Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Pallavolo - Serie A2 - Alla vigilia della prima gara dei play-off, la storia di come nasce "Oltre la rete"

Tuscania volley, genesi di un inno

Condividi la notizia:

Sport - Pallavolo - La tifoseria del Tuscania volley mentre canta "Oltre la rete"

Sport – Pallavolo – La tifoseria del Tuscania volley mentre canta “Oltre la rete” 

Sport - Pallavolo - I ragazzi del Tuscania volley durante il derby

Sport – Pallavolo – I ragazzi del Tuscania volley 

Sport - Pallavolo - I ragazzi del Tuscania volley

Sport – Pallavolo – I ragazzi del Tuscania volley 

Tuscania – Riceviamo e pubblichiamo – Tuscania volley, genesi di un inno.

“Pronto?”.

“Ciao Antonella, sono Mario, volevo avvisarti che ho appena completato la base musicale dell’inno del Tuscania volley, ora ci sarebbero da aggiungere le parole”.

D’accordo, ma come dovranno essere queste parole?“.

“Dovranno trasmettere una carica unica nel suo genere, la voglia di vincere sempre e dovunque. Ogni giocatore dovrà avere la certezza che quelle parole sono state scritte appositamente per lui. La squadra dovrà sentire il meglio del tifo, la Bolgia, a sostegno di ogni sfida. Il ritornello sarà una carica esplosiva di musica, cantato da tutti, grandi e bambini, urlando la voglia di vincere, di mandare sempre la palla oltre la rete“.

“Capito, e per quando dovrà essere pronto l’inno del Tuscania Volley?”.

“Facciamo per domani, ok?”.

La telefonata tra il professor Stendardi e la dottoressa Troise è l’esempio di come le cose nascano all’improvviso, spontanee e meravigliose, quando sono seminate nel flusso della corrente dell’entusiasmo.

La serie A2 era appena stata conquistata e a Tuscania ancora le persone non riuscivano a chiudere occhio la notte, vuoi per il gran caldo di quel giugno del 2014 ma più probabilmente perché ancora a tutti scorreva negli occhi il film di quell’ultima palla caduta nel palazzetto di via Dell’Olivo.

Quell’ultima palla era caduta e mentre il palazzetto esplodeva Mario Stendardi già rimuginava su come creare qualcosa che sarebbe rimasto al suo paese, a come poter glorificare quella vittoria e come poter fermare quel momento creando quello che sarebbe stato il punto di unione di tutti i tifosi che sarebbero venuti al palazzetto a vedere la prima serie A di pallavolo di Tuscania.

Mario e Antonella si sono sentiti.

Mario, che da sempre è stato uno dei supporter più impegnati, presente da anni con moglie e figli alle partite ha creato e messo in musica (e ci pensava già da prima della suddetta “ultima palla”) l’inno del Volley, cucito sulla sua squadra.

Antonella, persona di straordinaria sensibilità, ha aggiunto un testo immediato molto fruibile e pieno di entusiasmo, facile da cantare e memorizzare.

E’ nato così, dalla collaborazione del maestro Mario Stendardi e Antonella Troise e con la partecipazione straordinaria del tenore Alberto Marucci e di Vincenzo Lodolini alle chitarre “Oltre la rete”, l’inno del Tuscania volley, cantato a squarciagola dalla tifoseria di Tuscania.

Antonella Troise, veterinario, coltiva da sempre la passione per la scrittura.

La collaborazione con Mario Stendardi inizia per caso, creando velocemente un vasto repertorio di canzoni e testi dedicati ai bambini, presentati nelle scuole nei progetti musicali gestiti dallo stesso Mario Stendardi.

La ninna nanna “Dormi piccolo” è stata tradotta in inglese.

Nel tempo la sua attenzione si è spostata verso canzoni per un pubblico adulto.

Nel 2012 “La tua forza al mio fianco”, cantata dal tenore Alberto Marucci e dal soprano Antonietta Guglielmo con la coreografia dei Cavalieri della Maremma, è stata scelta al Galà d’Oro della Fiera Cavalli di Verona come brano di apertura.

Mario Stendardi, musicista, ha studiato pianoforte ed é docente Steinberg specializzato in informatica musicale.

Oltre all’attività didattica da qualche anno realizza delle produzioni musicali nel suo studio di registrazione “Andelain”.

Ha collaborato con Linda Wesley, il maestro Donato Renzetti, Arnoldo Foá e altri artisti. Ultimamente lavora in stretta collaborazione con don Giosy Cento con cui ha realizzato come arrangiatore il cd “Non cercate me”, canzoni per mamma Natuzza.

Come compositore in questi ultimi anni collabora con Antonio Giarola regista del Gala d’oro di Verona Fieracavalli e Nuit Du Cheval di Parigi e ad alcuni spettacoli circensi dei circhi più famosi d’Europa, con cui realizza le musiche per alcune esibizioni.

Sue sono le musiche dei Cavalieri della Maremma ospiti di Verona Fieracavalli e Romacavalli.

Tuscania volley


Condividi la notizia:
2 aprile, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR