--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Il comitato spontaneo cittadini chiede chiarimenti ai consiglieri della regione Lazio

“Arsenico, quante volte in un mese viene analizzata l’acqua?”

Condividi la notizia:

Contatori dell'acqua

Contatori dell’acqua 

Civita Castellana – Riceviamo e pubblichiamo la lettera del Comitato spontaneo cittadini di Civita Castellana ai consiglieri regionali Silvia Blasi, Daniele Sabatini, Enrico Panunzi e all’Arpa Lazio – Egregi signori Consiglieri Regionali eletti nella provincia di Viterbo vi scriviamo per esseri informati e garantiti sul grande problema che in questi anni la nostra cittadina, Civita Castellana, vive e che sembra non risolversi mai riguardante l’arsenico presente nelle nostre acque.

Qualche giorno fa abbiamo comunicato, visto che il comune rimaneva in silenzio su questo importante problema che da circa due anni colpisce la collettività civitonica, i dati relativi alla presenza di arsenico e di fluoruri nell’acqua pubblica, acqua che quotidianamente sgorga dai rubinetti delle abitazioni del nostro paese.

Dati che non ci siamo inventati, ma che abbiamo prelevato dalle rilevazioni ufficiali effettuate dall’Arpa nel mese di dicembre.

I valori evidenziavano che nella rete idrica centro (serbatoio Faleri) l’arsenico era di μg 16 per litro a fronte dei 10mg consentiti dalla legge. I valori dei fluoruri erano fuori norma invece nella rete idrica centro (serbatoio Faleri) mg 1,69 per litro e nella rete idrica centro (serbatoio Barco – S.Lorenzo) mg 1,52 per litro a fronte dei mg 1,50 per litro previsti dalla legge.

Il giorno dopo il comune ci ha risposto che invece nell’ultimo campionamento dell’acqua i parametri dell’arsenico erano tutti nella norma, vale a dire sotto la soglia di legge di 10 microgrammi per litro e che l’unico parametro fuori norma era stato contestato dalla ditta che gestisce gli impianti di dearsenificazione e quindi sottoposto ad ulteriori accertamenti.

La Asl aveva poi comunicato  le ulteriori analisi dell’Arpa che, in data 22 dicembre, davano  il parametro arsenico all’impianto Falerii a 9 microgrammi per litro, dunque entro i limiti. Soltanto i floruri in alcuni punti della città restavano leggermente fuori norma. Infatti i dati dell’Arpa sono stati modificati sul sito e la rete idrica centro (serbatoio di Faleri) presenta ora 9 mg per litro.

Di fronte a questo repentino cambio di dati e di risultati, chiediamo direttamente all’Arpa e ai consiglieri regionali Silvia Blasi, Daniele Sabatini ed Enrico Panunzi quante volte in un mese vengono effettuate le analisi dell’acqua.

Una, due, tre volte? Come è possibile poi che una ditta privata possa contestare e far modificare i rilevamenti ufficiali? Ci sono stati errori, oppure è soltanto una questione di aggiornamento?

Questo balletto di risultati, che è cambiato nel giro di due giorni, va chiarito per il diritto alla trasparenza e a tutela della collettività.

Comitato spontaneo cittadini Civita Castellana


Condividi la notizia:
30 dicembre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR