Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Crolla la maggioranza - Intervista a Filippo Rossi che attacca i sette consiglieri Pd che hanno aperto la crisi

“La maggioranza non c’è più, finita l’esperienza Michelini”

di Giuseppe Ferlicca
Condividi la notizia:

Filippo Rossi

Filippo Rossi 

Viterbo – “Siamo alla supercazzola del politichese”. Maggioranza nel caos in comune, con sette consiglieri Pd che hanno di fatto tolto la fiducia al sindaco Leonardo Michelini. Dall’interno di Moderati e riformisti, l’associazione politico – culturale al centro dello scontro, Filippo Rossi prova a dare un senso a una vicenda, che come cantato da Vasco Rossi, un senso non ha. Almeno per l’ex presidente del consiglio.

Che cosa non la convince?
“Tutto. Questa crisi è solo interna al Pd. A me pare strano che la città sia succube del Pd, d’elucubrazioni ideologiche all’interno del partito – afferma Rossi – . Non mi convince nulla. Leggendo le motivazioni della crisi e delle presunte dimissioni di due assessore, Perà e Troncarelli, non si capisce il perché”.

Presunte dimissioni, ma anche presunta crisi. Non ci sono atti ufficiali da parte dei sette. Solo dichiarazioni d’intenti. O no?
“Per me, ma lo dico a titolo personale, lo è. Sette persone in consiglio comunale hanno decretato che l’esperienza amministrativa per loro è finita. Non c’è più”.

Senza possibilità di recupero?
“Per me è finita. Non ci mettiamo in ginocchio a implorare, chiedere di ripensarci, io ritengo che siano fuori. La maggioranza per come è uscita dal voto non esiste più. Lo hanno deciso loro. Un pezzo del Pd, senza voler dare categorie, ha scelto che l’esperienza Michelini non esiste più. Quindi da oggi è questa maggioranza a non esistere più”.

Come vede le annunciate dimissioni in giunta?
“Le dimissioni o si danno o non si danno. Non si annunciano. Se annunci le dimissioni, è perché qualcuno prevede che poi ci sia una trattativa a seguito dell’annuncio. Tutto qui. Io quando ho detto che mi sarei dimesso da presidente del consiglio comunale mi sono dimesso. Anzi, sono andato in consiglio, ho annunciato le dimissioni e poi le ho firmate. Fino a quel momento non lo sapeva nessuno, né il gruppo e nemmeno l’assessore di Viva Viterbo”.

I problemi partono dalla nascita di Moderati e riformisti. In quanto tra i fondatori del movimento, non si sente un po’ in colpa?
“Non c’entra niente. Era un soggetto che già esisteva. Insieme raggiungiamo il 25 per cento. Il Pd è al 20 per cento. Brutti o sbagliati che siamo, questa è la realtà che rappresentiamo. Qui invece il dibattito è su chi influenza cosa. Siamo una forza civica in grado di rappresentare un candidato sindaco e di portarlo al ballottaggio, senza Pd. Non capisco perché altri siano ossessionati da questo”.

Oggi la crisi, un mese fa il voto compatto da parte di tutta la maggioranza, contro la mozione di sfiducia al sindaco, che è stata respinta. Trenta giorni dopo che è successo?
“Nulla. Hanno votato una fiducia che oggi sanciscono, non esiste più. Perché è nato un soggetto che è una federazione di liste civiche esistite da sempre. Politichese all’ennesima potenza. Cosa c’entra?”

Non ci legge altro nel gesto dei sette consiglieri Pd?
“Non ho ascoltato critiche all’amministrazione. Non c’è uno fra i sette che abbia detto, io me ne vado per questo progetto che non si fa, per un’idea di città che non è la mia. Niente di tutto questo. E lo dico io, che mi sono dimesso perché c’è stato un Natale in cui tutto è andato male e ho lasciato la presidenza del consiglio per essere libero di dire che faceva schifo. In maggioranza la dialettica è importante. I fatti, le critiche. Io invece vedo solo fuffa”.

Moderati e Riformisti è comunque punto di rottura piuttosto che di rafforzamento in maggioranza. Era proprio necessario che il sindaco Leonardo Michelini assumesse la presidenza, per inasprire ancora di più i rapporti?
“Discutiamo di un sindaco che si mette a capo di un’associazione culturale e politica e non ci si accorge che c’è un presidente del consiglio che è pure segretario nazionale del Pd? Fra i sette ci sono renziani che si autodefiniscono tali. Direi presunti. Io sento d’esserlo molto più di loro. Che fastidio può dare un movimento civico? La volontà egemonica del Pd mi sembra fuori dalla storia, soprattutto in una una città come Viterbo. Io ho rotto con una certa destra. Quando ero con Fini, Verdini e Alfano erano miei nemici politici. Ora il Pd nazionale ci governa insieme, se qualcuno non approva la linea a livello locale, penso che sia un problema suo”.

Michelini corre davvero il rischio d’andare a casa?
“Onestamente non lo so. Il tafazzismo di questa sinistra non lo capisco, non di tutto il Pd ma di una parte. Non comprendo come mai a un certo punto ci si alzi per dire, non va più bene nulla. Non perché non si debba criticare l’amministrazione, io lo faccio sempre e con me pure altri. Il punto di questa crisi però non è la critica. Qui si vuole avere un’egemonia politica, quando in realtà sei minoranza del partito che è il secondo per grandezza della coalizione, dopo i civici”.

Saranno minoranza, ma i sette possono bastare per sfiduciare l’amministrazione Michelini, unendosi all’opposizione.
“Ci mandano a casa? Bene. Andiamo al voto a maggio? Benissimo. Abbiamo i numeri per esprimere un candidato con cui andare al ballottaggio. Non vinciamo? Andremo all’opposizione. Candidiamo Francesco Serra e stiamo a posto. Sul candidato scherzo, ma su tutto il resto no. Siamo idonei a farlo, a presentarci alle amministrative come gruppo civico. Non perché vogliamo chiuderci, ma perché sono altri che rifiutano il dialogo”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
22 dicembre, 2015

Comune - Crolla la maggioranza ... Gli articoli

  1. Tutti in consiglio, la crisi continua
  2. "Michelini, un sindaco di gomma"
  3. "Volevamo fa dimettere il sindaco e invece ci dimettiamo noi"
  4. Tutti in "gita" a Bruxelles e la riunione salta...
  5. Crisi verso la fine ma senza un finale
  6. Si dimette pure Elpidio Micci
  7. “Egidi assessore? Io non metto veti...”
  8. "Ora sapremo chi avrà guadagnato e cosa da questa farsa"
  9. Il brodo della crisi si allunga
  10. "il silenzio dei dissidenti"
  11. Effetto domino, salta pure la riunione di maggioranza
  12. Tutti dal notaio! Si presenta solo Michelini...
  13. Moderati e riformisti chiedono un incontro col Pd
  14. Serra chiama a raccolta i consiglieri Pd
  15. "Direzione Pd inutile senza Melilli e Guerini"
  16. Crisi in un vicolo cieco
  17. Cogli l'attimo, domani andiamo dal notaio...
  18. "Ancora non ci sono le condizioni per fare un passo avanti"
  19. Venerdì il faccia a faccia con la maggioranza
  20. "Disponibile a rimettere il mio mandato di sindaco"
  21. Acqua pubblica, la crisi travolge il referendum
  22. Michelini a un bivio
  23. "Col Pd vogliamo un rapporto di pari dignità"
  24. Tre minuti e tutti a casa
  25. "Basta tenere in ostaggio la città"
  26. "Un incontro con la maggioranza prima di giovedì"
  27. Uniti nella critica, divisi dal notaio
  28. Pure Guerini prende tempo
  29. "Pronto a farmi carico di errori e superficialità"
  30. Guerini non c'è, salta la direzione provinciale Pd
  31. "Pronti a concordare l'appuntamento dal notaio"
  32. Per risolvere la crisi c'è tempo...
  33. "In comune è tutto bloccato"
  34. "Caro Serra, vai dal notaio..."
  35. "Ripartiamo insieme per il futuro della città"
  36. Faccia a faccia Michelini - Serra sui problemi della città
  37. "Moltoni riferisce vicende totalmente false"
  38. “Mi hanno offerto un assessorato per rientrare in maggioranza”
  39. "Resta aperta l'ipotesi delle dimissioni di massa"
  40. "Decidano i dissidenti, tanto Michelini non si dimette"
  41. "Ce la metterò tutta per uscire dalla crisi"
  42. Crisi, arriva Lorenzo Guerini
  43. "Non mi sembra che la situazione politica sia cambiata"
  44. Crisi, il notaio s'allontana...
  45. “Incontrerò i 7, discuteremo della ripartenza”
  46. Maggioranza colpita e affondata
  47. Arriva Guerini con la bacchetta magica...
  48. "Esperienza finita oltre ogni ragionevole dubbio"
  49. Michelini, un sindaco in fuga
  50. Valzer del notaio, altro giro
  51. Michelini prende gli schiaffi pure da Roma
  52. Il Nazareno non fa il miracolo
  53. "Venerdì si va dal notaio"
  54. "Con chi devo parlare?"
  55. “Ma quando vanno a casa?”
  56. Crisi, la soluzione non passa da Roma
  57. "Io non faccio politica, io amministro”
  58. "Non abdico, vado avanti per il bene della città"
  59. Il sindaco non molla
  60. I sette Pd disertano il consiglio
  61. Maggioranza spaccata, è gazzarra in commissione
  62. "Città sporca mentre il sindaco gioca alla crisi"
  63. In attesa di un difficile miracolo romano
  64. Opposizione pronta a occupare il consiglio comunale
  65. Dimissioni di massa o accordo per pilotare la crisi...
  66. Eppur si muove...
  67. Mercoledì tutti a Roma
  68. "Facciano come credono, io decido da solo"
  69. Vietato andare dal notaio
  70. Due giorni di corsa per non andare a casa
  71. Certificata l'incapacità politica di Michelini
  72. Michelini e Fioroni capitolano
  73. "Ma se è stato Sposetti a volermi sindaco..."
  74. “Città ostaggio di Michelini, siamo incazzati”
  75. "Siamo gli stessi che governano con Renzi"
  76. Sposetti sotterra definitivamente Michelini
  77. "Ecco chi non ha votato la mozione di sfiducia..."
  78. "Con chi stanno i Moderati e riformisti?... Coi Moderati e riformisti"
  79. "Due anni senza sindaco..."
  80. Rinviato l'incontro con Melilli e Guerini
  81. Pronte le dimissioni in massa
  82. "Dobbiamo sostenere il sindaco e l'amministrazione"
  83. "Michelini torni a fare l'imprenditore"
  84. "La crisi è anche colpa mia"
  85. Comune alla sfascio, FdI fa il punto...
  86. Il Giubileo entra nella crisi
  87. "Firmate la mozione di sfiducia"
  88. "Il trenino di Michelini è fermo da mesi"
  89. Basterà una riunione a salvare Michelini?
  90. “Guai a chi ferma questo treno in corsa"
  91. Troncarelli e Perà escluse dalla conferenza stampa
  92. E' caos, salta di nuovo la capigruppo
  93. Il Pd diserta la quarta commissione
  94. Tutti a Roma da Guerini e Melilli
  95. "Dimissioni e al voto in primavera"
  96. "Superare la crisi nel più breve tempo possibile"
  97. "Basta chiacchiere, i sette del Pd firmino la sfiducia"
  98. "Noi non siamo Carlo Galeotti"
  99. Michelini alla frutta, chiede aiuto alla minoranza
  100. "Liberate la città"
  101. "Abbiamo chiesto al sindaco di dimettersi"
  102. Schiaffo a Michelini, convocata la quarta commissione
  103. "Barelli si risparmi la propaganda inutile"
  104. "Se Michelini non si dimette, dimettiamoci noi"
  105. Sul Comune cala la sindrome del "non parlo"
  106. Arsenico, museo civico, Unione, Schenardi e tanto altro...
  107. "L'amministrazione Michelini? In completo stallo"
  108. "Del Giubileo si parla da un anno e niente è stato fatto"
  109. Troili brucia la poltrona...
  110. E' il documento di sfiducia ma non è un documento di sfiducia
  111. "Michelini sembra un pugile suonato che gira per la città”
  112. "Sto lavorando per la città"
  113. "Michelini sta facendo una figura barbina"
  114. "Tutti a casa, andiamo al voto"
  115. Ribadita la sfiducia a Michelini e alla giunta
  116. "Attacchi alla mia persona e professionalità"
  117. Revisori dei conti, Lorenzo Ciorba rinuncia all'incarico
  118. "Un commissario farebbe meglio di Michelini"
  119. Tutti i nodi arrivano alla capigruppo
  120. Commissioni chiuse per crisi
  121. Giunta a sei e aiutino esterno...
  122. Michelini si "arrenda"...
  123. "La crisi l'ha aperta il sindaco, non il Pd"
  124. "So annati via li komunisti?"
  125. Il Pd propone ma il sindaco dispone...
  126. Tocca a Egidi e Calcagnini
  127. La crisi e la variabile cimina...
  128. Komunicato kulturale...
  129. "Sono ottimista, prevarrà il buonsenso"
  130. "Al comune di Viterbo una situazione incomprensibile"
  131. "Non si governa da separati in casa"
  132. "Il sindaco deve essere la sintesi dell'alleanza"
  133. Michelini alla corte di Melilli
  134. Komunikato Befanesko...
  135. Fioroni e Sposetti alla riunione nazionale, il nuovo che avanza
  136. Primo avamposto dell'esercito di Fioroni sulla Palanzana
  137. "Vado avanti con l'amministrazione"
  138. "Michelini ha perso credibilità amministrativa"
  139. "Melilli e Tramontana hanno constatato la gravità della crisi"
  140. Contro i "nanetti communisti" nasce l'esercito di Fioroni
  141. E' Ciambella show...
  142. "Qui a Viterbo le cose sono complicate"
  143. Pd, i dissidenti di fronte a Melilli e Tramontana
  144. Crisi in comune, arrivano Tramontana e Melilli
  145. "Lavoro per salvare la giunta Michelini"
  146. Rossi, da "Viva Viterbo" a "Viva Fioroni"
  147. "Tutti a casa"
  148. I sette Pd restano sull'Aventino
  149. "Mancinelli? Il lato oscuro della forza"
  150. "Vado in giunta e non mi dimetto... per ora"
  151. "Michelini tutte chiacchiere e distintivo"
  152. "Riapertura dei teatri e riqualificazione di piazza del Comune"
  153. "L'amministrazione Michelini in coma irreversibile"
  154. "Tutto fermo in attesa degli incontri con Melilli"
  155. La giunta Michelini lontana dai problemi dei cittadini
  156. "In comune non può esserci una crisi dietro l'altra"
  157. "Assurdo paragonare Michelini a Marino"
  158. Auguri compagni...
  159. "Gli assessori restino al loro posto"
  160. La giunta Michelini va archiviata...
  161. "Nemmeno un conclave basterebbe..."
  162. Il termometro della crisi segna meno sette
  163. "Nessun aiuto, Michelini doveva dimettersi"
  164. Si azzeri la giunta e si amministri con autorevolezza
  165. "Io continuo a fare il sindaco..."
  166. Tramontana lavorerà a stretto contatto con Melilli
  167. Guerini invia Tramontana a Viterbo
  168. Leo: "Peppi', ma tu dichi che so' autonomo?"
  169. Perà e Troncarelli non partecipano alla riunione di giunta
  170. "Sei milioni di euro in fumo con la crisi"
  171. "L'attività del Comune va regolarmente avanti"
  172. La crisi contagia anche la provincia
  173. Michelini alla prova della giunta
  174. "Mi prendo qualche giorno prima di decidere"
  175. "Basta totem ideologici, Michelini vada avanti"
  176. "Le vostre lotte interne non interessano la città"
  177. "Egidi basta con questa discussione senza costrutto"
  178. "Solidale con Michelini…"
  179. "Stai costruendo il tuo partito personale"
  180. "L'Unione comunale non può prendere iniziative politiche"
  181. "Solidali col sindaco e presidente della nostra associazione Michelini"
  182. Tira aria di "Tramontana"...
  183. Liberate Fioroni...
  184. "Caro Michelini, la misura è colma…"
  185. "Il sindaco si dimetta e valuti in 20 giorni se andare avanti"
  186. "Egidi si deve dimettere"
  187. "Disponibile a dimettermi nei prossimi giorni"
  188. "Irresponsabile trascinare l'agonia"
  189. "Mi dimetterò"
  190. "Vannini stia sereno, se ha la coscienza a posto..."
  191. "Comico che Egidi trami contro il Pd"
  192. "Michelini, dopo il diabolico cosa c'è?"
  193. "Non ho ricevuto avvisi di garanzia"
  194. "Il Pd ha fallito..."
  195. "Michelini, da amministratore ad amministrato"
  196. "Egidi cospira e trama contro il Pd e il centrosinistra"
  197. Fioroni è nudo!
  198. Incontro di uomini e donne di fede fioroniana
  199. "Michelini non è più un uomo libero…"
  200. "Se siete convinti, sfiduciatemi in consiglio"
  201. "Serra & c. sono fuori dal partito"
  202. Crolla la maggioranza, Serra & c.: "La nostra esperienza di governo finisce qui"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR