--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Tsunami - Carabinieri - Era colpito da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per concorso in spaccio - Notificato anche un provvedimento di presentazione alla polizia giudiziaria per un 19enne

Retata antidroga, arrestato un altro 27enne

Condividi la notizia:

Operazione Tsunami - Il materiale sequestrato dai carabinieri

Operazione Tsunami – Il materiale sequestrato dai carabinieri 

Operazione Tsunami dei carabinieri - Gli arrestati

Operazione Tsunami dei carabinieri – Gli arrestati 

Operazione Tsunami dei carabinieri

Operazione Tsunami dei carabinieri 

Ronciglione – Retata antidroga, arrestato 27enne (video – fotocronaca – slide).

Proseguono le indagini dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Ronciglione nell’ambito dell’operazione “Tsunami”.

Ieri, i militari hanno arrestato un altro uomo di origini egiziane di 27 anni colpito da un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dalla procura della Repubblica al tribunale di Viterbo per concorso in spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari dopo aver ricevuto il provvedimento hanno iniziato una fenetica attività di ricerca dell’uomo, residente a Caprarola fino ad arrestarlo, mentre si stava aggirando nel centro abitato.

Nell’ambito delle stesse indagini è stato anche notificato un provvedimento di presentazione alla polizia giudiziaria per un altro indagato 19enne di Bracciano.

Sulla base dell’ordinanza, il giovane dovrà presentarsi al posto di polizia per tre volte al giorno, oltre ad altre prescrizioni particolari imposte dall’autorità giudiziaria della Capitale.

Dopo le formalità, l’arrestato è stato portato nella sia casa ai domiciliari.

Intanto, continuano le indagini con l’escussione di testi e con gli accertamenti dei militari dell’Arma che operano in stretta sinergia con il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Viterbo.


Condividi la notizia:
4 novembre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR