- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Tutti a casa, andiamo al voto”

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Arduino Troili [4]

Arduino Troili

Francesco Serra [5]

Francesco Serra

Leonardo Michelini [6]

Leonardo Michelini 

Viterbo – “L’esperienza di quest’amministrazione finisce qui”.

Punto. Francesco Serra (Pd) ieri mattina lo ha detto a chiare lettere durante la riunione dei capigruppo.

Ufficializzando di fatto quel documento con cui lui e altri sei consiglieri del Partito democratico sfiduciano, seppure senza mozione, il sindaco Michelini e la sua giunta. Mentre Arduino Troili, consigliere Pd, oggi consegna la lettera di dimissioni da presidente della quarta commissione, al grido di tutti a casa.

Un passo in avanti che allarga la frattura nel centrosinistra a palazzo dei Priori. Perché dal racconto di chi era presente è apparso chiaro un punto: Serra vuole che sia il primo cittadino a trarre le conclusioni.

Se non dovesse succedere è pronto con gli altri a un atto senza via di ritorno. Le dimissioni. In massa con l’opposizione o la sfiducia.

La presenza di Serra ieri in capigruppo era proprio per ufficializzare la posizione dei sette. Non certo per discutere di prossime sedute di consiglio. Alle quali non parteciperanno.

Insomma, la rottura appare a tutti gli effetti sempre più insanabile.

“Il sindaco – ha detto Serra, come raccontano i presenti – al documento che abbiamo presentato non ha dato risposta, non sono nemmeno stato chiamato.

Se pensa di risolvere la situazione attraverso il Pd o Roma, sbaglia. La crisi o come la vogliamo chiamare, è la conseguenza di quanto avvenuto in consiglio”. Il partito c’entra poco.

Seppure qualche perplessità ieri in capigruppo il documento dei sette Pd l’ha sollevata. Mancano le firme.

Tira comunque una brutta aria. Ieri Melissa Mongiardo ha rassegnato le dimissioni da presidente della prima commissione. Oggi tocca ad Arduino Troili, presidente della quarta.

“In mattinata – dice Troili – consegno la lettera ufficialmente. Andiamo al voto, tutti a casa.

Sono venuto in consiglio sperando di poter fare qualcosa. Non sono attaccato alla mia poltrona. Anzi. Sabato me la porto e la butto su focarone a Bagnaia. Così non se ne parla più”.

Piuttosto netto.

A difendere quel che resta dell’amministrazione, il capogruppo Oltre le mura Maurizio Tofani.

Fermo ieri nel non voler convocare sedute di consiglio comunale. Intenzionato a chiedere pareri sulla vicenda revisori dei conti, quando nel bene o nel male si è chiusa automaticamente.

E pronto a lasciare la riunione dei capigruppo, seguito anche dagli altri due suoi colleghi Paolo Moricoli e Maria Rita De Alexandris, facendo venire meno il numero legale dopo un’ora e mezza di dibattito.

Una riunione ad alta tensione, durante la quale Marco Ciorba ha letto la lettera di Lorenzo Ciorba, con cui rinuncia alla carica di presidente del collegio revisori dei conti, preannunciando però l’intenzione di tutelare la sua immagine presso le sedi competenti.

Giovedì prossimo si replica. Altra riunione dei capigruppo. A cosa potrà servire, oltre a guadagnare qualche giorno?

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]