Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Squadra mobile - Le segnalazioni sarebbero state presentate all'Urp da alcune donne

Molestie sessuali sulle pazienti, sospeso medico

Condividi la notizia:

Polizia

Polizia 

La cittadella della salute, sede della Asl

La cittadella della salute, sede della Asl 

Viterbo – Molestie sessuali sulle pazienti, medico specialista sospeso dal servizio.

Questa mattina gli uomini della polizia di Stato della squadra mobile hanno notificato a un medico specialista della locale Ausl la misura cautelare interdittiva della sospensione dell’esercizio del pubblico ufficio o servizio che svolge quale medico specialista ambulatoriale a tempo indeterminato alle dipendenze della Ausl di Viterbo, con annessa interdizione per lo stesso per tutte le attività inerenti a tale ufficio e servizio.

L’attività investigativa che ha determinato l’emanazione del provvedimento cautelare, ha avuto inizio a seguito di alcune segnalazioni ricevute dalla squadra mobile della questura da parte della direzione sanitaria di Viterbo, relative a reclami presentati all’Urp della Ausl da donne che lamentavano di aver subito molestie di natura sessuale mentre erano sottoposte a visita dal medico.

Avviata un’immediata attività investigativa, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica Paola Conti, è stato scoperto che le segnalazioni erano vere, supportate anche da diverse testimonianze delle presunte vittime che hanno formalizzato negli uffici della questura le necessarie denunce.

Tutto il materiale investigativo è stato trasferito in una dettagliata informativa di reato inviata alla procura della Repubblica, in base alla quale veniva richiesta l’emanazione della misura cautelare che è stata concessa dal Gip Francesco Rigato.

Le indagini sono state condotte dalla sezione della squadra mobile della questura di Viterbo specializzata per il contrasto del fenomeno della violenza sessuale sulle donne e sui minori, ufficio di riferimento in ambito provinciale della polizia di Stato.


Condividi la notizia:
26 novembre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR