--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Graffignano - Le telecamere di Sky in località Pascolaro

Campi di grano vicino ai terreni contaminati

Condividi la notizia:

Graffignano - Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano – Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano - Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano – Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano - Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano – Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano - Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro - Il pm Stefano D'Arma

Graffignano – Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro – Il pm Stefano D’Arma

Graffignano - Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano – Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro – Marco Avanzo, primo dirigente della forestale

Graffignano - Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano – Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro

Graffignano - Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro - Renato Sciunnach, della forestale

Graffignano – Il servizio di Sky Tg24 sui terreni contaminati in località Pascolaro – Renato Sciunnach, della forestale

Graffignano – Sono arrivate le telecamere di Sky sui terreni contaminati in località Pascolaro.

Sull’area che finì al centro delle indagini della forestale, tra il 2006 e il 2007, riaccende i riflettori lo speciale di Sky Tg24, andato in onda nei giorni scorsi: 20mila tonnellate di rifiuti sversati, spalmati con le macchine operatrici e ricoperti dalla terra, come spiegò l’allora comandante del Nipaf di Viterbo Marco Avanzo al processo contro gli imprenditori imputati, i fratelli Nocchi.

La vicenda giudiziaria è finita nel dimenticatoio della prescrizione. Nei processi per traffico illecito di rifiuti è la regola: i tempi delle indagini, delle analisi e del processo raramente restano contenuti nel termine massimo dei sette anni e mezzo oltre i quali si sprofonda nell’abisso.

Lo scempio è documentato. Il colpevole inesistente.
A dieci anni dalle indagini, niente è stato fatto per rimuovere quei rifiuti dalla terra, perché la bonifica costa. Non solo: secondo il servizio di Sky, a due passi dai campi appestati, si continua a coltivare.

“E’ tutto fermo”, garantisce Federico Grazioli, presidente di Agriconsulting Spa e amministratore dei terreni confinanti con quelli contaminati del Pascolaro. Ma quando il giornalista Fabio Vitale gli fa notare che ci sono tuttora colture di grano, alla fine, deve ammette: “Sì, un pezzetto sì”. Secondo Avanzo, un tempo, si coltivavano anche pomodori nella stessa zona, a pochi metri da quei terreni usati come pattumiera.

Già i risultati delle analisi dell’Arpa, eseguite anni fa, non erano rassicuranti: il pm Stefano D’Arma ha contestato il traffico illecito di rifiuti non pericolosi, nessun disastro ambientale. Ma i fanghi e gli altri tipi di scarti sversati al Pascolaro sono stati interrati così in profondità da lambire le falde acquifere. I forestali, tornati sul posto con la troupe di Sky, hanno ripetuto le analisi: nei campi accanto a quelli sequestrati nel 2006 ci sarebbero concentrazioni di stagno, antimonio e cadmio superiori al limite consentito. . “Coltivare vicino a un’area come questa è potenzialmente molto rischioso”, conclude Renato Sciunnach, del corpo forestale dello stato.


Condividi la notizia:
11 aprile, 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR