--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Spagna - Strage in Erasmus - Il feretro rientrato in Italia - L'università La Sapienza: "Una vita spenta nella sua primavera"

Elisa è tornata a casa

Condividi la notizia:

Elisa Scarascia Mugnozza

Elisa Scarascia Mugnozza

Elisa Scarascia Mugnozza

Elisa Scarascia Mugnozza

Il fiocco nero sul sito della Sapienza di Roma

Il fiocco nero sul sito della Sapienza di Roma

"Ciao Scar", il saluto degli amici su Facebook a Elisa Scarascia Mugnozza

“Ciao Scar”, il saluto degli amici su Facebook a Elisa Scarascia Mugnozza

Viterbo – Elisa è tornata a casa.

La salma della 22enne uccisa nello schianto del bus in Catalogna è rientrata in Italia nella tarda serata di ieri, insieme ai feretri delle studentesse Serena Saracino e Francesca Bonello. Le tre salme sono state trasportate con un aereo militare all’aeroporto di Pisa.

Giovedì rientreranno anche le altre quattro ragazze morte nella tragedia di Tarragona, sull’autostrada che collega la Catalogna alla Francia. 13 vittime in tutto. Tutte studentesse Erasmus. Sette sono italiane.

Elisa Scarascia Mugnozza era figlia del professor Giuseppe Scarascia Mugnozza, docente all’Università della Tuscia e direttore del dipartimento Dibaf. Una famiglia di accademici, la sua. Legata a doppio filo all’ateneo viterbese: il nonno di suo padre, Gian Tommaso Scarascia Mugnozza, ne era stato rettore e fondatore. 

Elisa era a Barcellona da un mese. Studiava medicina all’università La Sapienza di Roma. Era al quinto anno: si sarebbe laureata a ottobre. “Voleva fare il medico chirurgo”, la ricorda il papà con orgoglio. Sogni spezzati da un autobus trasformatosi in una macchina della morte, domenica mattina all’alba, mentre trasportava quei cinquanta ragazzi nei loro alloggi spagnoli. Dormivano tutti, di ritorno dalla Festa de las fallas a Valencia. L’orrore al risveglio negli occhi dei sopravvissuti, mentre Elisa e le altre i loro occhi non li hanno più riaperti. E’ stata strage. Strage di studentesse, per le quali il mondo accademico si è fermato.

Ieri, bandiere a mezz’asta, minuto di silenzio e sito web dell’Università della Tuscia listato a lutto per Elisa. All’ateneo viterbese, le lezioni ai dipartimenti Dafne e Dibaf riprenderanno domani, dopo due giorni di stop.

Un fiocco nero è comparso anche sull’homepage della Sapienza di Roma. Anche qui, ieri mattina, alle 12, gli studenti si sono fermati per un minuto, in memoria di Elisa e delle altre vittime dell’incidente. “Il Rettore e tutta la comunità Sapienza condividono il dolore delle famiglie per la morte delle studentesse Erasmus in Spagna – riporta il messaggio pubblicato sul sito del primo ateneo romano -. Aprendo il 21 marzo l’incontro intitolato alla Primavera dell’Università ci siamo uniti, rappresentando tutto l’ateneo, nella memoria di queste studentesse strappate alla vita nel momento in cui interpretano il meglio della vocazione giovanile a essere cittadini di un sistema universitario senza confini. Tra queste giovani vittime c’è una nostra studentessa – Elisa Scarascia Mugnozza – stroncata nel suo progetto di formazione internazionale, di apertura multiculturale e di realizzazione di una comunità senza confini che è la generazione Erasmus. La Sapienza è vicina alla famiglia e agli amici, condividendo il sentimento di commozione per una vita spenta nella sua primavera”. 

Nella giornata di ieri, le lezioni sono state sospese in segno di lutto alle sedi della facoltà di medicina Sant’Andrea, aula Bianchi Bandinelli e Cus. Gli studenti hanno ricordato Elisa con una commemorazione nella cappella dell’ospedale Sant’Andrea ieri mattina alle 9,30. Altre due messe, ieri, alle 13 al Policlinico Umberto I e alle 18,30 al quartiere Olgiata, dove Elisa abitava. A Viterbo aveva tantissimi amici; qualcuno la saluta da Facebook postando la foto di una scritta: “Ciao Scar”.


Condividi la notizia:
23 marzo, 2016

Strage in Erasmus ... Gli articoli

  1. Strage in Erasmus, il tribunale spagnolo archivia per la terza volta
  2. "Schianto bus in Catalogna, il governo cerchi la verità"
  3. Schianto bus, il tribunale spagnolo riapre il caso
  4. Strage in Erasmus, le famiglie in preghiera col papa
  5. Strage in Erasmus, le famiglie in preghiera col papa
  6. Strage in Erasmus, l'autista: "Non mi sono addormentato"
  7. Strage Erasmus in Spagna, si riapre l'inchiesta
  8. "Incidente Erasmus, no alla sconcertante archiviazione"
  9. "Siamo pieni di dolore e senza parole"
  10. Strage in Erasmus, archiviata l'inchiesta penale
  11. Strage Erasmus, la polizia: "Colpo di sonno"
  12. "Aspettiamo che sia ascoltato l'autista del bus..."
  13. Strage Erasmus, ridotti i risarcimenti alle famiglie
  14. "Avevi la grinta autografata nell'animo"
  15. Foto e palloncini colorati per salutare Elisa
  16. "Offerte alla Caritas e lettere per Elisa"
  17. "Mi stringo attorno alle famiglie delle ragazze"
  18. Il rimpatrio entro giovedì
  19. I viaggi, il mare e le braccia aperte al futuro...
  20. "Si sono spenti due occhi pieni di speranza"
  21. "Stretti intorno alla famiglia con sincero affetto"
  22. Unitus in lutto per Elisa
  23. Studentesse morte, Renzi in Catalogna
  24. "Era felicissima di andare a quella festa..."
  25. "Elisa era piena di vita e di entusiasmo"
  26. Minuto di silenzio e bandiere a mezz'asta per Elisa
  27. "Era partita con gioia, siamo distrutti dal dolore..."
  28. Unitus in lutto, rinviato il senato accademico
  29. "Viterbo profondamente colpita da questa tragedia"
  30. "Vicino ai familiari di Elisa e delle altre vittime"
  31. Schianto autobus, morta la viterbese Elisa Scarascia Mugnozza
  32. Si schianta bus in Spagna, sette italiane tra le vittime
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR