--

--

Pigi-Battista-560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Schiaffo a Rossi - Tre testimoni al processo per l'aggressione al direttore artistico di Caffeina dentro la segreteria del festival

“Filippo ha vacillato ed è caduto…”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Filippo Rossi

Filippo Rossi parla a Caffeina dopo l’aggressione

Gianluca Iannone

Gianluca Iannone

Viterbo - Aggressione a Filippo Rossi - Volanti della polizia in centro

Viterbo – Aggressione a Filippo Rossi – Volanti della polizia in centro

Viterbo - Aggressione a Filippo Rossi - Volanti della polizia in centro

Viterbo – Aggressione a Filippo Rossi – Volanti della polizia in centro

Viterbo - Aggressione a Filippo Rossi - Volanti della polizia in centro

Viterbo – Aggressione a Filippo Rossi – Volanti della polizia in centro

Viterbo – Per quello “schiaffone futurista”, come lo definì subito dopo minimizzando, è davanti al giudice di pace per lesioni e ingiurie: il leader di CasaPound Gianluca Iannone non era in aula, stamattina, mentre entrava nel vivo il processo a suo carico per l’aggressione a Filippo Rossi (fotocronaca – slide).

Gli imputati sono lui e Andrea Giannini, 44enne viterbese che, per la difesa, era in tutt’altro posto la sera del 14 luglio 2012, quando un gruppo di militanti di estrema destra entrò nella segreteria di Caffeina in piazza San Pellegrino. I primi tre testimoni dell’accusa hanno ripercorso l’intera serata. 

“Quando siamo arrivati, gli aggressori erano già andati via – ha spiegato un poliziotto della volante, intervenuto all’una di notte, dopo la chiamata al 113 -. Rossi, la guancia gonfia, era agitato, impaurito e arrabbiato. Ci disse di aver ricevuto un colpo al viso da una persona che conosceva bene, poi identificata in Gianluca Iannone, e ha descritto un altro individuo calvo, alto un metro e ottanta circa. Entrambi indossavano magliette nere con il simbolo di CasaPound”.

Dentro la segreteria del festival, oltre al direttore artistico, c’era una decina di volontari al lavoro fino a tarda notte, come in ogni edizione della kermesse culturale che anima la città.

Per i testimoni ascoltati oggi, “Filippo ha vacillato ed è caduto”. A terra, secondo Giuseppe Berardino, tra gli organizzatori di Caffeina; sopra un cumulo di casse d’acqua per Matteo Maio, uno dei volontari del festival. Secondo i loro racconti, dopo un breve dialogo apparentemente tranquillo, Iannone ha colpito Rossi, per poi continuare a gridargli insulti mentre era a terra. “Oltre a Iannone – ha proseguito il volontario di Caffeina – nella segreteria sarebbe entrata circa una decina di persone che ha come accerchiato Filippo tentando di colpirlo. E uno lo ha effettivamente colpito con una pedata”.

Il direttore artistico di Caffeina è costituito parte civile al processo, tramite l’avvocato Giacomo Barelli. Iannone e Giannini sono difesi da Domenico Di Tullio, sostituito ieri in udienza dai colleghi Domenico Gorziglia e Samuele De Santis. A maggio parleranno alcuni dei poliziotti che hanno seguito le indagini, tra cui il capo della Digos Monia Morelli. 

2 febbraio, 2016

Aggressione a Filippo Rossi ... Gli articoli

  1. Fu un pugno futurista, condannato il leader di Casapound
  2. "Le minacce di Iannone? Non mi fanno paura"
  3. "Sconcertati, tuteleremo l'incolumità di Rossi"
  4. "Rossi sarebbe da schiaffeggiare di nuovo..."
  5. Schiaffone futurista, santa Rosa fa il miracolo
  6. "Quante storie per uno schiaffone futurista"
  7. "Schiaffone futurista? Non ricordo..."
  8. "Persone vestite di nero venivano da via San Lorenzo..."
  9. Schiaffone futurista a Filippo Rossi, continua il processo
  10. Aggressione a Filippo Rossi, al via il processo
  11. Aggressione a Filippo Rossi, Iannone a giudizio
  12. "A Casa Pound nessuno spazio gratuito dal Comune"
  13. Il Comune vieti ogni spazio pubblico a CasaPound
  14. "Esiste anche la violenza delle parole"
  15. "Un'aggressione che lascia un segno"
  16. Il digrigno di chi aggredisce...
  17. Fnsi: "Rossi paga il prezzo di un percorso professionale originale"
  18. Scolamiero: "Rammaricata per questo grave episodio"
  19. Tofani: "Gesto inqualificabile e ingiustificabile"
  20. Consulta provinciale studentesca: "Isolate CasaPound"
  21. Miralli: "Siamo indignati"
  22. Merlani: "Un'azione da condannare senza appello"
  23. Giovane Italia, Udc giovani e Gd: "Deplorevole raid intimidatorio"
  24. Anselmi: "I violenti restino fuori"
  25. Giovani democratici: "La città si fermi per un'ora"
  26. Arci: "Basta sostegno a CasaPound"
  27. I lettori vicini a Filippo Rossi
  28. Sposetti: "Servivano più controlli"
  29. Gli organizzatori: "Caffeina non si ferma"
  30. Mancini: "I responsabili vanno perseguiti e puniti"
  31. Aggressione a Filippo Rossi, indaga la Procura
  32. Torricelli: "Condanniamo con forza quanto accaduto"
  33. Giovani comunisti: "Ora le istituzioni ne prendano atto"
  34. Gasbarra: "La politica condanni questa violenza"
  35. Salatto: "Un gesto di disperazione"
  36. Fortuna: "Per loro un suicidio politico"
  37. Iannone: "Solo uno schiaffone futurista"
  38. Egidi: "Queste non sono ragazzate"
  39. Santini: "Un'azione inqualificabile"
  40. Parroncini: "Le istituzioni isolino Casa Pound”
  41. "Sei un traditore"
  42. Polverini: "Una violenza ingiustificabile"
  43. Barelli: "Adesso aggrediteci tutti"
  44. Futuro Tuscia: "Un vile e inutile gesto"
  45. Fli: "Un atto barbaro e violento"
  46. Filippo Rossi vittima di una aggressione squadrista
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR