--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Obbligo di firma al posto dei domiciliari per due ragazzi - Revocata la misura cautelare a un 21enne - Il Riesame ritocca alcuni dei provvedimenti del tribunale di Viterbo

Tsunami della droga, tre in libertà

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Operazione Tsunami dei carabinieri

Operazione Tsunami dei carabinieri 

Operazione Tsunami dei carabinieri - Un panetto di droga

Operazione Tsunami dei carabinieri – Un panetto di droga 

Operazione Tsunami - Il materiale sequestrato dai carabinieri

Operazione Tsunami – Il materiale sequestrato dai carabinieri 

Ronciglione – Tre tornati liberi, o quasi.

Il tribunale del Riesame ha alleggerito le misure cautelari per alcuni degli arrestati dell’operazione Tsunami, il blitz antidroga scattato tra Ronciglione e dintorni all’alba del 2 novembre. 

I giudici romani hanno revocato i domiciliari a Matteo Gambaccini e Sandro Soviero, 21 e 25 anni, sostituendo gli arresti in casa con l’obbligo di firma. Completamente libero il 21enne Luca Soviero; per lui, i suoi avvocati Marco Marcucci e Matteo Moriggi avevano presentato una nuova richiesta al gip Stefano Pepe, firmatario di un’ordinanza d’arresto da 259 pagine che non gli ha impedito di revocare i domiciliari al ragazzo.

Almeno in sette si sarebbero appellati al tribunale del Riesame per ottenere la revoca dei domiciliari. Al momento nessuna notizia dell’esito dei ricorsi degli altri quattro. 

Le indagini dei carabinieri di Ronciglione hanno portato alla luce uno spaccio localizzato soprattutto nella bassa Tuscia. La droga proveniva dalla capitale: hashish, marijuana, ma anche cocaina. Gli investigatori, coordinati dal pm Paola Conti, hanno documentato numerosi episodi di spaccio anche a minorenni.

25 arresti. 25 posizioni tutte diverse, alcune più delicate e compromesse di altre. 

Tra gli arrestati, anche due egiziani, gestori della frutteria sulla circonvallazione, chiusa ormai da più di un mese. Un’altra centrale dello spaccio, secondo quanto raccolto dagli inquirenti, che, in queste settimane, hanno ascoltato decine e decine di persone informate sui fatti per capire l’effettiva ampiezza del traffico di stupefacenti.


Condividi la notizia:
24 novembre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR