno”.

Se la sperimentazione avrà successo, d’intesa con i lavoratori la Regione prolungherà l’accordo e i dipendenti regionali potranno scegliere su quale progetto essere ricollocati. L’accordo avrà inizio l’8 dicembre.

Le unità di personale  saranno assegnate negli uffici giudiziari di Roma, Viterbo, Frosinone, Latina, Rieti, Velletri, Cassino, Tivoli e Civitavecchia.

L’intesa è stata pensata in vista del Giubileo quando gli uffici giudiziari del Lazio in generale e di Roma in particolare saranno gravati da maggiori difficoltà.

La Regione Lazio, dunque, ha deciso di mettere a disposizione le proprie forze lavorative per rafforzare l’efficacia e l’efficienza degli uffici regionali.

Il ministero della Giustizia assicurerà, presso i singoli uffici giudiziari, la formazione e l’aggiornamento professionale del personale regionale temporaneamente assegnato.

I nominativi del personale regionale individuato verranno comunicati agli uffici interessati dal ministero. Il personale regionale assegnato all’ufficio giudiziario non potrà svolgere attività di assistenza al magistrato e all’udienza e dovrà sottoscrivere un documento formale in cui si impegna a garantire la riservatezza degli atti e dei documenti trattati e il rispetto della privacy delle persone coinvolte.


Condividi la notizia:
1 novembre, 2015

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR