Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Crolla la maggioranza - La referente dei 7 Pd dissidenti si rivede in commissione - Caos sul mattatoio dopo la nota Anac

Il ritorno dell’assessora Perà

Condividi la notizia:

Viterbo - L'assessora Perà alla riunione della seconda commissione

Viterbo – L’assessora Perà alla riunione della seconda commissione 

Viterbo - L'assessora Perà alla riunione della seconda commissione

Viterbo – L’assessora Perà alla riunione della seconda commissione 

Viterbo – (g.f.) – Il ritorno di Sonia Perà. L’assessora, riferimento dei sette consiglieri Pd dissidenti, stamani è tornata in commissione.

Un rientro dovuto. In seconda si discute del mattatoio, il progetto di finanza proposto da privati e che tarda a decollare, tanto che l’Anac di Cantone ha scritto al comune, dopo l’intervento di Claudio Ubertini (FI).

Cantone ha rilevato ritardi nell’attuazione e conseguente possibile danno erariale. Un altro nodo da sciogliere in una vicenda già piuttosto intricata.

Stamani in commissione si dovevano discutere eventuali modifiche al progetto.

“Ma come si fa – si domanda Gianmaria Santucci (Fondazione) – a presentare emendamenti, se si rischia che non essendo possibile proroghe, il mattatoio può chiudere?”. Se si modifica il progetto, infatti, i tempi si allungano ancora.

Tempi che in ogni caso non ci sono. La scadenza ultima concessa è fine giugno. Troppo ravvicinata per portare a compimento tutte le procedure, pure se si partisse oggi. E oggi non si parte. Dal momento che tutto è stato rinviato in consiglio comunale. Se si fosse andati al voto, la maggioranza che è minoranza, causa crisi e assenza di consiglieri Pd, sarebbe andata sotto.

Per il mattatoio, di tempo ne è passato. Claudio Ubertini (FI) fa notare che il progetto da parte dei privati è stato presentato il 21 dicembre 2012, quando la concessione scadeva il 31 agosto 2014. Santucci ha una sua visione. Politica: “Il problema oggi non ci sarebbe se voi foste in venti”. Ovvero, se la crisi non avesse travolto anche il mattatoio.

“Perché la pratica è rimasta tanto tempo nel cassetto – si domanda Marini (FI) – la giunta non ha operato nell’interesse della città”.

Tutte le proroghe non c’entrano con il progetto, fa notare dalla maggioranza Maurizio Tofani (Oltre le mura).

E il dirigente Manetti ricorda che il progetto presentato inizialmente da privati era per una gestione di 35 anni, senza canone di locazione e non erano specificati tempi e modalità dei lavori.

Sono state chieste modifiche, portando via del tempo. Alla fine si rinvia tutto al consiglio comunale. Lo stesso progetto, senza modifiche.

Senza votarlo in commissione.


Condividi la notizia:
16 febbraio, 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR