Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitavecchia - L'ex sindaco davanti al pm

Nuovo interrogatorio per Moscherini

Condividi la notizia:

Civitavecchia - Gianni Moscherini

Civitavecchia – Gianni Moscherini

Civitavecchia – Nuovo interrogatorio per Gianni Moscherini.

L’ex sindaco di Civitavecchia è comparso ieri mattina davanti al pm Lorenzo Del Giudice, titolare del fascicolo che vede Moscherini indagato insieme al suo ex assessore Vincenzo De Francesco per tentata estorsione e minacce finalizzate a commettere un reato.

Le vittime sarebbero il presidente dell’autorità portuale Pasqualino Monti e il segretario generale Maurizio Ievolella.

Moscherini sarebbe stato chiamato in procura per dare alcuni chiarimenti al magistrato.

Ha risposto alle domande e ribadito la versione già resa davanti al gip all’interrogatorio di garanzia: nessuna minaccia, ma solo il consiglio a Monti di fare attenzione a presunte irregolarità nell’esecuzione dei lavori al porto.

Secondo le indagini, Moscherini e De Francesco avrebbero fatto pressioni per far utilizzare un cavatore viterbese come fornitore di materiali dalle imprese che facevano lavori al porto di Civitavecchia o per promuovere l’€™acquisto della cava stessa da parte delle ditte appaltatrici dei lavori al porto.

Un affare da 20 milioni di euro e l’€™8 per cento sarebbe andato a Moscherini in forza di un contratto di mediazione con la cava.

Per meglio convincere il presidente e il segretario, Moscherini e De Francesco avrebbero lasciato a intendere di avere documenti utili a presentare una denuncia. Denuncia che è effettivamente partita. Tra gli indagati, anche l’€™avvocato che l’€™ha sporta, Roberto Abbruzzese.

Moscherini e De Francesco, messi ai domiciliari, sono stati liberati pochi giorni dopo dal tribunale del riesame, che annullò l’ordinanza d’arresto.

L’inchiesta continua.


Condividi la notizia:
5 maggio, 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR