Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Amministrative - Vasanello - La candidata sindaco Alessandra Mecocci spiega i punti del suo programma in vista delle elezioni

“Concretezza, trasparenza, partecipazione e… speranza”

Condividi la notizia:

Vasanello - Alessandra Mecocci

Vasanello – Alessandra Mecocci

Vasanello – (p.p.) – “Concretezza, trasparenza, coerenza, partecipazione e… speranza”.

Sono queste la parole chiave dell’avventura elettorale di Alessandra Mecocci, candidata a sindaco di Vasanello per le prossime amministrative.

Si dice espressione di “quel mondo civico ricco di potenzialità troppo spesso inespresse” e spera di amministrare col coinvolgimento dei cittadini per far sì che il paese riparta dalle semplici cose e soprattutto dalle persone.

Chi è Alessandra Mecocci?
“Ho 48 anni – dice -, sono laureata in Lingue all’università della Tuscia, sposata e con due figli, che sono il mio orgoglio. Insegno da tanti anni nella scuola primaria del mio paese e ho due grandi passioni: la lettura e l’insegnamento. La mia professione infatti somiglia più a una passione che a un impiego, soprattutto perché mi permette di stare a contatto quotidianamente con la parte migliore del mondo, i bambini.

Sono loro a contagiarmi con l’entusiasmo che gli appartiene, lo stesso che mi accompagna in tutte le esperienze della vita. Dal punto di vista politico, posso essere tranquillamente collocata in un contesto progressista e cattolico, di centrosinistra per essere più chiari. Non ho mai ricoperto ruoli pubblici né in passate amministrazioni, né in gruppi politici ma sono di sicuro “politicamente attiva”: secondo me infatti, chi vuole vivere “con” le altre persone, non “sopra”, né “accanto” o, peggio, “altrove”, chi conduce la propria vita insieme a quella degli uomini e delle donne comuni, non può non occuparsi di politica, non può non sentirsi in dovere di impegnarsi civicamente, di sentirsi al servizio della propria comunità”.

Perché ha deciso di scendere in campo?
“La mia decisione di candidarmi a sindaco di Vasanello nasce proprio da questa idea di politica e dal desiderio di testimoniare con l’esempio, soprattutto ai miei figli, che quando si crede veramente in qualcosa vale la pena metterci la faccia e assumersi delle responsabilità”.

Con quale coalizione scende in campo?
“Sono la candidata a sindaco di una lista progressista ed espressione di quel mondo civico ricco di potenzialità troppo spesso inespresse”.

Su cosa si fonda il suo programma?
“Il programma della lista “Vasanello che Vorrei” ruota attorno a cardini insostituibili, ma è allo stesso modo materia in movimento: è fondato sulla volontà di tradurre valori e programmi in azioni, in modo coerente e trasparente, così da riattivare i circuiti di vita civile e contribuire ad una migliore gestione (economica, finanziaria ed amministrativa) della cosa pubblica.

Ma il nostro programma è soprattutto partecipato, condiviso cioè con le persone, per dare voce alle cose che le persone hanno a cuore. Questo tentativo di ampliamento degli spazi progettuali e decisionali è il metodo “atipico” con cui abbiamo scelto di costruire questa materia in movimento: ascoltando cioè esigenze e idee di tutti i cittadini in modo sistematico: con riunioni settimanali di un comitato nato ad hoc per il progetto; attraverso il nostro sito e, infine, tramite incontri nelle piazze dei quattro quartieri, durante l’itinerante Vasanello ascolta Vasanello. Vogliamo cioè che ogni cittadino si senta coinvolto nella programmazione per il nostro paese nei prossimi cinque anni e che, effettivamente, abbia modo e strumenti per farlo”.

Arsenico e rifiuti, come stanno le cose e cosa c’è da fare?
“Nella differenziata sono stati fatti sicuramente dei progressi, come nel resto dei comuni della nostra provincia. Credo però che l’attuale gestione vada rivista e ottimizzata: a fronte di una spesa non da poco, i livelli di differenziata non sono tali da renderci un comune virtuoso.

Inoltre, tra i cittadini è forte il disagio per la mancanza di un’isola ecologica nel territorio comunale. Esigenza che dovrà essere considerata nella revisione della gestione complessiva, che intendiamo attuare appena insediati, per rientrare fin da subito tra i comuni “ricicloni”.

Crediamo anche, però, che non sia importante soltanto gestire; è soprattutto nell’educare la cittadinanza che si può centrare l’obiettivo più importante: diventare un comune a rifiuti zero. Per quanto riguarda l’arsenico ci troviamo appena sotto il limite dei 10mg fissati dalla legge; se questo può renderci più fortunati rispetto a molti paesi limitrofi, il mio intento è quello di non abbassare la guardia rispetto a un problema che comporta implicazioni sanitarie di non poco conto”.

Priorità da attuare.
“Dagli incontri che abbiamo con i nostri concittadini, emerge chiaramente come la mancanza di spazi di aggregazione per i giovani sia uno dei problemi principali del nostro paese, accanto alla riqualificazione di alcuni edifici comunali che potrebbero essere adibiti a questo. Non va, inoltre, dimenticata anche la riprogettazione della centrale piazza della Repubblica con lo spostamento del mercato. Questioni che devono essere affrontate senza imporre decisioni dall’alto, ma coinvolgendo concretamente tutti i cittadini e le categorie portatrici di interessi”.

Quali le principali mancanze della precedente amministrazione?
“Sottolineare le mancanze della precedente amministrazione è un’attività che non vorrei si perdesse nel mare magnum delle recriminazioni, senza costrutto. Di sicuro, con il trascorrere del tempo, questa campagna elettorale mi darà modo di affrontare con dovizia di particolari tutto quello che ho trovato essere stridente soprattutto con alcune tematiche a noi davvero care.

D’altro canto, reputo i miei compaesani vasanellesi assolutamente in grado di tirare le dovute somme, valutando in modo onesto cosa ha funzionato e cosa invece no. Doveroso invece sottolineare come il nostro sarà un modo completamente diverso di amministrare: insieme ai cittadini e attraverso loro; per questo introdurremo da subito il bilancio socio-partecipativo, cioè dedicheremo una quota del bilancio comunale alla gestione diretta dei cittadini, perché lo usino per fare quello che ritengono più importante per il paese.

Inoltre, tutti noi amministratori sottoscriveremo con atto ufficiale (deliberazione giunta comunale) un “Codice etico per la buona condotta”: renderemo perciò concreto il nostro impegno a contrastare nei fatti conflitti di interesse, clientelismo e pressioni indebite”.

In cinque parole come descriverebbe la sua esperienza amministrativa?
“Le parole chiave della nostra squadra sono e saranno: concretezza per tradurre valori e programmi in azioni; coerenza, per comportarsi come si è, non per come si è deciso di essere; trasparenza, per riattivare i circuiti di vita civile che contribuiscano ad una migliore gestione della cosa pubblica; partecipazione, per ampliare gli spazi progettuali e decisionali dando voce alle cose che sono a cuore della gente; speranza, per sottoscrivere un patto fra persone diverse (nuove) attraverso un nuovo sistema sociale”.

Cosa sogn per il tuo paese.
“Vorrei che Vasanello ripartisse dalle cose semplici, dalla quotidianità, da dettagli troppo spesso sacrificati sull’altare delle grandi opere, dei proclami distanti anni luce dalla realtà: in una parola – conclude Mecocci – che ripartisse dalle persone”.


Condividi la notizia:
7 aprile, 2016

Amministrative 2016 ... Gli articoli

  1. Candidati in due paesi diversi ma medesimo programma
  2. "Aquilani e FI puniti per non avere voluto cambiare"
  3. Stelliferi il più votato - Maggi il più giovane
  4. Lucia Catanesi superstar a Marta
  5. Giachetti stai sereno… Firmato Fioroni
  6. Le preferenze e gli eletti comune per comune
  7. “Battistoni ha distrutto il partito, si dimetta”
  8. Giovani, turismo, lavoro
  9. "Con Moderati e riformisti avremmo vinto ovunque"
  10. "Montefiascone sconfitta pesante e inaspettata"
  11. "Siamo soddisfatti..."
  12. Montefiascone - Massimo Paolini sindaco
  13. Orte - Angelo Giuliani sindaco
  14. Valentano - Francesco Pacchiarelli sindaco
  15. Fabrica di Roma - Mario Scarnati sindaco
  16. Canino - Lina Novelli sindaca
  17. Cimarello sconfitto per 30 voti
  18. Oriolo Romano - Emanuele Rallo sindaco
  19. Vitorchiano - Ruggero Grassotti sindaco
  20. Vetralla - Franco Coppari sindaco
  21. Marta - Maurizio Lacchini sindaco
  22. Gallese - Danilo Piersanti sindaco
  23. Soriano - Fabio Menicacci sindaco
  24. Caprarola - Eugenio Stelliferi sindaco
  25. Vasanello - Antonio Porri sindaco
  26. Proceno - Cinzia Pellegrini sindaca
  27. Faleria - Marco Del Vecchio sindaco
  28. Lubriano - Valentino Gasparri sindaco
  29. Arlena di Castro - Publio Cascianelli sindaco
  30. Acquapendente - Angelo Ghinassi sindaco
  31. Carbognano - Agostino Gasbarri sindaco
  32. Corchiano - Paolo Parretti sindaco
  33. Bassano Romano - Emanuele Maggi sindaco
  34. Ha votato il 76,15%
  35. Alle 19 ha votato il 57,17%
  36. Alle ore 12 ha votato il 21,72%
  37. Più di 86mila viterbesi al voto
  38. L'affluenza e i risultati in tempo reale
  39. Incursione di Sgarbi a Vasanello
  40. La carica di 50enni e 60enni
  41. "Non partecipiamo per rispettare i nostri principi"
  42. "Continueremo a esserci, non saremo semplici spettatori"
  43. Respinto il ricorso per la lista di Paola Marchetti
  44. Il ministro Andrea Orlando a Viterbo
  45. "Movimento 5 stelle non partecipa alle comunali di Canino"
  46. Manca una firma, la lista di Paola Marchetti esclusa
  47. 5 candidati a Montefiascone, Vitorchiano, Marta, Soriano e Vetralla
  48. A Corchiano sinistra divisa in due
  49. Tutte le liste delle amministrative
  50. Una giovane donna, un 24enne, un commercialista
  51. Elezioni comunali, è carica degli ex sindaci
  52. "Con Scarnati il paese è crollato"
  53. Dino Primieri candidato sindaco di Orte
  54. Ruggero Grassotti candidato sindaco, si presenta
  55. Amministrative, si vota il 5 giugno
  56. 21 comuni della Tuscia al voto nel 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR