--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Polizia - Squadra mobile - Abusi sessuali su bimbo di 5 anni - Allontanati la madre e il compagno

Legato sul seggiolone, picchiato e violentato

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Fabio Zampaglione illustra i dettagli dell'operazione

Fabio Zampaglione e gli ispettori Fortunati e Amendolia della sezione reati su minori

Viterbo – Non potrà avvicinare il figlio di cinque anni.

E’ il provvedimento che il tribunale di Viterbo ha emesso su una madre trentenne e sul compagno per violenza sessuale sul suo bambino.

I presunti abusi, emersi dopo le indagini della squadra mobile, sarebbero andati avanti per almeno due anni, dal 2013, in un paese della provincia. 

A far scattare l’inchiesta, una segnalazione dei servizi sociali. Gli agenti coordinati da Fabio Zampaglione, sezione specializzata in reati sessuali su minori, hanno ascoltato il piccolo in questura, alla presenza di psichiatri infantili.

Lo scenario emerso è inquietante: il bambino sarebbe stato costretto a subire atti sessuali dalla mamma, o a guardarla mentre lei e il compagno avevano rapporti. 

Alla donna è contestata anche l’accusa di maltrattamenti in famiglia, per aver legato il piccolo sul seggiolone e picchiato.

I poliziotti hanno inoltrato alla procura una dettagliata informativa, in base alla quale il pm Chiara Capezzuto ha chiesto i provvedimenti al tribunale, firmati dal gip Salvatore Fanti.

Il bimbo adesso è affidato al papà.


Condividi la notizia:
3 dicembre, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR