- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Mi hanno offerto un assessorato per rientrare in maggioranza”

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Viterbo - Sergio Insogna e Chicco Moltoni [4]

Viterbo – Sergio Insogna e Chicco Moltoni

Viterbo - Sergio Insogna e Chicco Moltoni [5]

Viterbo – Sergio Insogna e Chicco Moltoni

Viterbo - Sergio Insogna e Chicco Moltoni [6]

Viterbo – Sergio Insogna e Chicco Moltoni

Viterbo – “Rientra in maggioranza in cambio di un assessorato”.

Colpo di scena nella crisi in comune. Lo rivela Chicco Moltoni (Gal), eletto nel centrosinistra e passato all’opposizione con Sergio Insogna. Nel disperato tentativo di tenere in piedi una maggioranza allo sbando, a Moltoni è arrivata l’offerta.

Il diretto interessato organizza un incontro con la stampa per svelare retroscena che non faranno piacere a Michelini e i suoi.

“Il giorno in cui il sindaco ha incontrato Taborri – racconta Taborri – mi ha chiamato un amico, partendo da lontano.

Gli ho domandato la ragione della telefonata e mi ha spiegato che era stato contattato a sua volta da una persona per verificare se la possibilità di un mio rientro in maggioranza”.

Dell’amico Moltoni non rivela l’identità, ma fa di più.

“A chiedere a questa persona di chiamarmi – continua Moltoni – è stato Giuseppe Fioroni”.

Moltoni spiega d’avere rigettato al mittente l’offerta. Seppure allettante. “L’obiettivo era dare vita a un gruppo con Taborri, immediatamente ci sarebbe stato un assessorato e poi altre cose.

Ho detto di no e hanno provato a farmi fuori”.

Durante l’ultima seduta di consiglio comunale, sempre per la vicenda legata al contenzioso in atto per la richiesta di danno erariale nella vicenda Cev.

“Hanno la faccia come il bronzo – sostiene Moltoni – sono lo stesso che venerdì volevano cacciare dal consiglio comunale con una mossa a sorpresa da parte del presidente del consiglio.

Lo stesso che non più di dieci giorni prima avevano tentato di riportare in maggioranza. Un atteggiamento inquietante.

Prima tengono un certo comportamento, avanzano proposte, io non accetto e loro provano ad accelerare la fase di decadenza. Una cosa vergognosa”.

Anche perché sul fronte decadenza da consigliere comunale, Moltoni tiene duro. “Il 7 gennaio c’è stata l’udienza nella causa fra comune e assicurazione. Nell’arco di 60 giorni si capirà se a pagare deve essere l’assicurazione, come io ritengo.

Altrimenti saranno note le motivazioni e quindi su chi ci potremo rivalere. La vicenda è delicata. Ci sono già procedimenti contro dirigente, comune e assicurazione da parte degli amministratori chiamati a pagare.

Il giorno dopo in cui dovessi essere fuori, mi unirò alla causa”.

Sul tentativo d’accelerare la sua fuoriuscita, per Moltoni è un colpo basso: “Hanno provato a fare il colpaccio, evidentemente preordinato, provato a farmi fuori nel tentativo di riuscire a racimolare il minimo di quei numeri che gli servono per portare avanti questa ipotetica maggioranza”.

Uscendo Moltoni, oggi all’opposizione, entrerebbe il primo dei non eletti, in maggioranza.

Con Moltoni, in conferenza anche Sergio Insogna: “Chicco è stato sottoposto a una pressione psicologica pesante. Non dimentichiamoci che è una persona con la sua dignità, ha una famiglia, una vita”.

L’occasione è gradita per dare l’ennesimo schiaffo al sindaco: “Michelini pensa di governare fino al 2018 facendosi forza con un sondaggio del Sole 24 Ore”.


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]