--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Processo Asl - Mauro Paoloni si difende punto su punto per tre ore in aula

“La tessera della Margherita? Non ce l’avevo nemmeno io…”

Condividi la notizia:

Mauro Paoloni

Mauro Paoloni

La cittadella della salute, sede della Asl

La cittadella della salute, sede della Asl 

Viterbo – Due cartelline voluminose con dentro tutta la sua verità.
Mauro Paoloni risponde per tre ore in aula alle domande di pm e avvocati.

Da anni lo accusano di corruzione, abuso d’ufficio e varie turbative d’asta nel maxiprocesso Asl. Lui, ieri, parlando per la prima volta in udienza pubblica, ha replicato spedito. Con l’autorevolezza del professore universitario, temperata da una buona dose di umiltà: “Il mio punto di vista di imputato, forse, vale meno di quello dei testimoni, ma molte cose non sono andate com’è stato detto in quest’aula”. 

Paoloni, ordinario di economia aziendale dagli anni Novanta all’università di Roma3, parla dello stuolo di dirigenti venuti a deporre come testimoni dell’accusa contro lui e Giuseppe Aloisio, ex direttore generale della Asl. Al maxiprocesso viterbese sono difesi entrambi dall’avvocato Alessandro Diddi. I dirigenti della Asl hanno parlato fino a oggi di “tandem Aloisio-Paoloni”, “vita impossibile per chi gli si metteva contro”, “imposizioni” e “intimidazioni più o meno velate”.

Lui racconta di aver avuto pochi rapporti con i dirigenti. Pochi ma ottimi. “Mi chiamavano ‘l’uomo nero’ non solo per il colore dei miei vestiti, ma anche perché ero schivo e riservato”.


I rapporti con i dirigenti 

I dirigenti li smentisce uno a uno. “Avrei proposto a Giovanni Gorgoni di fare la tessera della Margherita per diventare direttore amministrativo? Ma se non ce l’ho nemmeno io la tessera della Margherita…”. Poi Eleonora Di Giulio, che subentrò a Gorgoni all’ufficio Bilancio. “La cosa che più mi ha offeso è sentir dire da lei che insistevo per farmi pagare le fatture per primo, quando c’erano organi e tempistiche non bypassabili – continua Paoloni -. E’ venuta a dire che avrei minacciato di rovinarle la carriera: è dirigente Inps adesso. Come avrei potuto rovinarla, non lo so. Il mio interesse era collaborare col direttore generale, non occuparmi delle paturnie della Di Giulio”. E infine, il dirigente dell’unità immobili e tecnologia Fabio Micio: “Fu segnalato dall’autorità di vigilanza per una serie di irregolarità sui lavori infiniti all’ospedale Belcolle. Il direttore generale fece un esposto, ma l’indagine finì in archivio per prescrizione. Micio aveva un atteggiamento ostile. Rifiutava incarichi salvo poi lamentarsi se li prendevano altri. Non portava alla direzione le relazioni chieste sull’ospedale. Si lamentava di essere stato trasferito e depotenziato, quando svolgeva un’attività di primo livello. Del resto gli spostamenti erano fisiologici. Dopo il procedimento disciplinare a suo carico partì la sua pletora di denunce”. Le stesse che hanno dato avvio all’inchiesta Asl.


“Consulenza costosa? Non fui il primo”

Paoloni parla anche di Aloisio e di come non gli pesasse spostarsi o sacrificarsi. “Rinunciò al suo ufficio che era come una reggia, accanto al palazzo dei Papi, per andare in una stanzetta in viale Trento vicino ai suoi collaboratori”. L’accentramento degli uffici della Asl nella Cittadella della Salute è un altro capitolo (prescritto) dell’inchiesta: 24 milioni di euro per l’immobile della società Centro Diaz srl. Importo superiore al valore reale, secondo i magistrati. E il capitolo Cittadella fu tra i tanti finiti davanti alla Corte dei conti e archiviati. “Hanno archiviato tutto quello che mi riguardava, comprese le indagini sui costi del mio incarico di consulente alla Asl”. 160mila euro all’anno. Ma Paoloni non fu il primo. E sciorina una lunga lista di consulenti della Asl costati intorno ai 200mila euro l’uno, negli anni prima di lui e dell’era Aloisio.


“Nessun conflitto di interessi”

Il suo operato lo difende a spada tratta dalle accuse di corruzione. Per i pm, scambi alla pari: appalti della Asl alle società Abbott e Ati Lavin e incarichi a Paoloni per decine di migliaia di euro. Oppure i laboratori artistici per disabili Aureart in cambio di un lavoro alla moglie. Ma Paoloni risponde: “Non vedevo incompatibilità, né conflitti di interessi: c’era una pluralità di organi deputati al controllo e nessuno ebbe nulla da dire. La Lavin, in particolare, è un’azienda internazionale che fattura 260 milioni di euro. Era un incarico prestigioso per il mio curriculum, affidatomi da persone che non c’entravano niente con l’appalto della Asl. Io stesso non avevo voce in capitolo negli appalti”.


“Una bomba nucleare sulla Asl”

Da consulente strategico si dimette nel 2009. Un anno dopo lo “scoppio di una bomba nucleare”, come la chiama lui. “Sono stato vittima delle ‘giornalate’ quotidiane di Paolo Gianlorenzo sul suo ‘Nuovo Viterbo Oggi’ (chiuso da anni, ndr). All’epoca avevo una famiglia. Fu pesante per me e per tutta la Asl: per due anni e mezzo siamo stati vessati da un giornalista pluricondannato per diffamazione che pubblicava atti aziendali ancor prima che uscissero. Il clima non era più sereno. Dal 2013 non ho mai più ricoperto incarichi pubblici”.


Condividi la notizia:
27 febbraio, 2016

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti"
  6. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  7. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  8. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  9. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  10. "Gianlorenzo favoriva o danneggiava 'su richiesta' il politico o il manager di turno..."
  11. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  12. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  13. "Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo..."
  14. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  15. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  16. "Aloisio, non fu concussione"
  17. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  18. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  19. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  20. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  21. "Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno"
  22. Aloisio interrogato per tre ore
  23. "Trentamila euro in tre anni al partito"
  24. "Bisogna sostenere il partito"
  25. La morte lenta del processo Asl
  26. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  27. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  28. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  29. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  30. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  31. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  32. Asl, i pm: "Falsa testimonianza"
  33. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  34. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  35. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  36. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  37. Quintarelli: "Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio"
  38. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  39. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  40. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  41. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  42. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  43. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  44. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  45. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  46. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  47. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  48. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  49. Asl, una notifica ingolfa il processo
  50. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  51. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  52. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  53. "Aloisio non ha preso un euro"
  54. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  55. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  56. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  57. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  58. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  59. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  60. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  61. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  62. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  63. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  64. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  65. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  66. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  67. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  68. Sì all'immobile al posto dei conti
  69. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  70. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  71. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  72. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  73. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  74. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  75. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  76. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  77. Oltre quattro ore di interrogatorio
  78. Aloisio di nuovo dai pm
  79. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  80. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  81. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  82. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  83. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  84. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  85. Selvaggini cambia avvocato
  86. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  87. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  88. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  89. Paoloni chiede di essere interrogato
  90. Un immobile al posto dei conti
  91. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  92. "I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR