--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

E' solo satira - Paralipomeni della batracomiomachia - La strana storia di un finiano che finisce alla corte di un ex ministro

Rossi, da “Viva Viterbo” a “Viva Fioroni”

di Ernie Souchak

Condividi la notizia:

Filippo Rossi contro tutti

Filippo Rossi mentre prega Fioroni 

Filippo Rossi e Gianfranco Fini

Filippo Rossi con Gianfranco Fini a sua insaputa 

Filippo Rossi

Filippo Rossi nel coro di Fioroni 

Filippo Rossi

Filippo Rossi nel balletto di Fioroni 

Filippo Rossi

Filippo Rossi nel film di Fioroni

Filippo Rossi (Viva Viterbo)

Filippo Rossi disperato perché Fioroni non gli vuole più bene 

Filippo Rossi

Filippo Rossi alla corte di Fioroni 

Caffeina - Giuseppe Fioroni e Filippo Rossi

Filippo Rossi con Fioroni a sua insaputa 

Filippo Rossi

Filippo Rossi quando parla di Fioroni e lui non è presente 

Filippo Rossi imbizzarrito

Filippo Rossi imbizzarrito contro i nemici di Fioroni 

Viterbo – Che succede se i sogni si trasformano in un grande bluff?

Poco prima della fine dell’anno è arrivata la grande notizia che ci ha un po’ tranquillizzati tutti: Filippo Rossi è nel coordinamento dei Moderati e riformisti. “Minchia!”…direbbe il mio primo caporedattore siciliano. Vuoi mettere passare il capodanno con le certezza che il nostro Filippino Rossi ha finalmente trovato la sua vera casa politica. O invece passarlo con la preoccupazione che “chissà se sto fijo rimarrà politicamente al freddo”.  Scommetto che la gran parte dei viterbesi vedendo il nostro caro Filippino accasato abbiano tirato un sospiro di sollievo.

E poi la casetta nuova è confortevole. Basti pensare che l’ha voluta un ex ministro. Mica cavoli. Insomma una genialata di Peppino nostro. E Fioroni, lo ha dimostrato anche di recente, è un fine analista e stratega politico. La teoria che tutta la colpa è dei “nanetti rossi e communisti” non vi appare geniale. Una botta di fantasia politica. Degna di un Guareschi. Ma Guareschi scriveva nel primo dopoguerra, quando i comunisti c’erano veramente. Tutt’altra cosa Fioroni che inventa, sogna, butta là. “Tanto questi non capiscono”, deve aver pensato.

E che ti fa Filippino nostro diventa Moderato e Riformista. Sì, avete capito bene. Filippo Rossi pensa di essere Moderato e Riformista. Si capite? Filippino che è stato in Terza posizione e ha avuto frequentazioni con CasaPound (ci a andava presentare i suoi libri ma va anche detto che gli hanno rifilato un ceffone, ndr) è diventato Moderato e Riformista. Ovviamente cosa del tutto legittima. Ci mancherebbe.

Ma chissà che cosa gli dirà il suo cervello quando recepisce due parole a lui sconosciute come  “Moderato” e  “Riformista”. Secondo me fa la somma “Moderato + Riformista= Fioroni”. E allora va bene.  “Va bene. Perché Fioroni è buono. Fioroni è contro i nanetti rossi communisti” deve aver pensato il Filippino nostro.

Ma va detto che le posizioni “politiche” di Rossi vanno prese con le pinze. Infatti nel tempo è stato, a sua insaputa, portavoce dell’ex ministro Claudio Scajola, con Gianfranco Fini e, sempre a sua insaputa, alleato di Berlusconi. Ovviamente sempre quando questi erano in auge.

Ora passa a Fioroni. Insomma ognuno si accontenta come può. Qualche tempo fa era passato con Michelini, vi ricordate?

Un  uomo politico pienamente coerente, se si pensa che si è candidato con la lista fascio – comunista di Pennacchi a Latina, con risultati a dir poco scarsini. Ma Rossi è il teorico del “Meglio la misticanza della militanza”. Una sorta di pluralismo all’insegna del “volemese bene” e del “più casino c’è, meglio è”. Come dire nulla a che vedere con la democrazia che presuppone sempre un minimo di chiarezza di posizioni per poi andare al conflitto politico e perfino alla trattativa.

Ma parlare di stato di diritto, di democrazia, in casa di Rossi è un po’ come parlare di carne in casa di un vegano.

Ma questo maestoso uomo politico che è passato in due anni e mezzo da “Viva Viterbo” a “Viva Fioroni” come ha fatto a infinocchiarci? E mi ci metto pure io, ovviamente.

Un lettore – sempre grandi i nostri lettori – ha fatto una raccolta di interventi di Filippo Rossi durante la campagna elettorale. Una sorta di discorsi rivoluzionari. Che si muovono, come direbbe Jovanotti, tra il Che, il giovane Mussolini, Martin Luther King e Maria Teresa di Calcutta.

Non ci credete? Ecco qualche estratto del discorso fatto il 21 marzo 2013.

“Ho fatto un sogno e stasera lo racconto – inizia Filippino Rossi -. Ho sognato una città che impara a volare, come la gabianella e il gatto di Sepulveda. Ho sognato una città che non paga a peso d’oro il verde pubblico e i fiorellini nelle rotonde e aiuole, una città che non trasforma le tombe etrusche in discariche abusive, che non lascia indietro gli ultimi”.

E poi.

“Ho sognato una città che non dimentica le proprie radici. Ho sognato una città che non difende le solite famiglie. Una città che non è succube dei soliti noti. Una città che non deve dire sì a Fioroni, Sposetti e Gigli. Sogno una città che non pensa ‘tanto vince Giulio’, tanto non cambia mai niente. Ho sognato una città che non si accontenta di un usato sicuro.

Ho sognato una città che non abbandona i commercianti costringendo a chiudere esercizi, ho sognato una città che ascolta gli imprenditori, dove gli assessori arrivano agli appuntamenti. Sogno una città con un’amministrazione trasparente, che non butta dalla finestra finanziamenti europei”.

E  ancora.

“Ho sognato una città che non campa di favori e favoretti. Ho sognato una città che non chiude via Marconi per le fissazioni di un sindaco.

Ho sognato una città che di fronte a una voragine interviene subito e non si accontenta di mettere le transenne. Una città che non lascia le sue fontane senza acqua e che non costringe i suoi cittadini a bere veleno. Ho sognato una città che non mette un parcheggio al posto di un parco, che non lascia fulminate le luci artistiche a piazza san Lorenzo.

Ho sognato una città che non ha paura di cambiare. Che non odia se stessa, che non si uccide per sciatteria, ho sognato questo e molto altro e spero sia anche il vostro sogno”.

Insomma. Voi a uno così gli avreste dato il voto? Ebbene chi scrive c’è caduto con tutte le scarpe. L’ala dell’imbecillità cala sulla testa di chi vuole…

Chi poteva immaginare che Rossi volesse “una città che non deve dire sì a Fioroni, Sposetti e Gigli”, ma intendeva che dicesse sì solo al Peppino di Pianoscarano?

Ma non basta.

Il 24 maggio 2013, Rossi sentenzia: “Per venti anni sono stati sempre gli stessi, stavolta per fortuna abbiamo possibilità di decidere. Ecco perché nella nostra lista non ci sono consiglieri uscenti, non perché non ce l’abbiano chiesto, ma perché non li abbiamo voluti. O si parte da zero o è tutto inutile”.

E il centrodestra è sistemato. Si passa al centrosinistra.

“Dovrebbero aver capito – dice  lapidario Rossi – che in una città dove il Movimento 5 stelle prende più della media nazionale, c’è voglia di rinnovamento.

E cosa ti propongono? Raccattano un consigliere degli anni novanta in quota Fioroni, lo stesso che cinque anni fa volevano candidare in Provincia.

Si torna indietro di venti anni e l’unico che da dentro il Pd ha cercato di portare un cambiamento, Francesco Serra, lo hanno ucciso”.

Ce n’è anche per i programmi.

Gigli, Fioroni e Sposetti –  afferma Rossi il 2 maggio  – finalmente si sono messi d’accordo per governare la città e uno s’immagina che avranno passato nottate insonni sul da farsi. Invece hanno prodotto un programma che non c’è. L’imprenditore prestato alla politica in salsa viterbese (Michelini) ha proposto un elenco della spesa, quasi un indice.

Si fanno votare perché espressione d’apparati politici o hanno qualche idea?”.

Il superRossi aveva detto alla presentazione della sua lista il 23 aprile:  “Viterbo non può più essere uguale a se stessa la nostra lista civica è la sola garanzia per un cambiamento radicale.

Il non voler cambiare è masochismo, ci sarà gente che sceglierà nomi che hanno già governato, i soliti. Non discuto, lo farà in buona fede, ma farà il male della città”.

E poi Rossi lapida gli altri candidati sindaco.

Ai viterbesi non piace la città che Marini lascia, non basta un maquillage elettorale dell’ultima ora o promesse di soldi, che in ogni caso, quelli per valle Faul, il progetto Plus. Con o senza Marini.

Il punto vero è come questi fondi sono stati gestiti, sono convinto che alcuni progetti sono stati fatti male”.

Bocciato Marini, viene schiaffeggiato anche Michelini: “Ha avuto l’imprimatur di Gigli, Fioroni e Sposetti senza possibilità di smentita, visto che lo ha detto lui.

E’ tutto legittimo, ma è una scelta da politica vecchia, di chi si mette a contare, somma le preferenze e sceglie i candidati in base ai voti che possono portare”.

Dopo la cena di Michelini con Potito Salatto, il 21 maggio la sentenza di Rossi fu netta: “Marini e Michelini non sono altro che due facce della stessa medaglia”.
Ora che in campagna elettorale si esageri qualcosina può essere. Ma Filippo Rossi e i suoi amici dissero esattamente il contrario di quanto avrebbero fatto.
Passate le elezioni, è stato subito un bocca a bocca col tanto vituperato Fioroni. Sono bastate poche ore e l’accordo fu fatto in vista del ballottaggio. E qui non si tratta neppure di coerenza, ma di mettersi d’accordo con il proprio cervello.
E poi come diceva Abramo Lincoln: “Potete ingannare tutti per qualche tempo e qualcuno per sempre, ma non potete ingannare tutti per sempre”. Tradotto in viterbese: “C’hai infinocchiato una volta e non ci infinocchi più”.
Ma di tutta evidenza il maestro di Rossi non è stato certo Lincoln, ma un certo Gianfranco Fini e allora tutto torna.
Come dire, si parte rivoluzionari e si finisce berlusconiani. E poi si fa finta di non aver conosciuto quel signore di Arcore.
E dire che perfino Fioroni a suo tempo era contrario a un accordo con Filippino… Perfino Fioroni qualche volta ci azzecca.
Ernie Souchak

Divertitevi con i vecchi articoli di Tusciaweb

http://www.tusciaweb.eu/2013/03/parte-luragano-rossi/

http://www.tusciaweb.eu/2013/03/il-centro-storico-si-rilancia-col-turismo/

http://www.tusciaweb.eu/2013/04/caro-michelini-le-affissioni-si-pagano/

http://www.tusciaweb.eu/2013/04/con-michelini-un-ritorno-al-futuro/

http://www.tusciaweb.eu/2013/04/siamo-la-buona-politica/

http://www.tusciaweb.eu/2013/05/un-programma-di-peso-per-la-citta/

http://www.tusciaweb.eu/2013/05/rossi-non-ci-venderemo-per-un-assessorato-alla-cultura/

http://www.tusciaweb.eu/2013/06/mai-con-michelini-e-mai-con-marini/


Condividi la notizia:
4 gennaio, 2016

Comune - Crolla la maggioranza ... Gli articoli

  1. Tutti in consiglio, la crisi continua
  2. "Michelini, un sindaco di gomma"
  3. "Volevamo fa dimettere il sindaco e invece ci dimettiamo noi"
  4. Tutti in "gita" a Bruxelles e la riunione salta...
  5. Crisi verso la fine ma senza un finale
  6. Si dimette pure Elpidio Micci
  7. “Egidi assessore? Io non metto veti...”
  8. "Ora sapremo chi avrà guadagnato e cosa da questa farsa"
  9. Il brodo della crisi si allunga
  10. "il silenzio dei dissidenti"
  11. Effetto domino, salta pure la riunione di maggioranza
  12. Tutti dal notaio! Si presenta solo Michelini...
  13. Moderati e riformisti chiedono un incontro col Pd
  14. Serra chiama a raccolta i consiglieri Pd
  15. "Direzione Pd inutile senza Melilli e Guerini"
  16. Crisi in un vicolo cieco
  17. Cogli l'attimo, domani andiamo dal notaio...
  18. "Ancora non ci sono le condizioni per fare un passo avanti"
  19. Venerdì il faccia a faccia con la maggioranza
  20. "Disponibile a rimettere il mio mandato di sindaco"
  21. Acqua pubblica, la crisi travolge il referendum
  22. Michelini a un bivio
  23. "Col Pd vogliamo un rapporto di pari dignità"
  24. Tre minuti e tutti a casa
  25. "Basta tenere in ostaggio la città"
  26. "Un incontro con la maggioranza prima di giovedì"
  27. Uniti nella critica, divisi dal notaio
  28. Pure Guerini prende tempo
  29. "Pronto a farmi carico di errori e superficialità"
  30. Guerini non c'è, salta la direzione provinciale Pd
  31. "Pronti a concordare l'appuntamento dal notaio"
  32. Per risolvere la crisi c'è tempo...
  33. "In comune è tutto bloccato"
  34. "Caro Serra, vai dal notaio..."
  35. "Ripartiamo insieme per il futuro della città"
  36. Faccia a faccia Michelini - Serra sui problemi della città
  37. "Moltoni riferisce vicende totalmente false"
  38. “Mi hanno offerto un assessorato per rientrare in maggioranza”
  39. "Resta aperta l'ipotesi delle dimissioni di massa"
  40. "Decidano i dissidenti, tanto Michelini non si dimette"
  41. "Ce la metterò tutta per uscire dalla crisi"
  42. Crisi, arriva Lorenzo Guerini
  43. "Non mi sembra che la situazione politica sia cambiata"
  44. Crisi, il notaio s'allontana...
  45. “Incontrerò i 7, discuteremo della ripartenza”
  46. Maggioranza colpita e affondata
  47. Arriva Guerini con la bacchetta magica...
  48. "Esperienza finita oltre ogni ragionevole dubbio"
  49. Michelini, un sindaco in fuga
  50. Valzer del notaio, altro giro
  51. Michelini prende gli schiaffi pure da Roma
  52. Il Nazareno non fa il miracolo
  53. "Venerdì si va dal notaio"
  54. "Con chi devo parlare?"
  55. “Ma quando vanno a casa?”
  56. Crisi, la soluzione non passa da Roma
  57. "Io non faccio politica, io amministro”
  58. "Non abdico, vado avanti per il bene della città"
  59. Il sindaco non molla
  60. I sette Pd disertano il consiglio
  61. Maggioranza spaccata, è gazzarra in commissione
  62. "Città sporca mentre il sindaco gioca alla crisi"
  63. In attesa di un difficile miracolo romano
  64. Opposizione pronta a occupare il consiglio comunale
  65. Dimissioni di massa o accordo per pilotare la crisi...
  66. Eppur si muove...
  67. Mercoledì tutti a Roma
  68. "Facciano come credono, io decido da solo"
  69. Vietato andare dal notaio
  70. Due giorni di corsa per non andare a casa
  71. Certificata l'incapacità politica di Michelini
  72. Michelini e Fioroni capitolano
  73. "Ma se è stato Sposetti a volermi sindaco..."
  74. “Città ostaggio di Michelini, siamo incazzati”
  75. "Siamo gli stessi che governano con Renzi"
  76. Sposetti sotterra definitivamente Michelini
  77. "Ecco chi non ha votato la mozione di sfiducia..."
  78. "Con chi stanno i Moderati e riformisti?... Coi Moderati e riformisti"
  79. "Due anni senza sindaco..."
  80. Rinviato l'incontro con Melilli e Guerini
  81. Pronte le dimissioni in massa
  82. "Dobbiamo sostenere il sindaco e l'amministrazione"
  83. "Michelini torni a fare l'imprenditore"
  84. "La crisi è anche colpa mia"
  85. Comune alla sfascio, FdI fa il punto...
  86. Il Giubileo entra nella crisi
  87. "Firmate la mozione di sfiducia"
  88. "Il trenino di Michelini è fermo da mesi"
  89. Basterà una riunione a salvare Michelini?
  90. “Guai a chi ferma questo treno in corsa"
  91. Troncarelli e Perà escluse dalla conferenza stampa
  92. E' caos, salta di nuovo la capigruppo
  93. Il Pd diserta la quarta commissione
  94. Tutti a Roma da Guerini e Melilli
  95. "Dimissioni e al voto in primavera"
  96. "Superare la crisi nel più breve tempo possibile"
  97. "Basta chiacchiere, i sette del Pd firmino la sfiducia"
  98. "Noi non siamo Carlo Galeotti"
  99. Michelini alla frutta, chiede aiuto alla minoranza
  100. "Liberate la città"
  101. "Abbiamo chiesto al sindaco di dimettersi"
  102. Schiaffo a Michelini, convocata la quarta commissione
  103. "Barelli si risparmi la propaganda inutile"
  104. "Se Michelini non si dimette, dimettiamoci noi"
  105. Sul Comune cala la sindrome del "non parlo"
  106. Arsenico, museo civico, Unione, Schenardi e tanto altro...
  107. "L'amministrazione Michelini? In completo stallo"
  108. "Del Giubileo si parla da un anno e niente è stato fatto"
  109. Troili brucia la poltrona...
  110. E' il documento di sfiducia ma non è un documento di sfiducia
  111. "Michelini sembra un pugile suonato che gira per la città”
  112. "Sto lavorando per la città"
  113. "Michelini sta facendo una figura barbina"
  114. "Tutti a casa, andiamo al voto"
  115. Ribadita la sfiducia a Michelini e alla giunta
  116. "Attacchi alla mia persona e professionalità"
  117. Revisori dei conti, Lorenzo Ciorba rinuncia all'incarico
  118. "Un commissario farebbe meglio di Michelini"
  119. Tutti i nodi arrivano alla capigruppo
  120. Commissioni chiuse per crisi
  121. Giunta a sei e aiutino esterno...
  122. Michelini si "arrenda"...
  123. "La crisi l'ha aperta il sindaco, non il Pd"
  124. "So annati via li komunisti?"
  125. Il Pd propone ma il sindaco dispone...
  126. Tocca a Egidi e Calcagnini
  127. La crisi e la variabile cimina...
  128. Komunicato kulturale...
  129. "Sono ottimista, prevarrà il buonsenso"
  130. "Al comune di Viterbo una situazione incomprensibile"
  131. "Non si governa da separati in casa"
  132. "Il sindaco deve essere la sintesi dell'alleanza"
  133. Michelini alla corte di Melilli
  134. Komunikato Befanesko...
  135. Fioroni e Sposetti alla riunione nazionale, il nuovo che avanza
  136. Primo avamposto dell'esercito di Fioroni sulla Palanzana
  137. "Vado avanti con l'amministrazione"
  138. "Michelini ha perso credibilità amministrativa"
  139. "Melilli e Tramontana hanno constatato la gravità della crisi"
  140. Contro i "nanetti communisti" nasce l'esercito di Fioroni
  141. E' Ciambella show...
  142. "Qui a Viterbo le cose sono complicate"
  143. Pd, i dissidenti di fronte a Melilli e Tramontana
  144. Crisi in comune, arrivano Tramontana e Melilli
  145. "Lavoro per salvare la giunta Michelini"
  146. "Tutti a casa"
  147. I sette Pd restano sull'Aventino
  148. "Mancinelli? Il lato oscuro della forza"
  149. "Vado in giunta e non mi dimetto... per ora"
  150. "Michelini tutte chiacchiere e distintivo"
  151. "Riapertura dei teatri e riqualificazione di piazza del Comune"
  152. "L'amministrazione Michelini in coma irreversibile"
  153. "Tutto fermo in attesa degli incontri con Melilli"
  154. La giunta Michelini lontana dai problemi dei cittadini
  155. "In comune non può esserci una crisi dietro l'altra"
  156. "Assurdo paragonare Michelini a Marino"
  157. Auguri compagni...
  158. "Gli assessori restino al loro posto"
  159. La giunta Michelini va archiviata...
  160. "Nemmeno un conclave basterebbe..."
  161. Il termometro della crisi segna meno sette
  162. "Nessun aiuto, Michelini doveva dimettersi"
  163. Si azzeri la giunta e si amministri con autorevolezza
  164. "Io continuo a fare il sindaco..."
  165. Tramontana lavorerà a stretto contatto con Melilli
  166. Guerini invia Tramontana a Viterbo
  167. Leo: "Peppi', ma tu dichi che so' autonomo?"
  168. Perà e Troncarelli non partecipano alla riunione di giunta
  169. "Sei milioni di euro in fumo con la crisi"
  170. "L'attività del Comune va regolarmente avanti"
  171. La crisi contagia anche la provincia
  172. Michelini alla prova della giunta
  173. "Mi prendo qualche giorno prima di decidere"
  174. "La maggioranza non c'è più, finita l'esperienza Michelini"
  175. "Basta totem ideologici, Michelini vada avanti"
  176. "Le vostre lotte interne non interessano la città"
  177. "Egidi basta con questa discussione senza costrutto"
  178. "Solidale con Michelini…"
  179. "Stai costruendo il tuo partito personale"
  180. "L'Unione comunale non può prendere iniziative politiche"
  181. "Solidali col sindaco e presidente della nostra associazione Michelini"
  182. Tira aria di "Tramontana"...
  183. Liberate Fioroni...
  184. "Caro Michelini, la misura è colma…"
  185. "Il sindaco si dimetta e valuti in 20 giorni se andare avanti"
  186. "Egidi si deve dimettere"
  187. "Disponibile a dimettermi nei prossimi giorni"
  188. "Irresponsabile trascinare l'agonia"
  189. "Mi dimetterò"
  190. "Vannini stia sereno, se ha la coscienza a posto..."
  191. "Comico che Egidi trami contro il Pd"
  192. "Michelini, dopo il diabolico cosa c'è?"
  193. "Non ho ricevuto avvisi di garanzia"
  194. "Il Pd ha fallito..."
  195. "Michelini, da amministratore ad amministrato"
  196. "Egidi cospira e trama contro il Pd e il centrosinistra"
  197. Fioroni è nudo!
  198. Incontro di uomini e donne di fede fioroniana
  199. "Michelini non è più un uomo libero…"
  200. "Se siete convinti, sfiduciatemi in consiglio"
  201. "Serra & c. sono fuori dal partito"
  202. Crolla la maggioranza, Serra & c.: "La nostra esperienza di governo finisce qui"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR