Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Bocciato l'anticipo del punto che riguarda Moltoni - Il centrosinistra implode

Maggioranza colpita e affondata

Condividi la notizia:

Viterbo - Il consiglio comunale

Viterbo – Il consiglio comunale in seconda convocazione 

Viterbo - Consiglio comunale, i banchi della maggioranza

Viterbo – Consiglio comunale in seconda convocazione, i banchi della maggioranza 

Viterbo - Il consiglio comunale

Viterbo – Il consiglio comunale in seconda convocazione 

Viterbo - Consiglio comunale - L'opposizione

Viterbo – Consiglio comunale in seconda convocazione – L’opposizione 

Viterbo – (g.f.) – 20.00 – La maggioranza che non c’è, esplode. All’anticipo del punto che interessa Moltoni finisce 13 a 13. Parità. Bocciata. E scoppia la rissa sull’assessore Giacomo Barelli che contesta: Moltoni non poteva votare. Si va avanti. Anche se Moricoli (Moderati e riformisti) non concorda.

La minoranza è determinata ad andare avanti, il centrosinistra allo sbando. Nella stanza accanto Filippo Rossi si agita, poi se ne va. Siamo ai titoli di coda.


19.57 – Colpo di scena- Daniela Bizzarri chiede se il consigliere Moltoni può votare, per il segretario generale dovrebbe astenersi. Santucci contesta e si va al voto.


19.40 – Prova di forza del centrosinistra, Livio Treta chiede d’anticipare il punto sulla contestazione incompatibilità al consigliere Chicco Moltoni. “Con 13 consiglieri su 33 non si vuole prendere atto che è impossibile governare il consiglio – attacca Santucci – lo volete fare?

Vi dimostreremo che sbagliate. Non è possibile convocare le sedute in seconda convocazione. Non è dignitoso e se in passato altri lo hanno fatto, non cambia nulla”.

Un argomento del genere non si può discutere in seconda convocazione: “Una pratica del genere con una maggioranza che non avete è assurdo – osserva Ubertini (FI) – non siete più maggioranza”.

Chiara Frontini (Viterbo 2020) prefigura uno scenario apocalittico: il centrosinistra non ha voluto riunirsi in capigruppo prima di cominciare i lavori e adesso si va avanti.

Si esauriscono tutti i punti all’ordine del giorno. Sono una sessantina.


19.15 –  Il sindaco Michelini chiede di riunire la capigruppo. Ribadisce la richiesta della sua maggioranza. Che però non è maggioranza. I lavori si fermano dieci minuti.


– 19.06 – Colpo di scena. Il presidente del consiglio legge una comunicazione della prefettura che vuole conoscere a che punto sia la pratica su Chicco Moltoni. E’ il caos. La maggioranza adesso vuole fare la riunione dei capigruppo per stabilire i lavori. Troppo tardi per il centrodestra. Stizziti perché le comunicazioni arrivano lavori iniziati e non all’inizio, come di consueto.

Che adesso vuole andare avanti. Il centrosinistra non ha i numeri.


19.03 – Si vota la delibera sui revisori dei conti, vota sì la maggioranza, mentre l’opposizione si avvale dell’articolo che consente d’essere presente ma di non votare. Stessa opzione che utilizza anche il presidente del consiglio Marco Ciorba, che quindi vota con l’opposizione.


19.00 – Si vota l’emendamento. Approvato all’unanimità, con il presidente del consiglio Marco Ciorba che resta in consiglio ma si avvale della facoltà di non votare.


18.40 –  Prima d’arrivare alla votazione della delibera sui revisori, c’è un emendamento sui compensi dei revisori e i rimborsi spesa. Lo propone Buzzi (FdI) per tutta la minoranza, escluso Movimento 5 stelle. Pare che non sia tecnicamente proponibile e serve il parere del ragioniere capo. Che non è presente.

Ma il parere arriva. Non si può calare la percentuale massima del rimborso spesa. Per legge deve essere del 50%, si può però diminuire la somma. Emendamento modificato.


18.24 – “Mi dimetto quando mi dimette il consiglio comunale – Michelini replica a Insogna tanto per rasserenare il clima – i viterbesi mi apprezzano, lo dicono sondaggi ufficiali.

Possiamo sospendere per organizzarci, siamo 13 a 13 sono cosciente che non c’è in questo momento una maggioranza. Ma questo punto è indipendente dalla crisi. C’è un ricorso al Tar.

In giunta abbiamo deciso di difenderci nominando un avvocato, difendendo anche i consiglieri che hanno votato contro la delibera. E’ un atto fondamentale e siamo a disposizione una volta votato possiamo discutere.

C’è una diffida da parte della prefettura a nominare i revisori dei conti”.


18.18 – Sergio Insogna (Gal) fa notare l’assenza del presidente del consiglio Marco Ciorba. “Coma mai non è presente – si chiede Insogna – fa capolino, lo vedo e mi chiedo come mai non sia presente. Ha preso il vizio di Filippo Rossi”.

Sta fumando o forse sta poco bene. Lo spiega la vice presidente Daniela Bizzarri. Poi attacca Michelini, lo trova molto dimesso.


– 18.05 – Ubertini insiste: “Fermiamo i lavori e decidiamo cosa fare. Non siete nelle condizioni per andare avanti. Vi siete distinti per arroganza e strafottenza. Questi sono i risultati”.

Replica dalla maggioranza, Maurizio Tofani (Oltre le mura). “Riuniamoci per decidere come procedere – spiega Tofani – ma prima deliberiamo sui revisori dei conti. E’ una pratica che dobbiamo fare”.

Proposta che non piace all’opposizione. Si discute prima di tutto e poi c’è l’impegno del centrodestra ad andare avanti.


17.50 – “Dobbiamo nominare un organo che occorre al comune – è il sindaco Michelini a replicare a Santucci –  un richiamo che faccio al consiglio comunale. Possiamo votare o astenerci sulla delibera, ma è un atto di responsabilità. E’ un organo, i revisori, che serve a tutti noi.

Ci sono progetti come quelli che riguardano le scuole, che non possono essere approvati perché mancano i revisori”.


– 17.35 – Le delibera è lunga, ci vuole un po’ al sindaco Michelini per leggerla tutta. Conclusa l’esposizione si apre il dibattito. “Siamo 13 a 13 – incalza Santucci (Fondazione) – era il caso di discutere prima.

Siamo in parità non potete uscire dall’aula. Se se ne va uno di voi non avete i numeri, se votiamo contro non passa niente. Non avete i numeri per approvare le delibere. Compresa questa. Dovevamo sospendere perché dopo questa delibera non potete fare più niente.

Parte del casino siete tutti. Compresi i 7 che con l’Aventino pensano di risolvere e poi con voi che pensate di governare 13 su 33. Questa amministrazione morirà alla prima variazione di bilancio.

Stasera potete giovare del nostro buonsenso su questa delibera. E poi? Ve ne andate? Noi restiamo e vi bocciamo tutto. Non avete più i numeri per approvare nulla”.


17.10 – Si passa alla delibera sui revisori dei conti: Ugo Tanzi presidente, Claudio Pinto e Salvatore Messina è la terna da votare.


– 17.07 – Goffredo Taborri attacca, non soddisfatto della non risposta da parte del sindaco: “Lei sta in riserva, sta finendo la benzina”. Poi ufficializza il suo passaggio dal gruppo misto al gruppo Conservatori e Riformisti. Nel frattempo entra Galati. I consiglieri sono ufficialmente 13 a 13.


– 16.50 – E’ il giorno del consiglio comunale in seconda convocazione.

Con i sette dissidenti Pd assenti, l’unico modo per Michelini di poter svolgere la seduta. Bastano 12 consiglieri più il sindaco. Nel centrosinistra ogni voto è determinante, quindi c’è pure Filippo Rossi. Pure quello dell’esponente Viva Viterbo è determinante. Rossi risponde all’appello e poi esce. E’ sufficiente che alzi la mano.

La seduta è di quelle pesanti. Primo punto, revisori dei conti. Ritirare la precedente delibera e approvare la nuova con i nomi dei professionisti.

Taborri incalza il sindaco sulla crisi politica. Ma non sono previste interrogazioni nella seduta odierna e  Michelini non risponde.

Poi tocca a Claudio Ubertini (FI). Ricorda che il consiglio comunale è 13 consiglieri di maggioranza e 13 d’opposizione: “Vorremmo capire come intende muoversi la maggioranza, siamo disposti anche a sospendere e riunirci come capigruppo”.

Si va avanti in parità. O almeno così sarà a breve. In minoranza ancora non è arrivato Vittorio Galati.

“Quando sarà il momento opportuno – dice Michelini – parlerò. La convocazione in seconda seduta è proprio per non bloccare l’attività amministrativa”.

 


Condividi la notizia:
5 febbraio, 2016

Comune - Crolla la maggioranza ... Gli articoli

  1. Tutti in consiglio, la crisi continua
  2. "Michelini, un sindaco di gomma"
  3. "Volevamo fa dimettere il sindaco e invece ci dimettiamo noi"
  4. Tutti in "gita" a Bruxelles e la riunione salta...
  5. Crisi verso la fine ma senza un finale
  6. Si dimette pure Elpidio Micci
  7. “Egidi assessore? Io non metto veti...”
  8. "Ora sapremo chi avrà guadagnato e cosa da questa farsa"
  9. Il brodo della crisi si allunga
  10. "il silenzio dei dissidenti"
  11. Effetto domino, salta pure la riunione di maggioranza
  12. Tutti dal notaio! Si presenta solo Michelini...
  13. Moderati e riformisti chiedono un incontro col Pd
  14. Serra chiama a raccolta i consiglieri Pd
  15. "Direzione Pd inutile senza Melilli e Guerini"
  16. Crisi in un vicolo cieco
  17. Cogli l'attimo, domani andiamo dal notaio...
  18. "Ancora non ci sono le condizioni per fare un passo avanti"
  19. Venerdì il faccia a faccia con la maggioranza
  20. "Disponibile a rimettere il mio mandato di sindaco"
  21. Acqua pubblica, la crisi travolge il referendum
  22. Michelini a un bivio
  23. "Col Pd vogliamo un rapporto di pari dignità"
  24. Tre minuti e tutti a casa
  25. "Basta tenere in ostaggio la città"
  26. "Un incontro con la maggioranza prima di giovedì"
  27. Uniti nella critica, divisi dal notaio
  28. Pure Guerini prende tempo
  29. "Pronto a farmi carico di errori e superficialità"
  30. Guerini non c'è, salta la direzione provinciale Pd
  31. "Pronti a concordare l'appuntamento dal notaio"
  32. Per risolvere la crisi c'è tempo...
  33. "In comune è tutto bloccato"
  34. "Caro Serra, vai dal notaio..."
  35. "Ripartiamo insieme per il futuro della città"
  36. Faccia a faccia Michelini - Serra sui problemi della città
  37. "Moltoni riferisce vicende totalmente false"
  38. “Mi hanno offerto un assessorato per rientrare in maggioranza”
  39. "Resta aperta l'ipotesi delle dimissioni di massa"
  40. "Decidano i dissidenti, tanto Michelini non si dimette"
  41. "Ce la metterò tutta per uscire dalla crisi"
  42. Crisi, arriva Lorenzo Guerini
  43. "Non mi sembra che la situazione politica sia cambiata"
  44. Crisi, il notaio s'allontana...
  45. “Incontrerò i 7, discuteremo della ripartenza”
  46. Arriva Guerini con la bacchetta magica...
  47. "Esperienza finita oltre ogni ragionevole dubbio"
  48. Michelini, un sindaco in fuga
  49. Valzer del notaio, altro giro
  50. Michelini prende gli schiaffi pure da Roma
  51. Il Nazareno non fa il miracolo
  52. "Venerdì si va dal notaio"
  53. "Con chi devo parlare?"
  54. “Ma quando vanno a casa?”
  55. Crisi, la soluzione non passa da Roma
  56. "Io non faccio politica, io amministro”
  57. "Non abdico, vado avanti per il bene della città"
  58. Il sindaco non molla
  59. I sette Pd disertano il consiglio
  60. Maggioranza spaccata, è gazzarra in commissione
  61. "Città sporca mentre il sindaco gioca alla crisi"
  62. In attesa di un difficile miracolo romano
  63. Opposizione pronta a occupare il consiglio comunale
  64. Dimissioni di massa o accordo per pilotare la crisi...
  65. Eppur si muove...
  66. Mercoledì tutti a Roma
  67. "Facciano come credono, io decido da solo"
  68. Vietato andare dal notaio
  69. Due giorni di corsa per non andare a casa
  70. Certificata l'incapacità politica di Michelini
  71. Michelini e Fioroni capitolano
  72. "Ma se è stato Sposetti a volermi sindaco..."
  73. “Città ostaggio di Michelini, siamo incazzati”
  74. "Siamo gli stessi che governano con Renzi"
  75. Sposetti sotterra definitivamente Michelini
  76. "Ecco chi non ha votato la mozione di sfiducia..."
  77. "Con chi stanno i Moderati e riformisti?... Coi Moderati e riformisti"
  78. "Due anni senza sindaco..."
  79. Rinviato l'incontro con Melilli e Guerini
  80. Pronte le dimissioni in massa
  81. "Dobbiamo sostenere il sindaco e l'amministrazione"
  82. "Michelini torni a fare l'imprenditore"
  83. "La crisi è anche colpa mia"
  84. Comune alla sfascio, FdI fa il punto...
  85. Il Giubileo entra nella crisi
  86. "Firmate la mozione di sfiducia"
  87. "Il trenino di Michelini è fermo da mesi"
  88. Basterà una riunione a salvare Michelini?
  89. “Guai a chi ferma questo treno in corsa"
  90. Troncarelli e Perà escluse dalla conferenza stampa
  91. E' caos, salta di nuovo la capigruppo
  92. Il Pd diserta la quarta commissione
  93. Tutti a Roma da Guerini e Melilli
  94. "Dimissioni e al voto in primavera"
  95. "Superare la crisi nel più breve tempo possibile"
  96. "Basta chiacchiere, i sette del Pd firmino la sfiducia"
  97. "Noi non siamo Carlo Galeotti"
  98. Michelini alla frutta, chiede aiuto alla minoranza
  99. "Liberate la città"
  100. "Abbiamo chiesto al sindaco di dimettersi"
  101. Schiaffo a Michelini, convocata la quarta commissione
  102. "Barelli si risparmi la propaganda inutile"
  103. "Se Michelini non si dimette, dimettiamoci noi"
  104. Sul Comune cala la sindrome del "non parlo"
  105. Arsenico, museo civico, Unione, Schenardi e tanto altro...
  106. "L'amministrazione Michelini? In completo stallo"
  107. "Del Giubileo si parla da un anno e niente è stato fatto"
  108. Troili brucia la poltrona...
  109. E' il documento di sfiducia ma non è un documento di sfiducia
  110. "Michelini sembra un pugile suonato che gira per la città”
  111. "Sto lavorando per la città"
  112. "Michelini sta facendo una figura barbina"
  113. "Tutti a casa, andiamo al voto"
  114. Ribadita la sfiducia a Michelini e alla giunta
  115. "Attacchi alla mia persona e professionalità"
  116. Revisori dei conti, Lorenzo Ciorba rinuncia all'incarico
  117. "Un commissario farebbe meglio di Michelini"
  118. Tutti i nodi arrivano alla capigruppo
  119. Commissioni chiuse per crisi
  120. Giunta a sei e aiutino esterno...
  121. Michelini si "arrenda"...
  122. "La crisi l'ha aperta il sindaco, non il Pd"
  123. "So annati via li komunisti?"
  124. Il Pd propone ma il sindaco dispone...
  125. Tocca a Egidi e Calcagnini
  126. La crisi e la variabile cimina...
  127. Komunicato kulturale...
  128. "Sono ottimista, prevarrà il buonsenso"
  129. "Al comune di Viterbo una situazione incomprensibile"
  130. "Non si governa da separati in casa"
  131. "Il sindaco deve essere la sintesi dell'alleanza"
  132. Michelini alla corte di Melilli
  133. Komunikato Befanesko...
  134. Fioroni e Sposetti alla riunione nazionale, il nuovo che avanza
  135. Primo avamposto dell'esercito di Fioroni sulla Palanzana
  136. "Vado avanti con l'amministrazione"
  137. "Michelini ha perso credibilità amministrativa"
  138. "Melilli e Tramontana hanno constatato la gravità della crisi"
  139. Contro i "nanetti communisti" nasce l'esercito di Fioroni
  140. E' Ciambella show...
  141. "Qui a Viterbo le cose sono complicate"
  142. Pd, i dissidenti di fronte a Melilli e Tramontana
  143. Crisi in comune, arrivano Tramontana e Melilli
  144. "Lavoro per salvare la giunta Michelini"
  145. Rossi, da "Viva Viterbo" a "Viva Fioroni"
  146. "Tutti a casa"
  147. I sette Pd restano sull'Aventino
  148. "Mancinelli? Il lato oscuro della forza"
  149. "Vado in giunta e non mi dimetto... per ora"
  150. "Michelini tutte chiacchiere e distintivo"
  151. "Riapertura dei teatri e riqualificazione di piazza del Comune"
  152. "L'amministrazione Michelini in coma irreversibile"
  153. "Tutto fermo in attesa degli incontri con Melilli"
  154. La giunta Michelini lontana dai problemi dei cittadini
  155. "In comune non può esserci una crisi dietro l'altra"
  156. "Assurdo paragonare Michelini a Marino"
  157. Auguri compagni...
  158. "Gli assessori restino al loro posto"
  159. La giunta Michelini va archiviata...
  160. "Nemmeno un conclave basterebbe..."
  161. Il termometro della crisi segna meno sette
  162. "Nessun aiuto, Michelini doveva dimettersi"
  163. Si azzeri la giunta e si amministri con autorevolezza
  164. "Io continuo a fare il sindaco..."
  165. Tramontana lavorerà a stretto contatto con Melilli
  166. Guerini invia Tramontana a Viterbo
  167. Leo: "Peppi', ma tu dichi che so' autonomo?"
  168. Perà e Troncarelli non partecipano alla riunione di giunta
  169. "Sei milioni di euro in fumo con la crisi"
  170. "L'attività del Comune va regolarmente avanti"
  171. La crisi contagia anche la provincia
  172. Michelini alla prova della giunta
  173. "Mi prendo qualche giorno prima di decidere"
  174. "La maggioranza non c'è più, finita l'esperienza Michelini"
  175. "Basta totem ideologici, Michelini vada avanti"
  176. "Le vostre lotte interne non interessano la città"
  177. "Egidi basta con questa discussione senza costrutto"
  178. "Solidale con Michelini…"
  179. "Stai costruendo il tuo partito personale"
  180. "L'Unione comunale non può prendere iniziative politiche"
  181. "Solidali col sindaco e presidente della nostra associazione Michelini"
  182. Tira aria di "Tramontana"...
  183. Liberate Fioroni...
  184. "Caro Michelini, la misura è colma…"
  185. "Il sindaco si dimetta e valuti in 20 giorni se andare avanti"
  186. "Egidi si deve dimettere"
  187. "Disponibile a dimettermi nei prossimi giorni"
  188. "Irresponsabile trascinare l'agonia"
  189. "Mi dimetterò"
  190. "Vannini stia sereno, se ha la coscienza a posto..."
  191. "Comico che Egidi trami contro il Pd"
  192. "Michelini, dopo il diabolico cosa c'è?"
  193. "Non ho ricevuto avvisi di garanzia"
  194. "Il Pd ha fallito..."
  195. "Michelini, da amministratore ad amministrato"
  196. "Egidi cospira e trama contro il Pd e il centrosinistra"
  197. Fioroni è nudo!
  198. Incontro di uomini e donne di fede fioroniana
  199. "Michelini non è più un uomo libero…"
  200. "Se siete convinti, sfiduciatemi in consiglio"
  201. "Serra & c. sono fuori dal partito"
  202. Crolla la maggioranza, Serra & c.: "La nostra esperienza di governo finisce qui"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR