- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Città ostaggio di Michelini, siamo incazzati”

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Viterbo - La conferenza della minoranza [4]

Viterbo – La conferenza della minoranza 

Da sinistra, Grancini, Ubertini e Micci [5]

Da sinistra, Grancini, Ubertini e Micci 

Viterbo - La conferenza della minoranza [6]

Viterbo – La conferenza della minoranza 

Viterbo - La conferenza della minoranza [7]

Viterbo – La conferenza della minoranza 

Da sinistra, Grancini, Ubertini e Micci [8]

Da sinistra, Grancini, Ubertini e Micci 

Viterbo – (g.f.) – “Da un mese e mezzo siamo ostaggio di Michelini. Siamo incazzati”.

Crisi in comune, la minoranza non sa più come dirlo. Il capogruppo Forza Italia Claudio Ubertini per questo non ci gira troppo intorno.

“Il sindaco non è nelle condizioni di governare, deve andare a casa e lasciare spazio agli elettori. Il tempo è scaduto e i danni alla città aumentano”.

Un altro caloroso invito al centrosinistra in conferenza stampa al Caffè Letterario. Tutti gli altri sono caduti a vuoto, pure l’intervento del prefetto non ha sortito effetti. Ecco perché si sta valutando un’azione clamorosa.

“Scrivere al Presidente della Repubblica – spiega Gianmaria Santucci (Fondazione) – non c’è altra soluzione. L’opposizione chiede di discutere e la maggioranza si rifiuta d’entrare in consiglio. Si negano”.

E la città è stanca. “Sono i viterbesi – osserva Luigi Maria Buzzi (FdI) – a chiedere che vadano a casa. Oggi abbiamo letto anche la posizione di Ugo Sposetti che decreta la fine della coalizione.

Il nostro appello non è al sindaco ma ai sette Pd. Tanto Michelini non c’è”.

Sergio Insogna (Gal) che si definisce all’opposizione per caso, essendo partito con la maggioranza, ammette l’errore: “E’ una nostra sconfitta – spiega Insogna – con l’attenuante della buonafede.

Abbiamo creduto in un sindaco che invece ha fatto il vice e un vice che è stato sindaco”.

Un’amministrazione nata male e che finirà peggio, per Elpidio Micci.

“Da 40 giorni – incalza Santucci – è tutto fermo, poi leggiamo citazioni dotte da gruppi di maggioranza, quando non sanno contare nemmeno fino a 17.

Nel frattempo finiamo alla ribalta della cronaca nazionale perché sbagliamo a scrivere cartelli turistici, siamo la città con più buche insieme a Roma e perché non riusciamo a riportare a Viterbo la Macchina di santa Rosa”. Basta.

“Alla gente non interessa nulla di Moderati e qualcosa e nemmeno di chi è la colpa. Vuole solo che vadano a casa”.

Quindi ironizza sul rinvio della riunione a Roma. Solo scuse, perché non c’è una soluzione e stanno provando ad allungare il brodo. Per tirare a campare un altro paio di mesi.

Intanto inaugurano gli ascensori a valle Faul, che non funzionano. “Non hanno manco pensato – incalza Giulio Marini (FI) – al passaggio per i portatori d’handicap.

Li hanno inaugurati e ora sono chiusi perché devono affidare la gestione. Siccome temono di andare a casa e vogliono far vedere alla città di stare facendo qualcosa”.

Marini che già c’è passato, cosa fare lo sa. “Quando mi hanno bocciato il bilancio, ho aspettato che passasse santa Rosa e poi mi sono dimesso. Ho avuto venti giorni di tempo, tanto assegna la legge. Non un tempo infinito”.

In conferenza c’è quasi tutta l’opposizione. Mancano Chiara Frontini (Viterbo 2020) e Gianluca De Dominicis (Movimento 5 stelle). Divergenza di vedute sulla mozione di fiducia presentata da quest’ultimo e sottoscritta dalla consigliera.

Il resto dell’opposizione vuole imboccare la via maestra: subito dal notaio e Michelini a casa. Al centrosinistra piacendo, pure De Dominicis e Frontini probabilmente non avrebbero obiezioni.


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]