Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Spagna - Strage in Erasmus - Il commosso ricordo di Michelangelo Luciani, il migliore amico di Elisa Scarascia Mugnozza

“Si sono spenti due occhi pieni di speranza”

di Raffaele Strocchia
Condividi la notizia:

Elisa Scarascia Mugnozza

Elisa Scarascia Mugnozza

Elisa Scarascia Mugnozza con un gruppo di amici

Elisa Scarascia Mugnozza con un gruppo di amici

Al centro Elisa Scarascia Mugnozza con Michelangelo Luciani e un gruppo di amici

Al centro Elisa Scarascia Mugnozza con Michelangelo Luciani e un gruppo di amici

Michelangelo Luciani, amico di Elisa Scarascia Mugnozza

Michelangelo Luciani, amico di Elisa Scarascia Mugnozza

Elisa Scarascia Mugnozza

Elisa Scarascia Mugnozza

Viterbo – “Si sono spenti due occhi pieni di speranza”. Ha solo 24 anni e il cuore straziato dal dolore. Michelangelo Luciani non riesce a darsi pace. Studente di medicina all’università La Sapienza di Roma, è uno dei migliori amici di Elisa Scarascia Mugnozza.

La studentessa è morta in un terribile incidente stradale a Tarragona, in Spagna. L’autobus sul quale viaggiava insieme a una cinquantina di studenti Erasmus, si è cappottato sull’autostrada Ap7 che collega la Catalogna alla Francia.

Tredici ragazze morte all’alba di domenica, forse per un colpo di sonno dell’autista. Tra le anime volate in cielo ci sono anche quelle di sette studentesse italiane che avevano partecipato alla Fiesta de las Fallas a Valencia e stavano tornando a Barcellona.

Dormivano tutti durante il viaggio, perché nessuno aveva chiuso occhio la notte prima. Alle sei del mattino la strage: prima la sbandata, il pullman che cappotta, poi lo schianto. L’autista è ora indagato per omicidio colposo plurimo e imprudenza.

“E’ una tragedia agghiacciante – dice Michelangelo -. Elisa era la ragazza più solare che conoscevo, sempre gentile e disponibile: il cuore pieno di voglia di fare e gli occhi colmi di speranza. La sua risata era contagiosa, coinvolgente e lei racchiudeva il meglio che c’è al mondo. Era un’amica preziosa”.

Elisa aveva solo 26 anni, ed era iscritta al quinto anno di medicina e psicologia all’università La Sapienza di Roma. Si sarebbe laureata a breve.

“Ci siamo conosciuti tra i corridoi dell’ospedale Sant’Andrea e la nostra amicizia è nata tra le corsie e le aule di lezione. Tra un anno e mezzo ci saremmo laureati ed Elisa aveva deciso di andare in Erasmus per capire se le sarebbe piaciuto lavorare all’estero o in Italia. Purtroppo non ne ha avuto il tempo, perché c’è stata la tragedia. Ancora non riesco a credere che se ne sia andata a un passo dal traguardo”.

Elisa aveva un’intera vita davanti, fatta di sogni e speranze, amori e desideri. Ragazza dagli occhi scuri e dai capelli castani, era bella, vivace e dall’animo sensibile. Le piaceva viaggiare: Vancouver, Londra, Istanbul e Barcellona. Ascoltava gli Oasis e i Coldplay. Adorava i film di Woody Allen e la saga di Indiana Jones. Leggeva Jane Austen e guardava Grey’s Anatomy, sognando di diventare brava come Meredith Grey.

“Adorava medicina – racconta Michelangelo -. In quest’università puoi riuscire bene solo se ti piace veramente, dura sei anni ed è tosta. Elisa era bravissima e nonostante avesse iniziato il tirocinio in chirurgia generale, trovava sempre tempo per gli amici. Le piaceva uscire, coinvolgere sempre più persone e fare serata”.

A febbraio la nuova avventura: quella dell’Erasmus, per fare nuove esperienze e imparare a ritagliarsi i propri spazi. “Era partita solo un mese fa. Ricordo l’ultima serata che abbiamo passato assieme. Eravamo in un pub sulla Cassia con tutti gli amici, le avevamo organizzato una festa prima della partenza. Elisa era felicissima e non vedeva l’ora di chiudere la valigia e prendere l’aereo.

Le piaceva mordere la vita e assaporare l’intensità di ogni istante. Era alla continua ricerca di stimoli, nuove conoscenze e amicizie. Desiderava imparare una nuova lingua, e in questi dieci mesi di Erasmus sono sicuro che ci sarebbe riuscita”.

Elisa viveva con la sua famiglia all’Olgiata, a Roma. Nata nella Capitale, era legata anche a Viterbo. Papà Giuseppe è professore all’università della Tuscia e direttore del dipartimento di Biologia, dove insegna selvicoltura ed ecofisiologia forestale. Il nonno, Gian Tommaso, è stato rettore e fondatore dell’ateneo viterbese.

L’Unitus piange la morte di Elisa e ferma alcune delle sue attività. Nei dipartimenti, bandiere a mezz’asta e alle dodici di questa mattina un minuto di silenzio per ricordare “la ragazza dal cuore tenero”.

Raffaele Strocchia


Condividi la notizia:
22 marzo, 2016

Strage in Erasmus ... Gli articoli

  1. Strage in Erasmus, il tribunale spagnolo archivia per la terza volta
  2. "Schianto bus in Catalogna, il governo cerchi la verità"
  3. Schianto bus, il tribunale spagnolo riapre il caso
  4. Strage in Erasmus, le famiglie in preghiera col papa
  5. Strage in Erasmus, le famiglie in preghiera col papa
  6. Strage in Erasmus, l'autista: "Non mi sono addormentato"
  7. Strage Erasmus in Spagna, si riapre l'inchiesta
  8. "Incidente Erasmus, no alla sconcertante archiviazione"
  9. "Siamo pieni di dolore e senza parole"
  10. Strage in Erasmus, archiviata l'inchiesta penale
  11. Strage Erasmus, la polizia: "Colpo di sonno"
  12. "Aspettiamo che sia ascoltato l'autista del bus..."
  13. Strage Erasmus, ridotti i risarcimenti alle famiglie
  14. "Avevi la grinta autografata nell'animo"
  15. Foto e palloncini colorati per salutare Elisa
  16. "Offerte alla Caritas e lettere per Elisa"
  17. Elisa è tornata a casa
  18. "Mi stringo attorno alle famiglie delle ragazze"
  19. Il rimpatrio entro giovedì
  20. I viaggi, il mare e le braccia aperte al futuro...
  21. "Stretti intorno alla famiglia con sincero affetto"
  22. Unitus in lutto per Elisa
  23. Studentesse morte, Renzi in Catalogna
  24. "Era felicissima di andare a quella festa..."
  25. "Elisa era piena di vita e di entusiasmo"
  26. Minuto di silenzio e bandiere a mezz'asta per Elisa
  27. "Era partita con gioia, siamo distrutti dal dolore..."
  28. Unitus in lutto, rinviato il senato accademico
  29. "Viterbo profondamente colpita da questa tragedia"
  30. "Vicino ai familiari di Elisa e delle altre vittime"
  31. Schianto autobus, morta la viterbese Elisa Scarascia Mugnozza
  32. Si schianta bus in Spagna, sette italiane tra le vittime
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR