--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Regione Lazio - Così Riccardo Valentini (Pd) in occasione della pubblicazione della seconda edizione di Eating Planet del Barilla Center for food&nutrition

“L’agricoltura sostenibile per salvare il pianeta”

Riccardo Valentini

Riccardo Valentini 

Viterbo – “Siamo di fronte a una crisi alimentare globale che si incrocia con una crisi climatica. Nel 2050 la terra sarà abitata da 9 miliardi di persone, ma i terreni coltivabili saranno sempre meno e bisognerà sfamare nuove generazioni mantenendo però in equilibrio il Pianeta attraverso un’agricoltura sostenibile”. A dichiararlo è Riccardo Valentini intervenuto, nelle vesti di professore di ecologia, in occasione della pubblicazione della seconda edizione di Eating Planet del Barilla Center for food&nutrition (Bcfn).

“La mancata percezione o la scarsa conoscenza del problema – prosegue Valentini – rischia di portare a scelte scorrete. Il mondo comincia ad essere informato, lo abbiamo visto a Expo e poi a Parigi, ma le persone non hanno chiare le abitudini da intraprendere. Quando mangiamo o buttiamo del cibo non pensiamo quasi mai all’impatto che questi gesti quotidiani hanno sull’ambiente. Eppure il cibo è il primo responsabile di emissioni di gas serra col 31%. Più del riscaldamento (23,6%) e dei trasporti (18,5%). Non solo, ma in Italia mangiamo sempre più in modo scorretto. Abbiamo ad esempio il numero di bambini in sovrappeso o obesi tra i più alti d’Europa. E se a questo si unisce il fatto che siamo sempre più sedentari, i rischi legati a malattie come il diabete o le patologie cardiache appaiono evidenti”.

“La seconda edizione di Eating Planet – spiega il Presidente del Barilla Center for food&nutrition, Guido Barilla – si rivolge a tutte le persone per cercare di fare capire quali sono le grandi tematiche legate al cibo e all’alimentazione ma anche alla sostenibilità perché le abitudini alimentari hanno un enorme impatto sulle abitudini alimentari”. Rappresentativo è il modello della doppia piramide, elaborato dal Bcfn che dimostra la correlazione tra le scelte alimentari e l’impatto ambientale. Un modello che sostiene la bontà della dieta mediterranea. “La sfida del nostro secolo – conclude Camillo Ricordi, professore di Medicina all’Università di Miami – è l’epidemia dell’obesità, del diabete, le malattie croniche degenerative legate a uno stile di vita poco sano. Per cui tornare a una dieta mediterranea, non quella bastardizzata, potrebbe avere un impatto importante”.

24 febbraio, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR